A Peschici, quando arriva la festa di Sant’Elia, non conta nient’altro. Il tempo sembra quasi fermarsi in una sorta di limbo sospeso, in un’atmosfera magica e struggente.

Anche le consuete attività quotidiane assumono un diverso significato per rendere un omaggio più autentico al Santo Patrono del centro garganico. Fede, tradizione, folclore e misticismo fanno da sfondo ad un momento imperdibile per chi desidera venire in vacanza sul Gargano e conoscerlo nel suo spirito più autentico: questo è infatti l’appuntamento giusto che svela il mistero di una terra che ancora oggi non perde il contatto con la sua storia millenaria.

Tre giorni di festa civile e religiosa – dal 19 al 21 luglio – in cui tutta la comunità, a partire dai più piccoli, viene coinvolta attivamente e partecipa in maniera sincera e devota all’omaggio che da secoli si tramanda secondo il medesimo rituale. I peschiciani sono, infatti, assai legati alla figura di Sant’Elia che salvò il piccolo paese garganico, sul finire del XVI secolo, da una tremenda invasione di cavallette che stava causando danni all’agricoltura locale, fonte principale di economia, insieme naturalmente alla pesca.

Anche il programma dei festeggiamenti attira – come ogni anno – frotte di turisti, ed in particolare di stranieri, che si mescolano ai residenti durante la processione religiosa che si snoda lungo le strade del suggestivo centro storico illuminato a giorno dalle ricche luminarie, affascinati da questo rituale ancestrale e carico di significati antropologici. Uno dei momenti più attesi della festa è lo spettacolo finale di fuochi pirotecnici sul mare, un tripudio di colori da guardare con il naso all’insù.

Enza Moscaritolo

Pubblicato in Manifestazioni

A seguito della diffusione di informazioni attraverso gli organi di stampa (quotidiani e siti internet) su fatti che, incautamente hanno rappresentato una situazione poi rilevatasi difforme dalla realtà, quali:

- FoggiaToday: “Coltivava marijuana e nascondeva esplosivo e munizionamento: arrestato 54enne sul Gargano”;

- Foggiacittaaperta: Peschici, trovato dai Carabinieri con 18.000 piantine di marijuana oltre a munizioni ed esplosivi

- Intopic: Peschici/ sequestrare 18.000 piante di marijuana. Arrestato un 54enne

- Il grecale: Peschici 18000 piantine marijuana munizioni esplosivi

- OndaRadio: “Peschici/ In località S. Lucia sequestrare 18.000 piante di marijuana. Arrestato un 54enne”;

- Il Resto del Gargano: “Peschici, Carabinieri e Cacciatori scoprono 18mila piante di marijuana, proiettili e cartucce”;

- L’Immediato: “Marijuana a volontà (18mila piante), esplosivo e munizioni: retata dei Cacciatori a Peschici. Un arresto”;

- La Gazzetta del Mezzogiorno: Peschici, sequestrate 18mila piante marijuana: un arresto

Gli occhielli, i titoli, catenaccio e sommario riportano: Circa un quintale di marijuana: rinvenuta a casa altra droga e cartucce. In cella 54enne”; è doveroso fare chiarezza sulla vicenda.

Oltre alla immotivata rilevanza attribuita all’evento, dagli articoli, trasuda un ingiustificato accanimento ed una inaccettabile serie di innumerevoli imprecisioni attribuite al signor Gentile Angelo Raffaele ancor prima della verifica da parte degli organi preposti alla tutela delle norme cosiddette violate.

I legali dello “sfortunato”, avvocati Gianni Maggiano e Raffaella Savastano, comunicano che all’esito dell’udienza di convalida dinanzi al Gip del Tribunale di Foggia, Dott.ssa Elena Carusillo, il giorno 11 luglio 2018 e quindi a sole 72 ore dalle operazioni compiute dai militari di Peschici con l’ausilio dello squadrone 'Cacciatori di Sicilia, nel corso di controlli in aree impervie ed isolate, è emerso che:

Non vi era nessuna piantagione illecita di Cannabis “illegale”, bensì la piantagione era autorizzata, con varietà ammesse dalla Legge Nazionale n. 242 del 2 dicembre 2016 e Legge Regionale n. 21 del 6 giugno 2017, impiantata da ditta autorizzata e sotto la direzione di un tecnico professionista, regolarmente coltivata, con acquisto e pagamento dei semi di Cannabis certificati ed utilizzati allo scopo di “Promuovere la coltivazione della canapa light (legale) per fini didattici, dimostrativi, promozionali e di ricerca sulla filiera agricola della canapa light (legale)” (giusta delibera della Giunta Regionale n. 2171 del 12/12/2017che ne approvava le linee

Pubblicato in Cronaca

I carabinieri di Peschici e lo Squadrone Eliportato “Cacciatori di Sicilia”, hanno sorpreso un uomo, Angelo Raffaele Gentile di 54 anni, in località S Lucia, all’interno di un terreno di sua proprietà, mentre curava una vasta piantagione di marijuana composta da 18.000 piante di varia altezza, per un peso complessivo di circa un quintale. Sarebbe stato possibile ricavare circa 5.000 dosi medie giornaliere. I Carabinieri hanno rinvenuto, in una successiva perquisizione, nella sua abitazione altri 300 grammi circa di marijuana, un bilancino di precisione, un recipiente contenente 45 grammi circa di polvere da sparo, 151 cartucce da caccia di vario calibro e 6 cartucce per pistola cal. 7,65. L’uomo dopo le formalità di rito, è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Pubblicato in Cronaca

"Stamane, stando a quanto dicono gli ospiti in soggiorno a Peschici, è impossibile prelevare in entrambi gli sportelli bancomat... Fiumi di lamentele.Vergogna!!! Vergogna!!! Vergogna!!!"

È questo lo sfogo che in queste ore si legge su facebook. Autore dell' accesa polemica è Francesco D'arenzo, che denuncia pubblicamente il disservizio causato dagli istituti bancari. 

Il giovane attivista peschiciano, inoltre, in seguito alla rabbia, invita tutti a boicottare il sistema bancario, trasferendo i conti alle Poste. 

E non finisce qui...

Domenica, 08 Luglio 2018 10:29

Oggi a Peschici chiude il Sa.Fi.Ter-

L'ultimo giorno del Sa.Fi.Ter- Salento Finibus Terrae, Film Festival Internazionale Cortometraggio, è dedicato alle premiazioni e all'ultima proiezione. La cornice scelta è l'Arenile del Porto di Peschici (ore 20:45, in caso di forte vento ci si sposta in Piazza Pertini). Qui saranno consegnati i premi concepiti dal maestro Carmelo Conte e realizzati da Camilla Bagherini, per poi passare alla proiezione di Chi m'ha visto? di Alessandro Pondi con Pierfrancesco Favino e Mariela Garriga e Beppe Fiorello, quest'ultimo nei panni di un musicista che decide di scomparire dalla scena musicale per far parlare un po' di sé, presenti il regista e l'attrice. La stessa sera riceverà il premio Safiter l'attore Ninni Bruschetta.

Pubblicato in Manifestazioni

Al lavoro la neo amministrazione guidata per il secondo mandato dal sindaco Fran­cesco Tavaglione, in concomitanza con la stagione estiva che vede Peschici già affollata di turisti ed al top tra le mete turistiche del Gargano. Dal 1 luglio sono entrate in vigore una raffica di ordinanze a firma del riconfermato sindaco Franco Tavaglione (ha vinto per soli tredici voti di scarto la tornata elettorale dello scorso 10 giugno che vedeva ben cinque liste in campo) che resteranno in vigore fino a settembre per regolamentare viabilità cittadina in­terna e zone pedonali. Il tutto allo scopo di rendere il più accogliente possibile la permanenza dei turisti in paese.

Il sindaco ha ordinato - da domenica 1 luglio e fino al prossimo 23 settembre dalle 9 all’una di notte - ai conducenti dei bus navetta e di quelli a noleggio, di raggiungere la fermata prevista lunga via Cavour (area prospiciente il parco giochi), percorrendo la rampa di Calena, via Montesanto (area adiacente il piazzale della scuola media) e la strada comunale delle Due Madonne. Sono previste multe a carico dei trasgressori. Con un’altra ordinanza, Tavaglione ha invece istituito l’isola pedonale urbana su corso Ga­ribaldi, il salotto del paese, a partire dalla sede della Banca Popolare di Milano e fino all’intersezione con via Cavour, con annessi) transennamento in viale Kennedy. Il tutto dal 1 luglio al 2 settembre dalle 20 sera all’una di notte; e dal 3 settembre al 23 settembre dalle 20 alle 24. Sempre allo scopo di eliminare il più possibile la circolazione nelle vie del centro abitato durante il caotico periodo estivo, Tavaglione ha di­sposto con l’ennesima ordinanza la istituzione anche di una zona a traffico limitato all’altezza dell’ex cam­po sportivo comunale con l’interdizione dell’accesso a tutti i veicoli ad eccezione di quelli dei residenti.

Area pedonale anche in corso Umberto I, a partire dall’incrocio con via Giannone e fino a corso Garibaldi; ed in corso Garibaldi fino all’intersezione con viale Kennedy, dal 1 luglio al 23 settembre con orari che vanno dalle 20 alle 2 di notte. Area pedonale anche in via Mulino al Vento, a partire dall’incrocio con via Magenta e fino a piazza Pertini (incrocio con corso Garibaldi) ed al centro storico, da domenica 1 luglio e fino al 23 settembre dalle 19 alle 3. Peschici si è quinti attrezzata come ogni anno a ricevere turisti e vacanzieri, considerati e trattati come ospiti «de­siderati». Da qui il via al giro di zone a traffico limitato, isole pedonali ed altro, allo scopo di gestire al meglio l’imponente flusso vacanziero che si è riservato e si riverserà sul paese garganico che in inverno conta poco più di 4mila abitanti ed in estate triplica le presenze sul territorio.

Francesco Trotta

Pubblicato in Turismo

Tre mesi per organizzarsi, novanta giorni per far rina­scere il calcio dove non c’è. Scadrà il prossimo 30 settem­bre l’iscrizione al prossimo tor­neo di terza categoria con le società che dovranno versare 2.200 euro sia per quelle già iscritte di diritto che per le nuove affiliate.

Ed allora si continuerà a lavorare sodo per una squadra di calcio a 11 a Bovino, Can­dela, Carpino, San Paolo Civitate, Poggio Imperiale e Cagnano (sponda Atletico). Certe, invece, le iscrizioni di Football San Nicandro e Peschici che, nonostante manchi tanto tem­po, stanno preparando tutta la documentazione per la nuova affiliazione (già possibile da ieri) e per organizzare la sta­gione.

Potrebbe essere un torneo da record. Nella stagione che si è appena conclusa c’erano 14 for­mazioni, nella prossima po­trebbero esserci almeno cin­que, sei squadre in più con un torneo a 18 squadre escludendo le possibile tre promosse e la sola retrocessione del Carpino (che si è ritirato dalla seconda e con molta probabilità non si iscriverà alla terza). Non ci sono ufficialità, ma si lavora in tante cittadine che attualmente non hanno una squadra. Il San Nicandro e la Football San Nicandro (società di puro settore giovanile), sa­ranno un tutt’uno nella pros­sima stagione agonistica. Si la­vora sodo in casa dell’Atletico Peschici in vista del ritorno, dopo un quinquennio del cal­cio giocato, seppur di terza ca­tegoria. Le attenzioni della so­cietà ora sono sulla scelta del tecnico che guiderà i granata nella prossima stagione. Un mercato di grandi nomi per generare certezze. La Nuo­va Daunia non ci sarà più in terza categoria dopo la fusione con il Celle San Vito è volata in prima categoria. Non ci sarà nemmeno il Reai Zapponeta che, vincendo il campionato scorso, è salito di categoria. Possibilità concrete per Tor­remaggiore e Cagnano che sa­ranno ripescate in seconda ma non potrebbero essere le sole: anche la Virtus San Ferdinan­do, se farà domanda alla se­conda categoria entro il 31 lu­glio, potrebbe ritrovarsi nel campionato superiore.

[A. Vil.]

Pubblicato in Sport

Pubblicato, nello scorso mese di marzo, dalla prestigiosa casa editrice giuridica La Tribuna, di Piacenza, il libro “La non punibilità per particolare tenuità del fatto”, scritto da Giuseppe Falcone, avvocato di Peschici iscritto al foro di Foggia. L’opera, riguardante sia il diritto penale sia la procedura penale, affronta il nuovo istituto della non punibilità di quei reati risultanti particolarmente esigui sul piano del disvalore oggettivo. Il volume è stato ufficialmente presentato dall’autore nello scorso mese di maggio presso l’auditorium “R. Lanzetta” di Vico del Gargano nell’ambito di un seminario di aggiornamento professionale afferente l’argomento, patrocinato dall’Associazione Avvocati Garganici. A breve saranno organizzati altri convegni dall’autore (che sta scrivendo un altro libro in materia penale riguardante i reati contro i pubblici ufficiali) in diverse parti d’Italia.

Quest'opera affronta la tematica della non punibilità per particolare tenuità del fatto introdotta con il Decreto legislativo 16 marzo 2015, n. 28. Tale istituto giuridico, che comporta la non punibilità di reati risultanti particolarmente esigui sul piano del disvalore oggettivo, attribuisce dignità al principio costituzionale di offensività. Il legislatore, infatti, si è mosso nell'ottica di un bilanciamento tra i principi costituzionali dell'obbligatorietà dell'azione penale (art. 112 della Costituzione) e della finalità rieducativa della pena, nonché della sua necessaria proporzione con la condotta. Fra gli argomenti affrontati nel volume si segnalano: i presupposti applicativi del nuovo istituto, le diverse fasi del procedimento penale, l'efficacia applicativa dell'istituto, la particolare tenuità del fatto nel procedimento davanti al Giudice di pace e nel procedimento minorile. Sono riportati, in particolare, i più recenti orientamenti interpretativi consolidatisi nella giurisprudenza in materia, con peculiare riguardo per la casistica relativa a: abusivo esercizio di una professione, atti osceni, bancarotta, dichiarazione dei redditi infedele, disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone, evasione, falso in bilancio, furto, guida in stato di ebbrezza, lesioni personali colpose gravi, maltrattamento di animali, mancato versamento delle ritenute previdenziali, molestie, omissione di soccorso, sicurezza sul lavoro, truffa, violazione di domicilio, violenza sessuale. In calce al Volume è pubblicato per esteso il testo del decreto legislativo n. 28/2015 recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto.

Pubblicato in Società

Farà tappa a San Severo e Peschici la sedicesima edizione del Sa.Fi.Ter (Salento Finibus Ter­ree) Film Festival Internazionale del Cortometraggio. Il festival di cinema itinerante, diretto dal re­gista Romeo Conte e organizzato dalla Events Production, si ferme­rà a San Severo il 2,3,4 e 5 luglio; e a Peschici dal 6 all’8 luglio.

Il festival Safiter è articolato in dieci giorni «on the road» attra­verso la Puglia, da Castellana Grotte a San Severo fino a Peschi­ci, e presenta lungometraggi e cor­tometraggi provenienti da Italia, Spagna, Francia, Iran, Stati Uniti, Gran Bretagna e Turchia, Ger­mania, Russia, Turkmenistan. Il festival è proiezioni e incontri con autori, registi e attori. Tutti gli appun­tamenti sono a ingresso libero. I corti in concorso sono divisi in diverse sezioni: Diritti umani (do­cumentari e fiction), Children world, Mondo corto, Corto Italia, Corti di Puglia, Reelove.

SAN SEVERO - Lunedì 2 luglio si comincia alle 20.50, in piazza Municipio, con la proiezione del primo cortometraggio in concor­so nella sezione Corti di Puglia. Si

prosegue, alle 21, sempre in piazza Municipio con il film fuori con­corso «Oh Mio Dio» di Giorgio Amato con la partecipazione degli autori e dei protagonisti. Per la sezione Cortometraggi Mondo

Corto, la proiezione sarà il giorno successivo, 3 luglio al «Verdi» (ore 18). In piazza Municipio, alle 21, in collaborazione con Unicef italia, verrà proiettato «Gramigna» di Sebastiano Rizzo (fuori concorso), tratto dall’omonimo libro di Luigi di Cicco e Michele Cucuzza, pre­senti alla proiezione. Il 4 luglio si continua con la sezione in con­corso Corti Puglia (ore 18, teatro Verdi). Ci si sposta alle 20.45 piaz­za Municipio per la proiezione del corto di Paolo Sassanelli, a cui

seguirà (ore 21:30) il suo ultimo film «Due piccoli italiani», con l’attore e regista barese che in­contrerà il pubblico al termine della serata. Tra gli ospiti del 4 sera l’attore Adamo Dionisi, pro­tagonista di Suburra. L’ultimo giorno avrà come protagonisti i cortometraggi della sezione Ree­love (ore 18, al Verdi). In piazza Municipio Fuecu e Cirasi (ore 20:30). Seguirà (ore 21:15) la pre­miazione dei corti in concorso nel­la sezione Reelove con un tributo a

Erika Blanc e poi la proiezione Easy, un viaggio con l’attore Ni< Nocella.

 

PESCHICI -Le proiezioni a Peschici cominciano il 6 luglio al 20:45 in piazza Sandro Pertini con i primi due corti in concorso e prosegue (ore 21:30) con il film fuori concorso «Quanto Basta», Francesco Falaschi con Vinic Marchioni, Valeria Solarino, Luigi Fedele, Mirko Frezza. La proiezione degli ultimi corti in concorso per la sezione Corto Italia fissata per sabato 7 luglio (ore 21 in piazza Sandro Pertini. Valentina Lodovini riceverà il premio Safiter, tra gli altri ospiti Ivana Lotito. L’ultimo giorno del Festival è dedicato alle premiazioni all'ultima proiezione. La cornice scelta è l’Arenile del porto (ore 20:45). Qui saranno consegnati premi concepiti dal maestro Carmelo Conte e realizzati da Camilla Bagherini, per poi passare alla proiezione di «Chi m’ha visto?» Alessandro Pondi con Pierfrencsco Favino e Beppe Fiorello. La stessa sera riceverà il premio Safiter l’attore Matteo Branciamore.

Pubblicato in Spettacolo

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005