Lunedì, 13 Novembre 2017 10:21

Vieste/ Aldo Ragni (PD): "Saltato l'incontro con Viesteseitu, avremmo provato ad impostare un rapporto normale tra una forza di maggioranza ed una di minoranza".

Qualche giorno fa con un post su Facebook il coordinatore di Viesteseitu Agostino Silvestri rivolgendosi a me e ad altri dirigenti del PD scriveva che era arrivato il tempo di maturare la consapevolezza che per gli interessi della nostra città e per il benessere dei cittadini bisogna muoversi in maniera compatta.
A fronte di questa sua aspirazione ho scritto al coordinatore di Viesteseitu che ci saremmo potuti incontrare Lunedì 13 novembre presso la sede del PD. La mia non era una provocazione come qualcuno ha pensato ma la dimostrazione ancora una volta di come il PD quando si tratta di discutere degli interessi della nostra città non si tira mai indietro ed è disponibile a confrontarsi con chiunque, come normalmente facciamo. Ma evidentemente il coordinatore di Viesteseitu, animato secondo me da una sincera e genuina disponibilità, parlava a titolo personale vista la risposta che mi ha appena recapitato attraverso whatsapp: “Le circostanze politiche - scrive Agostino - e i rapporti interpersonali non consentono questo incontro”. Io dico, peccato. Peccato perché dimostra che ha ragione chi sostiene che chi governa la nostra città vive con fastidio ed insofferenza chi rappresenta un altro punto di vista. Come è noto ho promosso e sostenuto un’altra coalizione alle scorse amministrative ma non appartengo a coloro i quali sperano che le cose vadano male o ritiene a prescindere che ciò che fanno gli altri sia sbagliato. Ci sono infatti cose che apprezzo di questa Amministrazione ma se ci fossimo incontrati, caro Agostino, ti avrei fatto notare che a distanza di un anno e mezzo dalle elezioni amministrative al di là di manifestazioni spot e qualche evento ancora non si capisce quale idea di città avete in mente. Che il rapporto di sudditanza nei confronti del Presidente della Regione Emiliano e dell’assessore Piemontese non può essere coltivato a danno degli interessi dei nostri concittadini che hanno il diritto, ad esempio, ad una qualità dell’offerta sanitaria che non può essere scadente come quella che ci viene offerta oggi e che ci sarà offerta anche domani visti i progetti regionali. Che quando un comitato civico promuove un incontro pubblico il Sindaco ha il dovere, e secondo me anche l’interesse, di andare ad ascoltare quei cittadini. Avremmo potuto gettare le basi per un confronto costruttivo pur nel rispetto dei ruoli essendo e restando noi una forza di opposizione. So che se fosse dipeso da te questo incontro ci sarebbe stato. Dimenticavo, vi avremmo anche spiegato che il tentativo di intromissione e di occupazione del circolo del PD da parte di frange di Viesteseitu è quanto di più lontano e contrario dai più elementari principi democratici. Insomma, avremmo provato ad impostare un rapporto normale tra una forza di maggioranza ed una di minoranza. Ed è grave, caro Agostino, che si mescolano le circostanze politiche con i rapporti personali perché nella battaglia politica soprattutto chi governa, e rappresenta quindi tutti i cittadini, dovrebbe tenere fuori e salvaguardare i rapporti personali.

Aldo Ragni
Componente Direzione Regionale PD Puglia

Ondaradio consiglia...

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Lungomare Europa - Marina di Vieste - Lotto 24 - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 705248 - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005