Articoli filtrati per data: Venerdì, 08 Febbraio 2019 - Ondaradio - Tra le vie della città Gargano

Il convegno ha avuto inizio nell’aula magna dell’istituto con l’informativa sull’alcol test e gli effetti sul corpo umano a cura del Dott. Mancini Michele. Al termine ha avuto inizio un Master A.I.B.E.S.  Con una giuria che ha selezionato i vincitori della competizione. I concorsi e le gare di cocktail sono momenti di crescita professionale per i barman. Punti d’incontro di culture, arte e creatività legate al buon bere e occasioni per arricchire il proprio bagaglio tecnico e spirituale. Con il confronto si cresce e si migliora l’autostima. Il barman va premiato: per la presenza e la divisa; per la tecnica, lo stile, la classe e la professionalità; per il gusto e la ricetta, che denotano conoscenza della materia prima e creatività; per la cultura merceologica, quella vera, non quella legata alla promozionalità. Il lavoro del Barman non è fondato sul business, per fortuna e non deve essere fine a se stesso.

 Tiziana Vescera

Pubblicato in Società

"La presenza di alcuni membri della Commissione pronti a preparare una prossima visita istituzionale, vuole testimoniare la volontà dello Stato di reagire. I cittadini devono però capire che non sono sufficienti le istituzioni se non c'è consenso da parte della comunità. Noi siamo qui a combattere e siamo convinti che tanti foggiani vogliono vincere questa partita". Lo ha detto il presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra (M5S), oggi a Foggia dopo i sette attentati dinamitardi che hanno colpito attività commerciali. "Siamo appena di ritorno da San Marco in Lamis - ha aggiunto - dove abbiamo incontrato genitori, le vedove ed il fratello dei Luciani, Luigi ed Aurelio, ammazzati ad agosto 2017. Ho trovato persone di una straordinaria dignità" ma anche "situazioni che meritano attenzione". "Non è pensabile - ha sottolineato - che ci siano dei ragazzini, figli di quei morti, che debbano essere sostentati dalla benevolenza delle famiglie, dall'impegno dei familiari e non dallo Stato".

Pubblicato in Società

di cui n. 1 a tempo pieno e n. 3 a tempo  parziale verticale al 33,33% (ossia 4 mesi l’anno) – con riserva di n.1 posto ai militari delle ff.aa., ai sensi dell’art. 1014, comma 1 e 3 e dell’art.678 comma 9 del d.lgs 66/2010 -

Il calendario delle prove è scaricabile dal sito del Comune di Vieste nella apposita sezione di "Amministrazione Trasparente", in "Bandi di concorso", nel riquadro in alto a destra "SCADUTI".

Pubblicato in Avvisi

Gli arresti sono stati eseguita dai carabinieri tra il comune di Cagnano Varano e Rodi Garganico. Manette ai polsi per Matteo Bocale, leader del sodalizio con base a Cagnano Varano. Bocale, 21 anni, era a capo di una banda composta da Michele Pio Manco, 29 anni, Alessio Di Maggio, 23 anni, Patrizio Fini, 27 anni e Paolo Coletta, 20 anni. Giovani leve del crimine pronte a farsi strada nel mondo della criminalità garganica grazie al supporto della cosca mafiosa dei Li Bergolis-Miucci ed in particolare con il 23enne Francesco Pio Pacilli, figlio del noto Giuseppe Pacilli, detto “Peppe u’ montanar”, quest’ultimo elemento di spicco della sanguinosa organizzazione mafiosa catturato nel maggio 2011. I militari hanno recuperato in più circostanze stupefacenti per un valore di circa 15mila euro, nello specifico due chili e mezzo di marijuana oltre ad hashish e cocaina. Un migliaio di episodi di spaccio accertati per un volume d’affari di 120mila euro.
Con gli arresti di questa mattina, secondo gli inquirenti, è stato scongiurata l'ascesa di un gruppo criminale che stava assumendo i contorni di una vera e propria organizzazione, e costituisce un ulteriore colpo assestato dalla Procura della Repubblica di Foggia dall'Arma dei Carabinieri alla malavita garganica. 

Pubblicato in Cronaca

La nota stampa dei parlamentari M5S, Faro Giuliano, Lovecchio Menga, Naturale Pellegrini Troiano

“In qualità di parlamentari della provincia di Foggia, abbiamo chiesto un incontro al Presidente Conte per fare il punto della situazione su temi importanti per il nostro territorio. In primo luogo, abbiamo affrontato il tema degli investimenti e il Presidente ha confermato la sua attenzione, ribadendo l’importanza del Contratto di Sviluppo Istituzionale per la provincia di Foggia. A questo proposito ci ha informato che sono stati trasmessi alla presidenza del consiglio più di 100 progetti; il termine ultimo entro cui inviare i progetti verrà reso noto con un DPCM. Il Presidente Conte - e su questo aspetto concordiamo pienamente - auspica che i vari progetti presentino caratteristiche di coesione e sostenibilità e che puntino a una valorizzazione complessiva del territorio. 

Questo impegno diretto del governo e del Presidente del Consiglio renderà la provincia di Foggia il laboratorio ideale per lo sviluppo di territori trascurati dall'azione politica e amministrativa.”

Il tema sicurezza, è strettamente correlato al contratto di sviluppo anche dal punto di vista del Presidente e, a questo proposito, abbiamo ricordato la situazione attuale auspicando un maggior impiego di forze dell’ordine e magistrati per contrastate la criminalità organizzata e non. Abbiamo anche colto l'occasione per esprimere grande apprezzamento per i risultati raggiunti dagli investigatori in queste ultime settimane e mesi.

La parola d’ordine in Capitanata, è INVESTIMENTI. "Sappiamo che i cittadini si aspettano molto da noi e dal governo, soprattutto perché per anni la provincia è stata poco attenzionata e, nei territori, si era persa la speranza di poter ripartire. 

Come rappresentanti della provincia di Foggia, invitiamo tutti gli interessati a collaborare affinché il progetto complessivo di rilancio della Capitanata raggiunga al più presto il suo obiettivo. Siamo a disposizione dei cittadini e dei nostri attivisti per chiarimenti e segnalazioni su questi aspetti".

Pubblicato in Politica

L’appuntamento, promosso da Legambiente FestambienteSud, dal Rotary Club di Manfredonia e dal Centro Studi Cristanziano Serricchio, è per venerdì 15 febbraio, alle ore 17.30, nella Green Cave di FestambienteSud, in via Garibaldi 27 a Monte Sant’Angelo.

 Nella Green Cave il primo seminario di studi, con il titolo “L’acqua delle sacre grotte. La stilla di San Michele al Gargano”, è dedicato alle acque sacre e al fenomeno della “stilla”, tipica dei santuari micaelici in generale e di quello di Monte Sant’Angelo in particolare.

Sin dai tempi più antichi le grotte sono state spesso le sedi del culto delle acque. Nella genesi, nello sviluppo e nella diffusione universale del culto micaelico l’“antro” e la “stilla” sono stati elementi indispensabili sempre compresenti.

Questo fenomeno, però, nella grotta Santuario di San Michele, patrimonio UNESCO, da decenni non esiste più, interrotto da lavori di impermeabilizzazione che ne hanno causato l’estinzione.

Al seminario, che si apre con i saluti di Franco Salcuni, presidente di Legambiente FestambienteSud, Andrea Pacilli, presidente del Rotary Club di Manfredonia, e Pierpaolo d’Arienzo, sindaco di Monte Sant’Angelo, interverranno i professori Renzo Infante e Laura Marchetti, entrambi docenti dell’Ateneo foggiano, il prof. Marco Trotta, veterano degli studi micaelici, e il geologo Biagio Ciuffreda.

L’appuntamento di studi, promosso da Legambiente FestambienteSud, dal Rotary Club di Manfredonia e dal Centro Studi Cristanziano Serricchio, è per venerdì 15 febbraio, alle ore 17.30, nella Green Cave di FestambienteSud, in via Garibaldi 27 a Monte Sant’Angelo. Il giorno dopo, il 16 febbraio, alle ore 21, nello stesso spazio, la Green Cave ospiterà il concerto “Sea Shell, musica per conchiglie” di Mauro Ottolini e Vincenzo Vasi.

Il seminario è a ingresso libero. Per ottenere attestazione di partecipazione occorre compilare il formulario d’iscrizione prima dell’inizio dei lavori.

INFO cell. 379 117 5345. web www.festambientesud.it

Pubblicato in Cultura
Venerdì, 08 Febbraio 2019 08:48

Peschici: "Sul Ponte della Memoria"

S'intitola "Sul Ponte della Memoria" il mini cartellone delle iniziative pianificato dal Comune di Peschici, dall'Associazione Culturale-Teatrale "Ars Nova" e dalla locale Parrocchia di Sant'Antonio. 

Qui di seguito il programma dettagliato delle 3 giornate: 

Sabato 9 febbraio 2019

Ore 10.30 - Auditorium "Paolo Granieri" - "Sul Ponte della Memoria". Un commovente quadro, con la prestigiosa partecipazione degli studenti dell'Istituto Omnicomprensivo Statale "G.Libetta". 

Domenica 10 

Ore 10.30 - Chiesa Sant'Antonio - Santa Messa presieduta da Don Davide, con benedizione dei malati; 

Seguirà, pranzo in ristorante con musica live, a cura di Stefano Biscotti e la Compagnia "Ars Nova".

Lunedì 11

Ore 17.30 - Chiesa di Sant'Antonio - Rosario meditato; 

Ore 18.00 - Santa Messa, presieduta da Don Davide; 

Seguirà, la Processione con fiaccolata, in onore di Nostra Signora di Lourdes. 

La popolazione tutta è invitata a partecipare. 

Pubblicato in Società

"Il lutto della famiglia Palmisano, per la scomparsa del loro caro Domenico, è anche il nostro". Lo dice all'ANSA il rettore del Politecnico di Bari, Eugenio Di Sciascio, in merito alla morte del 26enne Domenico Palmisano, lo studente universitario di Palagiano (Taranto) sconfitto da un tumore il 5 febbraio scorso, a cui è stata assegnata la laurea alla memoria in ingegneria informatica. Domenico lottava da mesi contro il cancro e nonostante la grave malattia era riuscito a sostenere anche l'ultimo esame, dal letto di ospedale, per coronare il suo sogno di diventare ingegnere informatico. Ma il suo cuore ha smesso di battere prima che potesse sostenere la tesi e festeggiare la laurea. Per questo i suoi familiari hanno deciso di mettere la pergamena nella bara, accanto a lui. Ieri si sono svolti i funerali in una chiesa gremita, dove il feretro è stato salutato con centinaia di palloncini bianchi e neri. Era tifosissimo della Juventus e avrebbe voluto incontrare Cristiano Ronaldo.

Pubblicato in Società

In Puglia cinque persone sono morte, 190mila quelle contagiate, 23 i casi in terapia intensiva. Sono i numeri dell'influenza: il virus ha sinora messo a letto 190mila pugliesi Un terzo degli ammalati sono bambini e adolescenti Il picco dei contagi deve, però, ancora arrivare  Febbre alta nei primi giorni, debolezza, mal di testa e tosse a cui si aggiunge il più classico dei raffreddori che si protrae per più di una settimana. Si presenta sotto questa forma l'influenza che ha messo a letto 190mila pugliesi dall'inizio della stagione. Il picco influenzale non è ancora stato raggiunto eppure i morti in regione sono già a quota cinque, tutte persone affette da patologie pregresse e non vaccinate con l'antinfluenzale.  A patire maggiormente le conseguenze dell'influenza di quest'anno sono però bambini e ragazzini, sia quelli della fascia pediatrica tra 0 e 4 anni che in quella scolare dai 5 ai 14. I dati raccolti nel report dell'osservatorio regionale raccontano di oltre 60mila pugliesi a letto nelle prime due fasce d'età, quasi un terzo del totale degli ammalati. Asili nido, scuole dell'infanzia e istituti primari, in queste prime settimane dell'anno hanno dovuto fare i conti con una vera e propria "epidemia virale", dovuta alla facilità di contagio fra i più piccoli. Classi e dormitori dei nidi svuotati nel giro di pochissimo tempo a cavallo degli ultimi giorni del mese di gennaio e l'inizio di febbraio.

"Nulla di cui preoccuparsi e niente di diverso rispetto a quanto avevamo previsto - avvisa Cinzia Germinario, responsabile dell'Osservatorio epidemiologico della Regione Puglia - le persone colpite sono quelle delle fasce più deboli, anziani e bambini, che non hanno fatto la vaccinazione antinfluenzale" . Dal 19 di ottobre del 2018, giorno in cui ha preso il via il periodo di sorveglianza influenzale, sono stati 23 i casi finiti nelle terapie intensive di tutta la regione, mentre i decessi sono stati cinque.

"Ma si trattava comunque di persone con patologie pregresse gravi che hanno influito sul decorso della malattia. Dei cinque che ci sono stati in questa stagione ci sono stati casi di decessi per patologie cardiache e polmonari, ma anche per malattie renali " , spiega Germinario. Così come dei soggetti ricoverati nelle terapie intensive pugliesi ci sono stati dei pazienti affetti da diabete e obesità, che hanno facilitato l'avanzare dell'influenza, aggravando lo stato di salute.

Pubblicato in Sanità

Dalle prime ore della giornata è in corso una vasta operazione contro la criminalità sulla costa settentrionale del Gargano con arresti e perquisizioni e piùdi cento carabinieri impegnati del comando provinciale di Foggia.
    L'attivitàinvestigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Foggia, ha individuato e colpito un gruppo di criminali ritenuto in ascesa, con importanti collegamenti con le cosche mafiose della zona, dediti al controllo dello spaccio di stupefacenti, danneggiamenti di esercizi commerciali mediante l'uso di esplosivo, furti aggravati. Contestato anche un tentato furto ai danni di un istituto di credito mediante la tecnica cosiddetta della 'marmotta', forzando cioè la fessura per l'erogazione delle banconote del bancomat per poi inserire l'esplosivo nel foro.

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 2

Ondaradio consiglia...

Lilly Frutta

Reporter della tua città

16 Febbraio 2019 - 10:50:57

IL LIBRO DELLA SETTIMANA/ Santi e Nobili di Nicola Parisi. Le vicende di S. Valentino a Santo Patrono di Vico del Gargano

Con solenne Festa Liturgica il 14 febbraio prossimo, Vico del Gargano si appresta a chiudere la celebrazione giubilare dei 400 anni di san Valentino prete e martire. Durante…

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005