Buttata nell'erba, in una curva tra Gattarella e San Felice, a pochi chilometri da Vieste: l'hanno abbandonata lì la bara con il corpo dell'ultimo dei Cantori di Carpino, il centenario Antonio Piccininno. Il ritrovamento è avvenuto nella notte ad opera della Polizia Stradale e ha posto fine ad una vicenda tanto drammatica quanto assurda che ha avuto inizio il 19 dicembre scorso, a pochi giorni dal decesso. La cassa contenente le spoglie di Piccininno era poggiata su una roccia, che ne ha scalfito l'esterno. Per questo è stata traportata al Cimitero di Vieste dove la scientifica ha accertato la presenza del corpo del centenario cantore.

Nonostante il ritrovamento della salma di Zi Ndon, continua l'attività di indagine per risalire ai colpevoli di questo inaccettabile gesto.

 

Pubblicato in Personaggi

Nello scorso Anno 2016 a Carpino sono nati solo 23 bambini, mentre i deceduti sono stati 65; quindi è ancora in atto in modo inesorabile ed irreversibile la decrescita che in questo anno si attesta a meno 42, o, se si preferisce, a più 42 per i decessi rispetto alle nascite.
I Matrimoni sono stati solo 10, di cui 1 con il solo rito civile e 9 anche con quello religioso; anche in questo caso continua ad esserci una diminuzione rispetto al 2015 ed agli anni precedenti.
Capitolo Migrazione: gli Emigrati sono stati 77, di cui 27 Stranieri; mentre per gli Immigrati solo uno in meno 76, di cui 21 Stranieri. Non risultano fino ad ora a Carpino profughi o rifugiati. In occasione della campagna olearia annuale giungono numerosi lavoratori di colore, si presume tutti in regola con il permesso di soggiorno.
La Popolazione Residente risultante al 31 Dicembre 2016 è di 4.139 anime, di cui 294 Stranieri; anche qui continua la decrescita in modo irreparabile e senza freni ormai da anni, e sono cifre su cui dovrebbero riflettere attentamente soprattutto le autorità politiche ed amministrative locali, ma anche Imprenditori e Sindacati. Carpino ormai sta diventando, come popolazione, uno tra i più piccoli paesi del Gargano, quasi tra gli ultimi!...E dire che fino agli anni '50 e '60 dello scorso Secolo questo paese contava tra gli 8.000 e i 7.000 abitanti, allora senza stranieri. Quindi, ad oggi, la popolazione addirittura è andata al di sotto della metà, e, tra non molto, è probabile che questo Comune rischia di essere aggregato ad altro Comune limitrofo per vari servizi come l'Amministrazione, il Comando Stazione Carabinieri, l'Ufficio Postale e quant'altro, e ciò non è una favola ma un qualcosa di concretizzabile, non solo per Carpino ma in generale a livello nazionale per situazioni similari. Ed ecco un dato storico che fa riflettere ancora di più: nel primo Censimento Generale della Popolazione Italiana del 1861, a seguito dell'avvenuta conquista dell'Unità d'Italia, Carpino contava già 8.000 abitanti circa e rappresentava uno tra i primissimi Comuni garganici (anche rispetto a Manfredonia e San Giovanni Rotondo era quasi inesistente) non solo per popolazione, ma anche per la sua importanza agricola, commerciale ed artigianale e per la pesca. Mentre in epoca federiciana la popolazione si attestava già sui 4.000 abitanti.
Di pari passo a queste continue statistiche negative, ovviamente, va considerato per Carpino il drastico calo anche della popolazione scolastica.
Ringrazio i Funzionari del Comune di Carpino per i dati forniti.

Mimmo Delle Fave

Pubblicato in Società

Avvocato, 41 anni, nato a Foggia, dal 2015 è commissario della sezione di Vico del Gargano. «La nomina di Palmieri va nella direzione di organizzare il partito in una zona del Gargano importante per lo sviluppo del Promontorio e fondamentale per la coesione territoriale, posto che occorre trovare una giusta rappresentanza politica alle esigenze delle comunità locali, così come l’UdC intende fare, candidandosi ad essere la voce di chi ha subito troppe dimenticanze e pagato l’assenza di attenzione da parte delle istituzioni. A Luigi Palmieri va il mio augurio e quello dell’UdC provinciale per un impegno in favore dello sviluppo del territorio al fianco dei cittadini e degli imprenditori che ogni giorni si confrontano con disservizi e difficoltà», ha sostenuto l’on. Angelo Cera, segretario provinciale dell’UdC, dopo la nomina del nuovo commissario.

Pubblicato in Politica

Zoe (nome di fantasia) sentirà la mancanza della sua famiglia proprio in occasione delle imminenti festività natalizie. Ci racconterà alcuni momenti belli passati con la sua famiglia non lasciandosi scappare una lacrima...

E’ iniziato così quest’anno l’avvicinarsi al Natale con i bambini della Scuola dell’Infanzia dell’Istituto Omnicomprensivo “Padre Giulio Castelli” di Carpino (FG) che, lo scorso 20 dicembre si sono recati presso la Comunità riabilitativa psichiatrica “Le Pleiadi” del centro garganico per fare gli auguri di Natale agli ospiti del centro. Attraverso canti mimati e poesie, con la loro gioia e spontaneità, hanno espresso il vero significato del Natale: il desiderio di stare insieme e di volersi bene con semplicità.

I bambini protagonisti di questa bella iniziativa hanno dai 2 anni e mezzo ai 5 anni. Tanto entusiasmo da parte dei piccoli “scolari” carpinesi, delle docenti Maria Giangualano, Caterina Carisdeo, Raffaela D’Avolio e Amelia Rita Miglionico e del personale ATA della Scuola dell’Infanzia, che hanno lavorato pazientemente alla preparazione di questo appuntamento. Presente alla giornata anche il Dirigente Scolastico Claudio Costanzucci Paolino, che con la sua partecipazione ha sottolineato il valore di questa iniziativa di solidarietà e condivisione fra la Scuola e la Comunità “Le Pleiadi”, svolta proprio nello spirito del Natale.

La mattinata è stata impreziosita anche dalla visita del Sindaco prof. Rocco Manzo, di Don Tonino e del Commissario Straordinario dell’istituto scolastico Michele Simone, che non sono voluti mancare a questo bellissimo momento.

«Un progetto – come spiega l’insegnante Maria Giangualano – nel quale il Natale è un “VENTO” portatore di pace, serenità, condivisione, solidarietà: è per questo che lo scorso 20 dicembre, assieme ai bambini delle sezioni A e B, abbiamo regalato ai pazienti della Comunità riabilitativa assistenziale psichiatrica “Le Pleiadi” di Carpino una giornata diversa».

«Un grazie particolare – conclude Giangualano – a tutti gli operatori e ai pazienti della Comunità, per averci accolto con gioia e coccolato con squisite prelibatezze. È stata un’esperienza straordinaria e la porteremo per sempre nei nostri cuori. Vedere sui loro visi gioia e serenità, ci ha donato tanta felicità».

Per maggiori info: Istituto Omnicomprensivo Carpino

Telefono: 0884/997027

Fax: 0884/997027

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Società

Una leggera scassa di terremoto di magnitudo ML 2.1 è avvenuto nella provincia/zona Foggia (localizzazione Carpino-Vico del Gargano) stamani alle ore 05:18:59 con coordinate geografiche (lat, lon) 41.82, 15.95 ad una profondità di 50 km. Il terremoto è stato localizzato da: Sala Sismica INGV-Roma.

 

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ LA GARGANICA rende i vostri eventi indimenticabili!

Fidati dello specialista delle decorazioni da festa per bambini ed adulti. Che si tratti di festeggiare un compleanno, una ricorrenza, un giorno speciale in famiglia o un'occasione tra amici, LA GARGANOPARTY ti propone tutto il necessario per una decorazione festiva eccezionale.

Organizzi una festa e hai voglia di creare un decoro originale? Creative sculture in palloncini? Lasciati sorprendere dalla Garganica Party. Se non sai da dove iniziare LA GARGANICAPARTY ha in serbo per te tante idee perfette per organizzare feste a tema di ogni sorta! Opta per una festa hawaiana, una festa di nascita, un compleanno sul tema dei pirati per i bambini, un matrimonio vintage, un compleanno a tema Disney... tutto ti è concesso!
Goditi l'organizzazione della festa perfetta!

Da LA GARGANICA trovi inoltre i fiori più belli e di ogni tipo, proposte uniche create per soddisfare tutte le esigenze...addobbi floreali , splendide composizioni e accurati per sale da ricevimento , camere d’albergo, matrimoni tutto con consegna a domicilio gratuita !
La Garganica un mondo di servizi in più...

La Garganica in via Verdi a Vieste, telefono: O884/701740 – 340/6232075

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Ambiente

Il furto della salma di An­tonio Piccininno, profa­nata il 19 dicembre, con buone probabilità sarebbe, opera di alcuni giovani del posto già noti alle Forze dell'Ordine per consumo e spaccio di droga. Secondo indiscrezioni che arrivano dal piccolo centro del Gargano gli autori del furto (reato penale al quale si ag­giunge "vilipendio di tom­ba") potrebbero restituire la salma dietro pagamento di un piccolo riscatto (alcuni sostengono equivalente a poche migliaia di euro). Ipotesi, quella del riscatto, che, secondo fonti infor­mate, sarebbe quella mag­giormente caldeggiata da­gli inquirenti che stanno svolgendo le indagini. Al momento infatti restereb­bero escluse, comunque poco battute, le piste che portano ad un gesto goliar­dico compiuto da "balor­di". Non è da escludere una possibile celere chiusura delle indagini con l’individuazione dei soggetti che hanno rubato il corpo dell'ultimo cantore del Gargano. La salma di Antonio Picci­ninno è stata profanata e portata via dieci giorni dopo la sua morte (avvenuta nel centro riabilitazione di Rodi Garganico dove era ospite da qualche tempo). Ignoti, al momento, sono entrati nel cimitero di Ca­prino, scardinato l'ingresso della tomba di famiglia e rubato la bara di Antonio Piccininno fautore della ri­scoperta della musica po­polare del Gargano e indi­scusso protagonista del Carpino Folk Festival (Kermess dedicata alla musica popolare che si tiene ogni anno nel comune garganico). Ad accorgersi dell'accaduto sono stati i figli Michele e Carlo che mantengono ri­serbo sull'andamento delle indagini. La convinzione degli inquirenti è che non si tratti di un gesto casuale o senza spie­gazione. E’ evidente che chi si è introdotto nel camposanto di Carpino voleva proprio im­possessarsi della bara di "zì Nton". Opinione diffusa anche tra gli abitanti che - seppur mantenendo una certa diffidenza per domande dirette a capire chi potrebbero essere gli auto­ri del furto fanno intende­re che il corpo del cantore è stato rubato per ottenere soldi. "Siamo di fronte a gente malata che non ha ri­spetto né dei morti. né dei vivi. Non ci sano parole per definire un gesto assurdo i cui autori spero siano assicurati alla giustizia in tempi rapidi” era stato il commento a caldo di Stefano ­Pecorella presidente del Parco Nazionale del Gargano.

Michele Gemma
L’attacco

 

 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Informazione pubblicitaria/ Da MONACO ELETTRONICA OFFERTA IMPERDIBILE!!

19,90EUR PACCHETTO LED CASA!!
5- LAMPADE LED V-TAC E14 6W PARI A 40W &
4- LAMPADE LED V-TAC E27 10W PARI A 60W
SOLO 19,90EUR

DISPONIBILI CALDE-NATURALI-FREDDE!!
STRISCE LED, LAMPADAR­I LED, APPLIQUE LED, ­FARETTI LED, FARETTI ­DA CARTONGESSO, APPLI­QUE E PALETTI GIARDIN­O,SEGNAPASSI E TANTO ­ALTRO.....

--------------------------------------------------------

MONACO ELETTRONICA
ILLUMINAZIONE LED – VIDEOSORVEGLIANZA
MATERIALE ELETTRICO
ELETTROMECCANICA-ACCESSORI

VIESTE (FG) 71019-VIA S. QUASIMODO 75/D
MOBILE 3467463705-FISSO 0884270631
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Personaggi

Non ancora risolto il giallo della salma tra­fugata di Antonio Piccininno, patriarca ella musica popolare del Gargano e fondatore dei "Cantori di Carpino" trafugata verosimilmente durante la notte tra domenica e lunedì nel cimitero di Carpino. Una permanenza quella nella cappella di famiglia durata solo dieci giorni: l'anziano musicista è scomparso il 9 dicembre scorso all'età di 100 anni. Forze dell'ordine e protezio­ne civile per tutta la giornata di ieri hanno "battuto" le cam­pagne del Comune garganico alla ricerca della bara o di in­dizi che possano aiutare gli in­quirenti a trovare una via di uscita. Bocche cucite tra le for­ze dell'ordine così come i fa­miliari pare abbiamo negato ai militari richieste estorsive per la restituzione delle spoglie. Della bara di Zi 'Nton, così il vecchio cantore veniva chia­mato in paese, non c'è traccia, sembra essere sparita nel nul­la. E che non sia un compito facile quello di chi sta effet­tuando le ricerche lo sanno tut­ti: il territorio è orografica­mente perfetto per far sparire nel nulla o anche occultare qualsiasi cosa. Dagli animali ai mezzi, alle persone. Figuria­moci una bara ... Col trascorrere delle ore, in paese si susseguono gli inter­rogativi. Allo sgomento è all'in­credulità per quello che viene ritenuto un affronto al terri­torio e alla cultura popolare della "montagna del sole", si affacciano nuovi, inquietanti quesiti. Perché rubare le spo­glie dell'anziano artista? Dove è stata nascosta la bara? Cosa ha spinto i ladri a profanare il camposanto e trafugare i resti di Piccininno? Chi ha disegna­to questo macabro scenario? Tanti quesiti, ancora più nu­merose le risposte. In paese non si parla d'altro. Da due giorni la strana spa­rizione è argomento di discus­sione in piazza e nei bar, cro­cevia di voci e cicalecci. Quelle legate al passato dell'anziano cantore ma anche chi ravvede il gesto di un balordo in cerca di qualche soldo riveniente da un ipotetico riscatto o l'azione di un mitomane. "Chi sona e canta nn' more maje" diceva l'anziano cantore. L'ha fatto per tutta la vita ma questa volta nessuno - suona e canta notizie che possano aiu­tare a ritrovare le sue spoglie. Quanto basta per cancellare le immagini struggenti del suo funerale, con musicisti e amici che lo hanno accompagnato in quello che dove essere il suo ultimo viaggio. E che ultimo non è stato.

[a.d'a.]

 

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ LA GARGANICA rende i vostri eventi indimenticabili!

Fidati dello specialista delle decorazioni da festa per bambini ed adulti. Che si tratti di festeggiare un compleanno, una ricorrenza, un giorno speciale in famiglia o un'occasione tra amici, LA GARGANOPARTY ti propone tutto il necessario per una decorazione festiva eccezionale.

Organizzi una festa e hai voglia di creare un decoro originale? Creative sculture in palloncini? Lasciati sorprendere dalla Garganica Party. Se non sai da dove iniziare LA GARGANICAPARTY ha in serbo per te tante idee perfette per organizzare feste a tema di ogni sorta! Opta per una festa hawaiana, una festa di nascita, un compleanno sul tema dei pirati per i bambini, un matrimonio vintage, un compleanno a tema Disney... tutto ti è concesso!
Goditi l'organizzazione della festa perfetta!

Da LA GARGANICA trovi inoltre i fiori più belli e di ogni tipo, proposte uniche create per soddisfare tutte le esigenze...addobbi floreali , splendide composizioni e accurati per sale da ricevimento , camere d’albergo, matrimoni tutto con consegna a domicilio gratuita !
La Garganica un mondo di servizi in più...

La Garganica in via Verdi a Vieste, telefono: O884/701740 – 340/6232075

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Personaggi

Per un pensiero speciale e diverso dal solito l'Agriturismo Biorussi ha pensato bene di raccogliere i profumi e i sapori di un tempo nella cassettina dei ricordi, per ricordare e portare in tavola nei giorni di festa i dolci tipici preparati con cura seguendo le antiche ricette della tradizione,proprio come facevano le nostre nonne, vini, liquori, confetture e olio. Vieni a visitare il nostro punto vendita potrai farti consigliare dal nostro personale e scegliere cosi i prodotti a te graditi degustando l'ottima qualità degli ingredienti utilizzati.

Vi aspettiamo a Carpino in Contrada Macchiarotonda

Info: 0884/992513

biorussi.com

Pubblicato in Avvisi

 

"Sono sinceramente dispiaciuto - fa sapere in una nota Rocco Manzo, sindaco di Carpino - e addolorato per questo triste e spiacevole evento occorso nella notte passata nel locale cimitero di Carpino. L’altra notte si è consumato un atto vile e ignobile. Nel rinnovare, insieme a tutta la cittadinanza, il mio personale sentimento di vicinanza e di cordoglio alla famiglia Piccininno, facciamo affidamento nel lavoro delle forze dell’ordine affinchè quanto prima individuino i responsabili e ritrovino la bara del compianto Zio Antonio Piccininno".

Rocco Manzo

Sindaco Carpino


"La profanazione della tomba di "zj N'Tonje" è un gesto vigliacco che non appartiene alla cultura del Popolo Carpinese. E' stata offesa la nostra Storia. Spero che le forze dell'ordine assicurino presto alla giustizia gli autori di questo atto vile e malvagio

Rocco RUO

Assessore alla Cultura del Comune di Carpino

 

"Profanata e rubata la bara del grande Antonio Piccininno, che ha fatto la storia della canzone popolare del Gargano. Un gesto esecrabile che provoca in tutti noi sentimenti di rabbia e di sconcerto. Piccininno ha raccontato la nostra terra e le nostre tradizioni come nessuno, traducendole in arte straordinaria. Sono sentitamente vicino al dolore della sua famiglia e di tutti gli amici dell'Associazione "Cantori di Carpino". L'auspicio è che le forze dell'ordine assicurino alla giustizia i responsabili e restituiscano le spoglie dell'artista ai suoi affetti per una degna sepoltura".

Così il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta.

 

Siamo di fronte a gente malata che non ha rispetto né dei morti, né dei vivi. Non ci sono parole per definire un gesto assurdo i cui autori spero siano assicurati alla giustizia in tempi rapidi. Sono vicino alla famiglia di zì Antonio, umiliata e ferita così come l'intera comunità garganica che in Antonio Piccininno ha sempre visto un esempio di umiltà e generosità. Ci
affidiamo tutti alle forze dell'ordine affinché risolvano questo caso che sa dell'incredibile”. Così il Presidente del Parco Nazionale del Gargano Stefano Pecorella commenta il furto della bara con all’interno il corpo di Antonio Piccininno, avvenuto questa notte a Carpino quando ignoti hanno scardinato la porta d’ingresso della tomba di famiglia, divelto la lapide e
portato via il sarcofago dell’artista. Sul caso indagano i carabinieri di Vico del Gargano, oltre ai reparti scientifici dell’Arma.

Stefano Pecorella

Presidente Parco Nazionale del Gargano

Pubblicato in Personaggi

Profanata e rubata la bara contenente le spoglie del maestro Antonio Piccininno, scomparso il 9 dicembre scorso all’età di 100 anni, ultimo patriarca della musica popolare garganica. Durante la notte, persone non ancora identificate hanno scardinato la porta d’ingresso della tomba di famiglia dei Piccininno, divelto la lapide e portato via il sarcofago dell’artista. Sul caso indagano i carabinieri di Vico del Gargano, oltre ai reparti scientifici dell’Arma. I ladri-profanatori non hanno avuto difficoltà nel compiere il loro gesto: il camposanto è distante dal paese e il silenzio ha favorito il loro agire. Inutile ogni tentativo di recuperare la bara e la salma: tutti i controlli esperiti nell’area cimiteriale e nelle zone circostanti hanno dato esito negativo. L’esecrabile gesto viene condannato dalla famiglia Piccininno e dall’Associazione “Cantori di Carpino”che si affidano alle forze dell’ordine per la soluzione del caso.

Pubblicato in Personaggi
Pagina 1 di 3

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Lungomare Europa - Marina di Vieste - Lotto 24 - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 705248 - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005