Fidati dello specialista delle decorazioni da festa per bambini ed adulti. Che si tratti di festeggiare il tuo MATRIMONIO, un compleanno, una ricorrenza, un giorno speciale in famiglia o un'occasione tra amici, LA GARGANOPARTY ti propone tutto il necessario per una decorazione festiva eccezionale.

Alla GARGANICA trovi i fiori più belli e di ogni tipo, proposte uniche create per soddisfare tutte le esigenze...addobbi floreali , splendide composizioni e accurati per sale da ricevimento , camere d’albergo, matrimoni tutto con consegna a domicilio gratuita !

La Garganica un mondo di servizi in più... a domicilio!

La Garganica in via Verdi a Vieste, telefono: O884/701740 – 340/6232075

Pubblicato in Avvisi

Per il nono anno con­secutivo la Misericordia di Orta Nova ha attivato il campo scuola “Anche io sono la Protezione Ci­vile”, dedicato ai ragazzi dagli 11 ai 13 anni. Finanziato dal Dipar­timento Nazionale di Protezione Civile, con il contributo econo­mico della confraternita ortese, il campo scuola ha la finalità di edu­care i più piccoli alle buone pra­tiche civiche, al rispetto dell’am­biente e ai comportamenti da te­nere in caso di calamità. Anche quest’anno si tiene pres­so il Camping Baia degli Aranci in Vieste. Partecipano 22 ragazzi in età delle scuole medie, i cui genitori nei giorni prima della partenza sono stati presso la sede di Via Puglie per ricevere le istru­zioni e i consigli utili. I parte­cipanti si sono già immersi nel fitto programma che prevede di­versi momenti educativi a cura delle forze dell’ordine che opera­no sul territorio, a cui si aggiunge la supervisione di cinque educa­tori dell’associazione ortese: An­gelo Freda (capo campo), Antonio Lasalvia, Naomi Cordisco, Mela­nia Rizzitiello, Gianluca Russo. “Teniamo particolarmente a questa attività perché serve a formare i cittadini di domani” - spie­ga il Governatore, Giuseppe Lopopolo. “Purtroppo anche a scuo­la spesso mancano dei momenti di educazione civica e questo ha delle ricadute sulla formazione dei ragazzi che non sanno quanto sia importante avere un ruolo at­tivo nella tutela dell’ambiente, del territorio e della collettività”. Il programma del campo scuola 2018 prevede, come negli anni passati, dei momenti di intratte­nimento ed altri di apprendimen­to, con visite guidate e lezioni frontali in compagnia di funzio­nari della Polizia di Stato, Guar­dia di Finanza, Carabinieri, Cor­po Forestale, Vigili del Fuoco e militari dell’Aeronautica. In par­ticolare, durante la prima giornata, i partecipanti hanno visi­tato “Posta la Via”, un’azienda agricola dove i frati di San Giovanni Rotondo portano avanti una fattoria didattica a chilome­tro zero con un particolare propensione verso il rispetto dell’am­biente. Subito dopo, la delegazio­ne si è spostata verso l’Oasi Lago Salso per conoscere tutte le straordinarie meraviglie della fauna e della flora locale. I partecipanti sono stati anche a Vico del Gargano per visitare la Ca­serma dei Vigili del Fuoco. Inoltre, nel corso delle visite didat­tiche i ragazzi hanno avuto modo di entrare anche all’interno della Aeroporto Militare del 32° Stor­mo di Foggia-Amendola.

Pubblicato in Ambiente
Sabato, 04 Agosto 2018 10:07

Vieste/ Questa sera chiude ANTIQUARIANDO

L’esposizione-vendita alla Marina Piccola di Vieste, il mercatino dell’ANTICO, chiude questa sera la sua IV edizione.

Pubblicato in Avvisi

Sarà Italia-Francia la finale della quarta edizione del Mundial Beach Soccer di Vieste. Le due rappresentative hanno conquistato l’accesso battendo rispettivamente il Brasile per 3-0 e l’Austria per 6-3 al termine di un match altamente spettacolare.

Occhi puntati sugli ex calciatori di serie A: su tutti Angelo Di Livio, ma grandi applausi ci sono stati anche per David Di Michele, Mauro Esposito, Massimiliano Tangorra (autori di un gol a testa) ma il vero mattatore è stato il giovane Belardinelli autore di tre splendidi gol.

La finale avrà inizio alle ore 18, preceduta da Austria-Brasile che si contenderanno il terzo posto. Tutte le partite si disputano nella Vieste Beach Arena (adiacente al Lido Cristalda sul lungomare Europa) con ingresso gratuito sugli spalti. Inoltre vengono riprese da Sky Sport che le trasmetterà nei prossimi giorni.

Risultati e tabellini delle semifinali:.

Francia-Brasile 3-0
FRANCIA: 1.Ferry, 3. Kaabi, 5. De Marcellis N., 7.  Boucenna, 11. De Marcellis A., 15. Franzoni, 18. Marangoni, 21 Bertei, 26. Montoya. All. Yvon Franzoni.
BRASILE: 1. Augusto, 2. Thiago, 3. Gabriel, 4. Victor, 5. Camargo, 6. Garden, 7. De Almeida, 8. Junior. All. Roberto Scelfo.
ARBITRI: Brandi e Balzamonti (Silvestroni)
MARCATORI: 1’ pt Ferry, 6’ st Marangoni, 4’ tt Montoya (rig).

Italia-Austria 6-3
ITALIA: 1. Lorusso, 2. Tangorra, 3. Prosperi, 4. Toppi, 6. Esposito, 7. Di Livio, 9. Belardinelli, 10. Di Michele. All. Maurizio Iorio.
AUSTRIA: 1. Stummer, 6. Baturischvilli, 8. Dervisevic, 9. Gikasvhilli, 10. Dogan, 11. Ristovski, 20. Vaojnovic, 27. Cvejanovic.
ARBITRI: Silvestroni e Gargiulo (Brandi).
MARCATORI: 2’ pt Esposito, 5’ pt Belardinelli, 8’ pt Di Michele, 12’ pt Delic, 2’ st Dervisevic, 3’ st Belardinelli, 6’ st Belardinelli, 7’ st Gikasvhilli, 12’ tt Tangorra.

Pubblicato in Sport

Il business delle case va­canza non perde colpi ma nel 2018 a livello nazionale i prez­zi di mercato delle abitazioni turistiche hanno fatto segna­re una flessione del 2,5 per cento rispetto al 2017. In que­sto contesto, però, la Puglia tiene con un calo di appena lo 0,4%. Non solo: in Puglia la flessione media delle quota­zioni si è annullata a Ostuni, Vieste, Manfredonia, Peschi­ci e San Giovanni Rotondo. La fotografia emerge dal­l’Osservatorio immobiliare turistico sul mercato delle ca­se vacanza presentato ieri a Roma da Fimaa-Confcommercio e Nomisma. Prezzi accessibili in Puglia che con­sentono di far crescere i flus­si turistici. Difatti nessuna lo­calità turistica pugliese, dal Gargano al Salento, è nella top ten delle case che costa­no di più. Una classifica gui­data da Margherita Ligure dove il prezzo medio per comprare un casa è di 13 mila euro al metro quadro. Subito dopo ci sono Capri con 12.800 euro al metro quadro e Forte dei Marmi con 12.700.

Ciononostante, la Puglia resta una delle mete estive più predilette. «Anche que­st’anno la Puglia si conferma la meta prediletta delle va­canze estive per quella fetta di italiani che sceglie di tra­scorrere la villeggiatura nel nostro paese», spiega in una nota il Codacons, che ha rea­lizzato il consueto studio sul­le destinazioni vacanziere e sulla spesa della famiglie. Che poi scende nei dettagli: «Sono 34 milioni gli italiani che si concederanno una va­canza in questa estate 2018, generando un giro d’affari complessivo pari a 23,9 mi­liardi di euro. Di questi il 70% sceglie il mare, e circa il 60% dei vacanzieri rimarrà in Ita­lia. Tra le destinazioni favori­te del nostro paese, la Puglia si conferma in cima alle pre­ferenze degli italiani e sarà scelta dal 20% delle famiglie, seguita da Sicilia, Toscana e Liguria. Tra le mete estere Grecia sempre in pole posi­tion (28%), seguita da Croazia (2490) e Spagna (20%)».

Santino Taverna, presiden­te di Fimaa-Confcommercio, conferma il momento magi­co della Puglia. Dice: «A turi­smo si conferma dunque la prima industria del Paese. Si­cilia, Puglia, Toscana, Emilia Romagna, Sardegna, Campa­nia, Trentino Alto Agide e Ca­labria sono le regioni preferi­te nella stagione estiva, insieme alle località lacustri del Nord Italia». L’Osservatorio di Confcommercio-Nomisma ha rilevato che nel 2018, il prezzo medio per l’acquisto di un’abitazione turistica in Italia si attesta a 2.173 euro al metro quadrato commercia­le, con un trend dei prezzi di vendita delle case per vacan­za in ulteriore contrazione: il dato medio fa segnare una flessione annua pari a -2,5%.

L’Umbria è la regione che ha registrato il calo più intenso (-4,5%), a seguire Abruzzo e Lazio (-4,0%) e Sardegna (-3,5%). Gallipoli, Vieste, Otranto, e Ostimi, inoltre, sono tra le lo­calità turistiche più richieste per le case vacanza last minute. Lo dice un’indagine di Subito.it secondo cui la meta più ambita a livello nazionale resta Jesolo, seguita da Villasimius, Gaeta, Palinuro, Terracina, Scalea, Ischia e Tro­pea. Il Lazio è la regione che vanta il maggior numero di località con ben 8 destinazio­ni tra le prime 50 più ricerca­te su Subito (Gaeta, Terracina, Sperlonga, Serapo, Ponza, Formia, Scauri, Anzio), battendo di poco la Campania (Palinuro, Ischia, Agropoli, Castellabate, Paestum, Ascea, Amalfi) con 7, la Sardegna con 6 (Villasimius, Palau, Chia, Alghero, Arzachena, Arbatax) e davanti a Calabria (Scalea, Tropee Dimante, Soverato, Amantea).

Forte Segnale di sicurezza e legalità sui litorali sabbiosi di Vieste, perla del Gargano, in cui si è resa indispensabile una perfetta collaborazione tra tutti gli attori presenti sul territorio, ottimizzando al meglio le risorse disponibili.

Ieri mattina, nell’ambito dell’Action Day, predisposto su scala nazionale dal Ministero dell’Interno per contrastare la contraffazione e l’abusivismo commerciale sulle nostre spiagge si è vista una grande e fruttuosa collaborazione tra Carabinieri, Guardia di Finanza, Capitaneria di Porto e Polizia Locale che hanno effettuato pattugliamenti su tutte le spiagge del territorio viestano.

Dopo un Briefing presso la Tenenza Carabinieri di Vieste con il Comandante  Ten.  Nicola PORRARI e con il Comandante l’Ufficio Circondariale Marittimo di Vieste Ten. di Vascello (CP) Francesco Maria RICCI la TASK FORCE si è messa subito al lavoro sulle bellissime spiagge viestane.

Sin dalle prime luci dell’alba abbiamo visto uomini in divisa ed in borghese pattugliare le spiagge Viestane, da Sfinalicchio fino a Baia di Campi, controllando diversi cittadini extracomunitari ed anche un italiano. Nel corso di tali controlli sono stati sequestrati quasi 1000 capi venduti senza alcuna autorizzazione e violando diverse norme statali e regionali. Posti sotto sequestro anche diversi capi recanti marchi contraffatti.

In passato i venditori abusivi avevano sicuramente più probabilità di riuscire a farla franca, poiché non era semplice controllare tutta la costa Viestana ed allo stesso tempo il pattugliamento a piedi richiedeva sicuramente molto tempo e non poteva garantire passaggi frequenti. Oggi con l’ausilio dei QUAD, dati in dotazione al Comando Polizia Locale di Vieste è possibile garantire più passaggi nell’arco della giornata e una velocità di intervento che mette in seria difficoltà gli abusivi.

A nulla sono valsi i tentativi di fuggire verso il confine con il territorio di Peschici, o di arrampicarsi sulle rocce che conducono sulla vicina strada o ancora di nascondere la merce nei vicini campeggi poiché il tutto era costantemente monitorato dalla TASK FORCE che ha giocato una vera e propria partita a scacchi con questi signori, vincendola in poche mosse.

Il messaggio che è sicuramente passato è uno solo: SPIAGGE LIBERE!

Il Sindaco di Vieste, Avv. Giuseppe NOBILETTI, informato tempestivamente dei risultati ottenuti si è complimentato con tutto il personale operante.

Quest’anno la Polizia Locale di Vieste ha posto particolare attenzione alla vigilanza sulle spiagge, formando il “Nucleo Operativo Spiagge – BEACH PATROL” ed iniziando subito una importantissima campagna di sensibilizzazione e di informazione con l’aiuto degli assistenti bagnanti degli stabilimenti balneari e degli organi di informazione (radio, televisione, stampa, internet).

Il Comando Polizia Locale di Vieste sarà preso equipaggiato con nuove attrezzature e nuovi mezzi per contrastare questo tipo di fenomeno, riferisce il Comandante Vicario Isp. Sup. DIMAURO Gaetano, che sta procedendo in sinergia con il Dirigente della Polizia Locale Dott. Angelo Raffaele VECERA. Sui luoghi è intervenuto anche un furgone ceduto al Comando Polizia Locale di Vieste da parte del Dirigente Ufficio Demanio Dott. Luigi VAIRA.

I verbali redatti saranno prontamente trasmessi al Signor Prefetto dell’Ufficio Territoriale del Governo di Foggia, al Signor Questore di Foggia e gli atti aventi rilevanza penale al Signor Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Foggia.

Per quanto concerne la contraffazione e l’abusivismo commerciale, ricordiamo sempre che:

Dietro la contraffazione e l’abusivismo si nascondono spesso realtà abominevoli come lo sfruttamento di bambini dei paesi poveri, costretti a lavorare per produrre prodotti contraffatti, piuttosto che giocare o studiare. Acquistare un prodotto contraffatto produce un danno alla collettività ed anche all’acquirente stesso! Acquistare merce contraffatta comporta cali di produzione per aziende “regolari” e quindi perdita di posti di lavoro. Acquistare prodotti contraffatti arreca ingenti danni alle aziende, ma anche allo Stato che attraverso le imposte come tasse e Iva, incamera liquidità che possono essere utilizzate per garantire servizi necessari come sanità, pensioni, scuola……). Inoltre va ricordato che la merce posta in vendita deve avere necessariamente una etichetta in lingua italiana.

  • Ø Vendere merce contraffatta è un reato, e chi lo fa rischia il carcere. A tal proposito si rammenta ancora una volta che l’acquisto di prodotti contraffatti comporta una sanzione (a chi acquista) da € 100 ad € 7.000.

I controlli continueranno per tutta l'estate quindi siamo tutti invitati al rispetto delle leggi, dei regolamenti comunali e tutte le norme per una corretta convivenza civile con il territorio che ci circonda.

Si ringraziano vivamente:

1)    Gli organi di stampa, televisione, radio, internet, social network hanno contribuito alla diffusione di informazioni preziose, riguardanti consigli, notizie sul traffico, ordinanze ed altro.

2)    Il personale degli stabilimenti balneari, in particolare gli addetti all’assistenza bagnanti che svolgono giornalmente una importante opera di informazione e di formazione sulle bellissime spiagge viestane.

Per segnalazioni:
Comando Polizia Locale di Vieste tel. 0884.708014.

Dal Comando Polizia Locale di Vieste

Isp. RICCARDI Pietro

Pubblicato in Cronaca

Superato, il primo step, quello relativo all'iscrizione al campionato, la società viestana è a lavoro per allestire un organico in grado di poter ben figurare nella prossima "Premier League" pugliese, quest'anno ancor più competitiva. In panchina, si riparte da mister Francesco Bonetti, artefice della salvezza conquistata nell'anno precedente, a testimonianza anche della continuità che si vuol dare al progetto tecnico, e da tantissime conferme come quelle di: Tucci, Innangi, Sollitto, Caruso, Ranieri, Prencipe, Lucatelli, Colella, Vescia, Vulcano, Kanatè, Di Nardo, De Vita e Raiola. A queste, tolte le partenze di Compierchio, Triggiani, Albano (tornato al Foggia per fine prestito) e Soria (rientrato nel suo Paese per problemi familiari), vanno aggiunti gli innesti nel reparto Under dei viestani Guerra, Basanisi, Dimauro, Fasani, Mangini e Vespa, il ritorno di Nicola Cipriano e l'arrivo di Donato Sebastio, esterno d'attacco ex Taranto ed Avetrana. Un perfetto connubio di veterani e giovani promettenti. Tuttavia, nelle prossime ore potrebbero esserci ulteriori annunci ufficiali imminenti all'arrivo di qualche altra pedina fondamentale.

Nel frattempo, fissata la data d'inizio della preparazione atletica. Società, staff tecnico e giocatori si ritroveranno lunedì pomeriggio, alle 15:30, al "Riccardo Spina" per dare il via alla nuova stagione. 

Ignazio Silvestri 

Pubblicato in Sport

Disavventura a lieto fine per due turisti caduti in acqua a seguito del capovolgimento del loro catamarano. Gli stessi sono stati dapprima notati a più di 1000 metri dalla costa da un bagnino di uno stabilimento balneare del lungomare “E. Mattei” di Vieste, il quale, osservati gli inutili tentativi con i quali i velisti tentavano di raddrizzare l’unità, ha subito segnalato la situazione in atto alla Sala Operativa dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Vieste. Nel giro di pochissimo tempo molte altre richieste di intervento da parte di bagnanti presenti in zona hanno raggiunto i militari della Guardia Costiera, i quali riferivano tra l’altro di un evidente trascinamento dei due malcapitati verso il largo.

L’immediato impiego della Motovedetta CP880 ha permesso il rapido recupero dei naufraghi e la messa in sicurezza dell’imbarcazione “scuffiata”. Con l’ausilio di un gommone nel frattempo sopraggiunto, i due velisti sono stati trasferiti a terra in perfette condizioni di salute assieme al proprio natante. Come in questo caso, determinante per la positiva riuscita del soccorso è stata la pronta segnalazione dell’emergenza attraverso il NUMERO BLU 1530, che si ricorda essere attivo e gratuito 24/24 ore su tutto il territorio nazionale.

IL COMANDANTE

T.V. (CP) FRANCESCO MARIA RICCI

Pubblicato in Cronaca

In fondo non c'era bisogno di una standing ovation (durante La leggenda di Cristalda e Pizzomunno) per capire che con questo concerto Max Gazzè spariglia le carte. Spiaggia di Vieste. Due atti. C'erano tremila persone l'altra sera davanti ai sessanta elementi della Alchemaya Symphony Orchestra e a questo cantautore capace di conservare la voglia di rinnovarsi, stupire, crescere. D'altronde, alle spalle del palco era illuminato il Pizzomunno, il celebre faraglione di Vieste che, secondo un mito popolare, sarebbe un antico pescatore pietrificato dopo che il suo amore Cristalda fu rapita dalle sirene.

«Una storia che mi ha raccontato mio fratello Francesco e che abbiamo trasformato in canzone», spiega Gazzè, che ha avuto il coraggio bello e sfrontato di portare questo brano al Festival di Sanremo presentando per di più un disco che è, parole sue, «un'opera progressive sull'architettura di un'orchestra sinfonica».

Alchemaya, che si divide in due atti proprio come il concerto, è un disco impegnativo ma nutriente, un autentico salto fuori dal tempo nell'epoca dei progetti musicali mordi e fuggi. E anche nel concerto la prima parte è dedicata agli inediti con testi ispirati alla Bibbia o ai Manoscritti di Qumran. «E tutto - ricorda lui - è inframezzato da cinque letture che, nei miei concerti alle Terme di Caracalla a Roma e all'Arena di Verona, saranno affidate a Ricky Tognazzi». Mentre nella seconda ci sono i suoi brani più famosi come Il solito sesso o Sotto casa (oltre ai nuovi Se soltanto e Brivido a notte) che rivivono con l'orchestra.

«È probabilmente la cosa più difficile che abbia fatto in vita mia. Chi conosce già i brani, può ritrovarsi nelle storie. Ma chi non li conosce potrebbe pensare di essere di fronte a un racconto di Verne o di Salgari» spiega lui, che sembra sempre di passaggio nella realtà, perso com'è nei suoi pensieri e nella ricerca curiosa, magari anche estenuante, di imparare sempre qualcosa in più. Dopotutto resta uno dei pochi cantautori che abbia inanellato una (ormai) lunga serie di successi pur rimanendo sempre «indie» nello spirito, rigorosamente sganciato dai più consumati stratagemmi commerciali. «Mi piace cambiare, anche il prossimo album probabilmente sarà diverso, non solo nei suoni ma anche nella musicalità delle parole».

Già, le parole. Con il fratello Francesco (autore di testi spesso metricamente perfetti) è riuscito a creare un linguaggio del tutto personale che spesso sconfina nella filastrocca pop, immediatamente riconoscibile ma praticamente inimitabile. «Sono un musicista cantastorie che tiene tantissimo al suono e alla scelta delle parole», dice mentre ricorda di aver iniziato musicando le poesie del fratello: «Da ragazzo leggevo tantissime poesie, da quelle di Montale a quelle di Mallarmé a Verlaine a Montale. Avrò consumato Les Fleurs du mal di Baudelaire e Il galateo in bosco di Zanzotto me lo sono quasi mangiato...».

Sarà per questo che riesce a presentare oggi a un pubblico popolare canzoni sugli incontri di Ezechiele (Visioni a Harran) o sul diluvio universale (Il diluvio di tutti) che è una storia «raccontata in tutte le culture del mondo e quindi si ricollega a un fatto realmente accaduto». Insomma, il tour di Gazzé va oltre il pop, si ricollega alla mentalità progressive degli anni Settanta (lui cita Atom heart mother dei Pink Floyd e The lamb lies down on Broadway dei Genesis) ma va più in là, mescolando la melodia con la musica contemporanea.

E il bello è che al pubblico piace molto: «Ho visto gente addirittura più entusiasta per la prima parte del concerto, che è quella più ardita» racconta con un accento inconfondibile e una parlata rotonda da trovatore della Langue D'Oc. Però per fortuna, lui che è nato a Roma ma ha vissuto per anni in Belgio e poi in giro per l'Europa, non si è chiuso nel solito fortino conservatore di chi disprezza la nuova musica: «Con mia figlia ho ascoltato il disco di Sfera Ebbasta che è un mondo nuovo, probabilmente dirompente come decenni fa lo fu quello dei cantautori seduti sullo sgabello con la chitarra» e mentre lo dice chiude idealmente il lungo viaggio della sua musica, che parte dalle leggende dell'antichità e arriva all'autotune della trap.

Paolo Giordano

Il Giornale

Pubblicato in Personaggi

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005