Martedì 13 novembre partirà il progetto “Mangiare insieme” a cura dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Carpino che permetterà di estendere, il servizio di refezione anche agli alunni della scuola primaria, il martedì, giornata di rientro pomeridiano, permettono così di rimanere comodamente a scuola usufruendo del servizio mensa dopo il termine delle lezioni alle 13.20 e, di riprendere le attività scolastiche alle 15 e terminarle alle 17.

Questa esigenza, sottolinea la Vice Sindaco D.ssa Caterina Foresta – Delegata alla Pubblica Istruzione del Comune di Carpino, era da più tempo manifestata da molti genitori, ora l’impegno dell’Amministrazione comunale e della scuola ha fatto sì che questa nuova opportunità possa essere fornita a tutte le famiglie indistintamente.

Le finalità del progetto sono molteplici, continua la Vice Sindaco: promuovere il benessere fisico attraverso una corretta alimentazione per combattere il fenomeno dei disordini alimentari sempre più crescente nei bambini. Essere un momento di convivialità condividendo con i compagni il piacere di stare a tavola; la mensa come luogo di socializzazione e integrazione favorendo il confronto durante il momento del pasto. La nostra è una mensa sostenibile nel rispetto dell’ambiente, di qualità e che assicura un’alimentazione sana, equilibrata, gustosa ed educativa come momento di educazione alimentare orientato al consumo consapevole. Educatrici specializzate si occuperanno del servizio di vigilanza e cureranno anche il momento del post-mensa dedicato ad attività ludiche volte a riflettere sull’importanza del rispetto di sé stessi, degli altri e dell’intera collettività.

Pubblicato in Società

Il Cff 2018: 47mila presenze, impatto economico di un milione e 400mila euro
a fronte di un budget di 140mila euro, ogni euro investito ha prodotto 10,20 euro


E' Mariano Iorio il vincitore della 11.ma edizione del Premio Rocco Draicchio, concorso fotografico abbinato al 23° Carpino Folk Festival; secondo classificato Pasquale D'Apolito. Il punteggio è stato ottenuto sommando i voti della giuria popolare (circa 6mila con un peso del 30%) con quelli della giuria tecnica (con un peso del 70%). I premi (800 euro al primo, 200 al secondo) saranno consegnati nella prossima edizione del "Carpino Folk Festival" in programma nell'agosto 2019.

«Dall'Associazione Culturale Carpino Folk Festival – commenta il presidente Pasquale Di Viesti - un ringraziamento va tutti i giurati e ai partecipanti. Ai vincitori vanno invece i complimenti per aver saputo interpretare al meglio lo spirito del Carpino Folk Festival 2018. Input che trova nel Concorso fotografico un grande happening per esaltare il backstage naturale del Festival, con i suoi protagonisti, i suoi momenti, sul palco e sulla piazza. Scatti che ci permettono di vivere l'"altro" Festival, fatto di momenti, passioni, lavoro...». La giuria tecnica era composta da alcuni vincitori delle scorse edizioni del concorso Rocco Draicchio: Daniele Bisceglia, Giovanni Pernice, Fabrizio Pizzulo, Tony Esposito e Bartolomeo Ciavarella

Il Concorso per "fotografare" la 23.ma edizione del Festival del Gargano: musica, tradizioni popolari, culture ed enogastronomia. C’è stato questo e molto altro al Carpino Folk Festival 2018, svoltosi dal 6 all’11 agosto a Carpino. In 6 giorni, 18 spettacoli dal vivo, 120 artisti, tanti interpreti della tradizione del Gargano, molta contaminazione, ospiti internazionali, progetti speciali, laboratori musicali e oltre 47mila presenze interne ed esterne con un impatto economico diretto quantificato in oltre un milione e 400mila euro a fronte di un budget di circa 140mila euro speso nell’organizzazione. Ogni euro, quindi, investito nell’evento produce almeno 10,20 euro di spesa dei visitatori. Un trend che poche "imprese" in Italia possono produrre.

Una manifestazione basata unicamente sul volontariato giovanile, organizzato da operatori del mondo dello spettacolo e semplici appassionati che lavorano alla sua riuscita per il solo piacere di farlo e senza scopo di lucro: unico obiettivo divertire valorizzando il territorio e le sue eccellenze con la cultura della musica popolare. Ma anche mobilità con le tre serate dedicate al “Cantar Viaggiando” sui convogli di Ferrovie del Gargano che, con un grande sforzo organizzativo, hanno messo a disposizione treni e bus straordinari per il rientro post concerti a San Severo, Apricena, San Nicandro e nelle località turistiche della costa come Rodi, San Menaio, Peschici, Vico, Ischitella e Vieste.

Tutte le foto dei partecipanti cliccando su > https://www.facebook.com/pg/CarpinoFolkFestivalUfficiale/photos/?tab=album&album_id=10157834409060968

Pubblicato in Cultura

Recentemente pubblicai un articolo riguardante la promozione turistica dei nostri prodotti gastronomici in Lituania, ora anche la stampa nazionale sembra che abbia dato risalto a quello costituisce una vera e propria promozione turistica delle nostre ricette ischitellane sui tavoli della cucina lituana. Il settimanale nazionale “ Cronaca Vera” ha ripreso infatti il mio articolo pubblicandolo sul suo giornale.

L’articolo intitolato i sapori del Gargano arrivano in Lituania dà risalto infatti all’imprenditore turistico D’Errico Giuseppe che ha avuto il merito di promuovere le nostre arti culinarie in questa lontana nazione. Ha infatti unito l’utile al dilettevole perché non solo fa conoscere i nostri piatti, ma porta presso il suo Bed And Breakfast a Foce Varano, denominato “ Torre del Lago” un posto incantevole sulle rive del lago del canale di Varano che confluisce nell’omonimo lago i lituani che oltre, che apprendere e assaporare la nostra cucina ne conoscono soprattutto le nostre bellezze naturalistiche e paesaggistiche. Varie specie protette come aironi, capoverdi , gabbiani ed altre specie dimorano sul vicino canale che sembra una cartolina da incorniciare.

Il nostro imprenditore è appena tornato dai pressi di Vilnius capitale della Lituania riportandone giovani lituani affascinati di conoscere il nostro bel Gargano ,ma le visite non sono sporadiche ,ma frequenti tanto da creare una sorta di gemellaggio con la Lituania che crea turismo ed esempio da seguire per la valorizzazione del nostro bellissimo Gargano.

Giuseppe Laganella

Pubblicato in Turismo

L'OLIO EVO: tradizione e innovazione. Un "viaggio" per conoscere l'olio extravergine di oliva che si ricava da olive sane e viene lavorato con metodi meccanici. Un prodotto ottenuto da olive raccolte senza aver mai toccato il terreno e che non subiscono alcun trattamento eccezion fatta per il lavaggio e la rimozione delle foglie. Se ne parlerà, sabato 27 ottobre 2018, a Carpino (ore 10, Agriturismo Biorussi, contrada Macchiarotonda).

Momento di confronto e formazione voluto dall’Azienda Agriturismo “Biorussi”, da anni punto di riferimento nella produzione da “ogliarola garganica”. Un presidio a tutto tondo dell’olio “EVO”, dove la tradizione s’interseca nei processi di innovazione dell’agricoltura. All’incontro interverranno Rocco Di Brina (sindaco di Carpino), Piero Fusillo (assessore all’agricoltura del Comune di Carpino), Claudio Costanzucci (vicepresidente del Parco Nazionale del Gargano), Alessandro Leone (Università di Foggia - Dipartimento di Scienze Agrarie, degli alimenti e dell’ambiente), Antonia Tamborrino (Università di Bari - Dipartimento di Scienze agro-ambientali e territoriale), Michele Labarile (responsabile qualità Monini SpA), Sabrina Pupillo (tecnologa alimentare), Alessandro Iacubino (F&B Coaching and Consulting), Maria Giulia e Matteo Russi (imprenditori agricoli). Protagonisti e ricercatori del settore oleario da tempo sul campo per dare nuovi e interessanti stimoli alla produzione in provincia di Foggia, e sul Gargano in particolare.

«E’ un mondo produttivo – commenta Maria Giulia Russi, imprenditrice olearia promotrice dell’evento insieme al fratello Domenico – che ha avviato un importante processo di innovazione e che ora necessita di un fondamentale percorso di promozione e commercializzazione ma anche di intelligente sinergia con il mondo dell’offerta ristorativa e commerciale. Nasce così questo incontro in un momento particolare per la produzione olearia del Gargano e non solo. Ritengo che l’apporto esperienziale sia fondamentale nel nostro settore, così come anche l’attenzione nell’informare e formare il mondo ristorativo. Accade spesso che, sui tavoli anche dei più rinomati punti di attrazione della nostra offerta, compaiano oli di dubbia provenienza e di scarsa qualità. L’incontro del 27 ottobre va in questa direzione: far conoscere e formare, con la mission di plasmare una proposta unica, intelligente, capace di aggredire un mercato che c’è e che è necessario intercettare».

Il 27 ottobre, si parlerà delle caratteristiche sensoriali degli Oli Evo con assaggio del “Novello”, delle qualità nutrizionali e salutistiche degli Extravergini, delle nuove tecnologie di estrazione come l’utilizzo di ultrasuoni e microonde, strategie di marketing, nuove proposte di packaging e l’importanza della carta degli oli nella ristorazione. Insomma, una nuova frontiera per dare ancora più credibilità e qualità commerciale all'olio extravergine di oliva.

Durante l’appuntamento, sarà presentata anche la nuova linea in orci di ceramica “Marì” e la linea di aromatizzati ai profumi del Gargano dell’Agriturismo “Biorussi”. Una scelta avvincente, dove oltre ai sapori saranno esaltati il territorio e le sue peculiarità. Scelta intelligente per individuare nuove nicchie di mercato in una frontiera sempre più in formato 4.0. E’ la nuova sfida che parte da Carpino, una nuova vision di un territorio e di un’imprenditoria in linea con le esigenze del mercato.

Chiusura con buffet degustazione per dare il benvenuto al “novello”.

Info e contatti 0884 992513 / 348 8895360

Pubblicato in Manifestazioni

Il titolo e la trama del film “La legge” si ispirano a un gioco ancora molto diffuso nella cultura popolare di Carpino. E la crudeltà di quel mondo fatto di umiliazioni e soprusi così come descritto nelle riprese, è stato per ge­nerazioni un modo di fare e di vivere di questo borgo noto anche per le sue forti influenze nella musica popolare del Gargano. Le scene più for­ti del film vennero girate nella canti­na di “Graziuccie” in piazza del Popo­lo, le scene di in­terni nei saloni del palazzo di donna Rosa D’Addetta che s’affaccia sem­pre nella piazza. Tante comparse tra cui Antonio Maccarone, uno dei tre patriarchi della musica popo­lare insieme ad Andrea Sacco e Antonio Piccininno.

Per generazioni matrimoni, contro­versie, assunzioni, riffe sessuali sono stati decisi dall’esito di questo gioco crudele e inappellabile. Quasi un re­golamento di conti, una sorta di tri­bunale popolare. La “legge” non am­metteva ricorsi ma spesso tragici epi­loghi finiti in risse e storie di sangue. La “legge” continua a essere pra­ticata nella patria dei “Cantori”. In piazza davanti al bar di Giuseppe Di Leila, proprietario dello storico bar De Bergolis, ribattezzato bar “La legge” ' (nelle sale è allestita una mostra per­manente sul film e sui protagonisti) ma anche davanti alle case, nei luoghi di ritrovo. Seduti a un tavolo quattro o più giocatori si contendono la decisione, la voglia di imporsi, di avere ragione sull’altro. «Oggi il gioco della “legge” - commenta Luciano Castelluccia, atten­to ricercatore di cultura popolare e di­rettore artistico del “Carpino folk Fe­stival” - ha subito una trasformazione dal punto di vista "antropologico": ha perso completamente il ruolo di predominanza tra le classi sociali interne alla comunità. Il suo ruolo è comple­tamente ludico, destinato a tutti, brac­cianti, agricoltori, pastori e commer­cianti, con un ulteriore elemento di novità: da qualche anno si è aperto anche alle donne di qualsiasi età e di ceto sociali diversi. Si organizzano, in qualche bar del paese, annualmente, tornei di scopa e di tressette aperto anche a queste ultime e preludio della “legge”». Tant’è che prima si “giocava” col vino (come nel film) ora si beve birra, a volte anche con quindici pas­sate tra i protagonisti. Variante del “Patrunu e sutta” (che si ispira alla originale “passatella”), il gioco della “legge” assegna alle carte l’onere di individuare “chi comanda” (che propone chi far bere) e il “sot­tocapo” che, con un suo diniego, può decidere di spostare il bicchiere pieno di birra togliendo a tutti tranne che al “padrone” del gioco. In questi momenti spuntavano rancori, gelosie, ruggini destinati ad animare la vita sociale del paese pronti a riesplodere. E ironia della sorte, bere era una cosa facile, altrettanto rimanere a secco. Era il mo­do scelto dalla giuria popolare per pa­gare il debito con la società.

Antonio D’Amico

Pubblicato in Spettacolo

Purtroppo le fake news sono sempre in agguato. È stato letteralmente travisato il senso della nostra iniziativa a tutela della dignità umana dei lavoratori stagionali che popolano Carpino nei mesi della raccolta delle olive.

Oltre che risolvere un problema di carattere igienico sanitario.

Non si tratta di regalare case a nessuno, né di iniziativa politica anti governativa. Del resto, nel nostro Comune non vi è alcuna emergenza abitativa. Per fortuna.

Ciò che vogliamo fare, in definitiva, è recuperare case fatiscenti e senza proprietari che possono essere utilizzate tanto per i lavoratori extracomunitari, i quali pagheranno le spese per i servizi, tanto per altre necessità che al Comune si dovessero presentare.

Egualmente falsa è la notizia di sbarchi a Carpino direttamente dalla Siria. Chi lo afferma è,oltretutto, un ignorante in geografia, perché dovrebbe sapere che a Carpino non c'è il mare.

Denunceremo chi scrive e diffonde notizie false che mirano solo a mettere in cattiva luce le cose buone compiute da umili amministratori locali che lavorano per il bene delle proprie comunità.

Il Sindaco 

DR. Rocco Di Brina

Pubblicato in Politica

Cari ragazze e ragazzi l’estate è giunta al termine, ricomincia la scuola e per i più piccoli sarà il primo giorno, il primo vero momento di distacco dalle famiglie, per altri ci sarà il passaggio da un grado ad un altro ma, per tutti sarà l’inizio di un nuovo anno scolastico.

Io, il Sindaco e tutta l’Amministrazione comunale vi auguriamo che la scuola possa essere non solo il luogo dove acquisire conoscenze, abilità e competenze ma anche un luogo che vi regali belle emozioni, dove poter coltivare le amicizie che durano per tutta la vita, dove imparare le regole di convivenza, a rispettare il prossimo, a diventare CITTADINI del domani.

La scuola rappresenta uno dei principali pilastri della nostra società, siete voi ragazzi i veri protagonisti della crescita del nostro Paese. Un augurio a tutti i docenti che hanno l’importante ruolo nel formare ed educare i nostri ragazzi ad essere cittadini preparati e coscienti.

Un saluto al dirigente scolastico Prof. Claudio Costanzucci, al personale ATA garantendo loro sempre il nostro impegno e il nostro sostegno alle diverse necessità scolastiche fiduciosi di una proficua collaborazione. La scuola è il luogo dell’educazione al quale la nostra Amministrazione vuole rivolgere la massima attenzione convinti che studio e cultura sono il miglior investimento per il futuro.È quindi doveroso dare priorità alla scuola e consentire ai nostri studenti di affrontare nel migliore dei modi la loro esperienza formativa. Lavoreremo per assicurare l'adeguatezza e la sicurezza degli spazi didattici, ed offriamo la nostra disponibilità per sostenere tutti i progetti scolastici ed educativi. Un sentito saluto anche alle famiglie che insieme alla scuola hanno un ruolo di grande importanza per l’educazione e la trasmissione di valori ai propri figli.

Buon Anno Scolastico 2018/19 a tutti.

L’Assesore alla Pubblica Istruzione

Caterina Foresta

Pubblicato in Società

Sarà il Sindaco di Carpino, l’urologo Dott. Rocco Di Brina , ad aprire i lavori del coordinamento regionale dell'associazione "Città dell'Olio", in programma per sabato 15 settembre 2018, alle ore 11,00, presso la Sala Consiliare di Palazzo di Città: l'assemblea sarà presieduta dal coordinatore regionale pugliese Benedetto Miscioscia, Consigliere delegato alle Politiche Agricole del Comune di Andria, dal Consigliere delegato alle Politiche Agricole del Comune di Carpino Piero Fusillo nel ruolo di Vice Coordinatore dell’Area Foggia e vedrà la presenza dei numerosi soci dell'importante organismo fondato nel 1994, che a livello nazionale riunisce quasi 400 associati, tra Comuni, Province, Camere di Commercio e Comunità Montane, uniti con l’obiettivo di tutelare e valorizzare l’immenso patrimonio olivicolo italiano.

 Il Comune di Carpino è uno dei soci storici dell’Associazione, forse tra i primi a cogliere la necessità di un impegno costante per promuovere l’olio extravergine di oliva quale prodotto fondamentale della tradizione agricola, alimentare e culturale del Paese e per valorizzare il suo territorio di produzione.

 Da circa un anno l’Amministrazione comunale di Carpino ha ripreso i rapporti di collaborazione con l’Associazione fino ad ottenere la candidatura per lo svolgimento dell’imminente Assemblea Nazionale del 7/8/9 dicembre 2018 che si svolgerà in concomitanza della importante manifestazione che celebra l’olio novello “Frasca Fanoia e olio novello; l’obiettivo è quello di tornare a dare la giusta visibilità all’olio, prodotto di altissima qualità, frutto della terra e del lavoro degli agricoltori carpinesi: una proposta accolta con entusiasmo dal Consigliere delegato Piero Fusillo e da tutta l’Amministrazione comunale che ha subito offerto massimo supporto per l’organizzazione dell’evento di dicembre.

Difatti la scelta di Carpino come sede del coordinamento regionale conferma il ruolo di grande impegno ed interesse da parte di questa Amministrazione Comunale nella difesa e soprattutto nella valorizzazione del prodotto tipico di eccellenza del nostro territorio ed in particolare della città garganica; da quest’ultima prende il nome una delle cultivar più pregiate , l’ "Ogliarola garganica";

Nel corso della riunione, che vede all'ordine del giorno temi riguardanti la programmazione futura delle attività dell'associazione quali "Bimboil" e la Giornata nazionale della "Camminata tra gli Olivi" che si terrà a Carpino il 28 ottobre di quest’anno, si porrà una riflessione anche sulle strategie e le opportunità per valorizzare le eccellenze olivicole ed il paesaggio puntando ad un coinvolgimento della Regione e di tutte le città dell’Olio pugliesi che rappresentano il valore aggiunto della tradizione olivicola che ha portato la Puglia a classificarsi come prima Regione nella   produzione olearia.

Pubblicato in Manifestazioni

E’ una società di puro settore giovanile che darà l’opportunità a tutti i ragazzi del territorio di essere valorizzati e li accompagnerà e seguirà nella loro avventura da professionista
Vogliamo che i ragazzi tecnicamente preparati hanno le loro opportunità partecipando in futuro anche ai campionati regionali , vetrina mai raggiunta da queste parti
La società rappresenterà il territorio Cagnano , Carpino , Ischitella , Vico e Rodi .
La base operativa sarà Carpino dove il Comune mette a disposizione la struttura . Il 3 Settembre fino all’8 vedrà le selezioni di tutti quei ragazzi nati nel 2004/05/06 che vorranno partecipare ,i ragazzi verranno alleanti da tecnici brevettati UEFA B e saranno seguiti da dirigenti esperti nel settore calcio. Queste le parole del Presidente Rocco Caputo ‘ è un progetto innovativo che vede al centro dell’attenzione proprio le capacità dell’atleta nel saper giocare a calcio e inoltre vogliamo valorizzare il nostro territorio dando l’opportunità a tutti i giovani di poter giocare in una società professionistica e non solo ma anche di seguirli dopo il loro salto di qualità perché è l’unione che fa la forza “ i ragazzi avranno uno sponsor tecnico come Nike che li affiancherà questo è per far capire che alla base c’è un progetto serio fatto di programmazione , sacrifici e professionalità . L’Asd Gargano Academy vi aspetta il 3 Settembre a Carpino presso il Campo Comunale . Non aspettare contattate e informatevi anche sulla pagina Facebook e Work in Progress

Pubblicato in Sport

Carpino si appresta a rinnovare ed esprimere per il secondo anno consecutivo i sentimenti più nobili di gratitudine e ammirazione nei confronti di Antonio Piccininno – il Cantore con le nacchere, nato il 18 Febbraio 1916, deceduto il 10 dicembre 2016: proprio per ricordare che il sentimento che fonda la socialità è l’AMMIRAZIONE: senza ammirazione non si comprende, non si cresce, non si creano “legami” e non si è in grado di sperimentare la GRATITUDINE, che della socialità è la massima espressione:le comunità dove non circola ammirazione e gratitudine tra piccoli e grandi, uomini e donne, conoscenti ed estranei, sono comunità malate, in dissoluzione….
Pastore e contadino, con le sue oltre 100 primavere Antonio Piccininno ha rappresentato una delle “personalità più interessanti, autentiche e complesse della tradizione musicale del Gargano”. Da oltre 40 anni ha portato onore alla sua terra garganica interpretando con personalità ed una indubbia sapienza un repertorio smisurato di canti. La sua “seconda vita”, quella vera, è una storia esemplare di amore e dedizione alle sue origini, ad un mondo arcaico che custodiva tanta bellezza pur nelle avversità di una condizione umana irta di difficoltà: un cantore eccellente che ha portato con se, fino al suo ultimo giorno di vita, un bagaglio di conoscenze che ha lasciato quale eredità culturale alle future generazioni.
E’ stato questo il filo conduttore che ha ispirato l’Amministrazione comunale di Carpino, con la coorganizzazione dell’Associazione Pro Loco Carpino nell’inserire, per la seconda edizione, nel tabellone che hanno animato le manifestazioni estive del popolo carpinese, il Premio “ANTONIO PICCININNO” – Patriarca del Parco Nazionale del Gargano - Agli interpreti autentici della cultura popolare, il 25 Agosto 2018 nella fantastica atmosfera della Piazzetta proprio intitolata ai Cantori di Carpino. Ciò che è successo all’indomani della sua morte il 10 dicembre 2016 è stato un oltraggio non solo all’uomo Antonio Piccininno ma all’arte, alla musica, alla tradizione, all’intero territorio garganico.
Sarà un’occasione unica per ristabilire la giusta dimensione del cantore e all’amore che come uomo nutriva per la sua terra.
La manifestazione vedrà la partecipazione di Gino Annolfi, docente e scrittore, con un “Esercizio di ammirazione in onore di Antonio Piccininno, con i saluti del Sindaco di Carpino, Rocco Di Brina, il Vice Presidente FF del Parco Nazionale del Gargano Claudio Costanzucci, il Presidente dell’Associazione Carpino Folk Festival Mario Pasquale Di Viesti, I Cantori di Carpino, Peppe Totaro e Roberto Menonna dei Tatantula Garganica di Monte Sant’Angelo, Matteo Grifa con la presentazione del progetto musicale “Matteo canta Matteo”, il gruppo giovanile Tarant Folk ed altri musicisti della tradizione musicale garganica.
Per l’occasione sarà proiettato un video sull’attività musicale del cantore Antonio Piccininno.
La cittadinanza è invitata a partecipare.

  

Pubblicato in Personaggi
Pagina 1 di 12

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005