Mercoledì, 12 Settembre 2018 10:26

Vieste/ I retroscena dell’inchiesta con l’arresto di 7 presunti appartenenti al gruppo Perna (5). 7 arresti e 10 imputazioni. Contestata aggravante della mafiosità per metodi usati e per aver agevolato clan Perna.

Sette arrestati per 10 capi d’imputazione. L’indagine «Agosto di fuoco» di Dda e squadra mobile ha portato in carcere i viestani Claudio Iannoli, 42 anni; il cugino Giovanni Iannoli 32 anni (già fermati su decreti della Dda il 21 agosto e ora destinatari delle ordi­nanze cautelari bis firmate dal gip di Bari); Giovannantonio Cariglia, 22 anni; Raffaele Giorgio Prencipe, 34 anni; Carmine Romano, 48 anni; Giuseppe Stramacchia, 32 anni; e Stefan Cealicu, 43 anni, romeno pu­re domiciliato a Vieste.

Tutti, tranne Cariglia, sono accu­sati di traffico di droga per essersi «associati allo scopo di commettere più delitti di detenzione per finalità di spaccio e vendita a terzi di con­siderevoli quantitativi di cocaina e marijuana» contesta la Dda, attri­buendo ai cugini Iannoli il ruolo «di organizzatori che raccordavano l’at­tività dei sodali cui assicuravano co­stante appoggio logistico nelle rispet­tive abitazioni, intrattenevano i con­tatti con fornitori e intermediari, for­nivano indicazioni operative quanto ai canali di approvvigionamento, modalità di occultamento e reti di distribuzione della droga». Prencipe, Stramacchia, Cealicu e Romano sono ritenuti «partecipi» del clan «con com­piti di approvvigionamento, occul­tamento, taglio, confezionamento, di­stribuzione agli intermediari minori e spaccio sulle piazze locali», per fatti che vanno dal maggio 2018 ad oggi. Prencipe risponde poi di 6 singoli episodi di spaccio e o detenzione a fini di spaccio: due da solo, un terzo in concorso con Cealicu, un quarto con i cugini Iannoli e Stramacchia; un quinto ancora con gli Iannoli; e un sesto sempre in concorso con i cugini Iannoli, e Romano. Sono infine tre le accuse di detenzione e porto illegale di armi, sia fucili sia pistola: di una rispondono in corso ancora Prencipe e Cealicu; di una seconda i soli cugini Iannoli; e la terza vede indagato Ca­riglia (estraneo al filone della droga) che su incarico di Giovanni Iannoli avrebbe prelevato una pistola dal nascondiglio per consegnarla a Claudio Iannoli. I pubblici ministeri della Direzio­ne distrettuale antimafia contestano l’aggravante della mafiosità a tutti e 7 gli indagati in relazione al traffico di droga ed al possesso di fucili e pistole. Secondo la Dda infatti i reati sono stati commesso «con metodi mafiosi ed al fine di agevolare la più vasta compagine criminale facente capo a Girolamo Perna nell’ambito della violenta guerra di mafia intercorso con la fazione contrapposta facente capo a Marco Raduano per il con­trollo egemonico del territorio di Vie­ste e l’assunzione del monopolio in paese nella gestione e nel commercio degli stupefacenti».

Ondaradio consiglia...

Osteria degli Archi

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005