Giovedì, 20 Dicembre 2018 08:38

Carpino, irrompono i Carabinieri al Comune: 10 arresti (2)

Undici persone arrestate per assen­teismo. È il bilancio di una operazione dei carabinieri coor­dinati dalla Procura di Foggia. Ai domiciliari, in esecuzione delle ordinanze cautelari emesse dal Gip presso il Tribunale di Foggia, sono finiti il responsabile dell’ufficio ragioneria del Comune di Carpino, altri nove impiegati del Municipio e il responsabile locale del Centro per l’impiego: Angelo D’Antuono, responsabile ufficio ragioneria, Piero Vivoli, Michele Simone, Anna Rita Di Viesti, Giuseppe Caputo, Michele Di Brina, Antonio Maccarone, Domenico Delle Fave, Marisa La Torre e Nicola Martella, quest’ultimo responsabile locale del Centro per l’impiego, ufficio ospitato sempre presso il Pa­lazzo. Gli interrogatori di garanzia cominceranno domani. Sembra che ad aver dato il via alle indagini sia stata una denuncia inviata un paio di mesi fa. Per trovare una risposta alle tante accuse sollevate, gli investigatori hanno iniziato a monitorare l’attività dei poco numerosi impiegati in servizio negli uffici comunali. Da quelle indagini gli inquirenti hanno appurato che la situazione non fosse così tanto normale. Gli indagati, secondo il Gip, «attraverso artifici e raggiri con­sistiti nel registrare e quindi attestare la loro continuativa presenza negli uffici del Comune, attraverso il passaggio a inizio e fine giornata del personale badge magnetico nel si­stema di rilevazione elettronico, e nel volontariamente non reiterare la prescritta timbratura per attestare le uscite che effettuavano nel corso della giornata, inducevano in errore il Comune di Carpino in quanto si allontanavano dal luogo di lavoro reiteratamente, per recarsi a svolgere attività privata, e comunque non relativa ai loro compiti di servizio, pro­curandosi così un ingiusto profitto».

«Qui al Comune di Carpino lavorano complessivamente 25 persone tra impiegati comunali e agenti di polizia locale. Si­gnifica quindi che quasi la metà dei dipendenti è stata ar­restata. Stiamo cercando di riorganizzare il lavoro comunale per assicurare ai cittadini i servizi minimi come l’ufficio ana­grafe e la segreteria», è il commento del sindaco Rocco Di Brina all’operazione condotta dai carabinieri. Un vero e pro­prio terremoto che, di fatto, si ripercuote sulla comunità, con una vera e propria riorganizzazione dei servizi nell’edificio di via Municipio 15. Carpino è un piccolo Comune che fa parte del Parco na­zionale del Gargano con poco più di 4.100 abitanti. «Non entro nel merito dell’inchiesta anche perché non ho ancora letto alcun documento - ha detto ancora il primo cit­tadino -. Oggi la mia sola preoccupazione è di garantire che la macchina amministrativa continui a funzionare». Insomma, affinché la situazione si stabilizzi occorrerà del tempo anche perché non è così facile coprire tutti i servizi ora vacanti. «Motivo per cui - ha concluso - ho contattato anche sindaci dei Comuni limitrofi per coadiuvarci e dislocare qui a Carpino del loro personale perché non posso permettere che l’ente si paralizzi».

Antonio DAmico

gazzettamezzogiorno

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005