Articoli filtrati per data: Giovedì, 09 Agosto 2018 - Ondaradio - Tra le vie della città Gargano

 Venire in Puglia nei week end dal 29 ottobre 2018 al 31 maggio 2019 sarà ancora più interessante e ricco di esperienze legate in particolar modo alla enogastronomia, alla cultura e al turismo slow. E’ stato infatti pubblicato l’avviso pubblico di InPuglia365 rivolto agli operatori turistici pugliesi per l’acquisizione di servizi di fruizione turistica che consentirà di offrire a turisti e cittadini un programma di attività di valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale regionale. itinerari di fruizione e conoscenza, attività sportive ed escursionistiche; visite guidate ai luoghi di interesse storico-artistico-culturale; laboratori di pratica e conoscenza; apertura straordinaria e fruizione organizzata di luoghi interessanti sotto il profilo turistico-culturale; attività culturali ed artistiche innovative. Queste alcune delle attività che saranno messe in campo gratuitamente grazie all’avviso di Pugliapromozione. “Il sistema turistico pugliese deve fare un salto di qualità. Merita di organizzarsi in maniera più strutturata, di istituire un rapporto stabile tra comuni e imprese, di preparare itinerari turistici che assolvano alla domanda di qualità e autenticità di turisti sempre più internazionali ed esigent , di andare ben oltre la stagione estiva”. Ne è convinta l’assessore all’Industria Turistica e culturale Loredana Capone, soddisfatta del nuovo avviso di InPuglia365:”Per questo con Puglia promozione abbiamo deciso di stimolare,  anche con un contributo economico , reti che realizzino percorsi esperenziali, tra cultura e gusto, che attraversino un entroterra pieno di Borghi e di storia di paesaggio rurale e di identità culturali. Faccio appello a imprese e comuni a fare squadra perché il nostro investimento produca il miglior risultato possibile, perché i turisti che accogliamo abbiamo piacere di ritornare. E anche perché la nostra promozione, nelle fiere, sul web e nelle varie campagne di comunicazione, abbia itinerari bene organizzati   da proporre ai tour operator. #Inpuglia365 non è solo una visione, é un impegno quotidiano su cui ciascuno deve investire”. In continuità e coerenza con il Piano Strategico del Turismo regionale, con il programma “InPuglia365 - Cultura, Natura, Gusto”, l’Agenzia regionale del turismo vuole stimolare e supportare la nascita ed il consolidamento di attività esperenziali riferite all’enogastronomia, alla cultura e al turismo slow, caratterizzati dall’incontro tra autenticità, genuinità e creatività.

L’obiettivo è quello di accrescere la consapevolezza del vissuto, l’irripetibilità dei luoghi autentici, stimolare comportamenti responsabili verso il territorio, godendo appieno dell’esperienza turistica in Puglia come esperienza di vita.  In questa edizione di InPuglia365anche un focus su Matera 2019  checostituisce un’importante occasione di promozione turistica del territorio pugliese, anche in virtù della continuità territoriale tra le due regioni. Pertanto, attraverso la realizzazione di specifiche attività di comunicazione e divulgazione delle iniziative previste dal programma “InPuglia365 – Cultura, Natura, Gusto”, si intende perseguire il duplice obiettivo di promuovere la notorietà della destinazione Puglia e generare incoming turistico, stimolando la curiosità e la partecipazione alle stesse iniziative da parte dei turistici in visita al capoluogo lucano.

 “Puntiamo sul connubio enogastronomia, cultura, turismo lento e  paesaggio, anche quello meno noto ma bellissimo dell’entroterra,  per la nostra strategia di valorizzazione e promozione turistica della Puglia – commenta Luca Scandale, Responsabile del Piano Strategico - Con InPuglia 365 facciamo un passo avanti verso la costruzione di prodotti turistici della Puglia che ha molto da offrire anche fuori stagione grazie alla sua ricchezza enogastronomica e culturale, e  insieme consolidiamo un aspetto importante dell’accoglienza, fondamentale per far crescere la qualità  l’industria turistica pugliese”.  La dotazione finanziaria complessiva per InPuglia365 2018/19 è pari ad € 1.600.000,00. Ogni offerta potrà prevedere un importo massimo di €22.000,00.  Sono previste attività per target specifici di utenza (es.: disabili, celiaci, famiglie con bambini, pet friendly, etc.) ,accoglienza e booking center al pubblico, attività di comunicazione e promozione delle iniziative on/off-line, guerrilla marketing: organizzazione di happening, performance con finalità di promozione e divulgazione delle iniziative, diffusione di informazioni sulle iniziative nella città di Matera-Capitale europea della cultura 2019 o nelle ulteriori località coinvolte dal programma Matera 2019. I periodi durante i quali si svolgono le iniziative di fruizione/animazione sono dal 29 ottobre 2018 al 28 febbraio 2019 e  dall’1 marzo al 31 maggio 2019.

Pubblicato in Turismo

Anche per la stagione 2018 Vieste si conferma tra le città d’Italia più attente al benessere animale e all’ospitalità di turisti con animali. Vista la grande affluenza i lidi Animal friendly sono passati da 50 a 57. Il Sindaco Giuseppe Nobiletti ha emesso una ordinanza per permettere la balneazione animale nello specchio antistante i lidi animal friendly, nelle fasce orarie 13,00-15,00 e 19,00 fino alla 9,30 del giorno successivo. E’ di qualche settimana fa anche l’ordinanza per la tutela dei pony che vieta l’ utilizzo di questi per le passeggiate in città. L’Ass. alla Cultura e alle Politiche Sociali Graziamaria Starace, insieme all’Ass. al Turismo Rossella Falcone e all’Ass ai Lavori Pubblici Mariella Pecorelli hanno voluto che gli itinerari culturali della città di Vieste fossero accessibili anche a chi ha con sé un 4 zampe. Ma gli animali a Vieste sono anche preziosi alleati della sicurezza in mare grazie al progetto della SCISAR-delegazione Puglia Nord che vede in prima linea sulle spiagge i cani bagnini. Il Motoclub Gargano ha inoltre ideato il progetto “SOS bambini e animali” per ritrovare bimbi e animali smarriti in spiaggia attraverso una chat di Whatsapp in cui ci sono Forze dell’ordine, bagnini di tutti i lidi e volontari della Lega del Cane. Grande soddisfazione per tutte queste iniziative da parte dei volontari della Lega Nazionale per la Difesa del Cane di Vieste che da anni si adoperano sul territorio affinché gli animali possano avere maggiori diritti visto che oramai fanno parte della famiglia e i dati parlano di 60 milioni di animali presenti nelle famiglie italiane. “Oggi” spiega Nicoletta Pagano Presidente della Lega Nazionale per la Difesa del Cane Vieste “ non accettare animali è una scelta sbagliata anche sotto l’aspetto imprenditoriale, dal momento che anche chi non ne ha è molto sensibile alla causa, ma per poter diventare città animal friendly è fondamentale combattere prima il randagismo. Noi col progetto ZERO CANI IN CANILE CI SIAMO RIUSCITI ed oggi raccogliamo i frutti di anni di lavoro che hanno visto la collaborazione di tutte le parti in causa: amministratori, ASL col dott. Bartolo Baldi, imprenditori, associazioni e cittadini. Ciò che ci è rimasto da debellare e dopo l’estate, già d’accordo con l’Assessore al benessere Animale Vincenzo Ascoli, faremo, è il vagantismo (ovvero i cani di proprietà senza microchip, spesso di aree rurali, che circolano liberamente sembrando randagi) e gli abbandoni di cuccioli di proprietà. Questo fenomeno ancora sussiste ma a breve partiranno controlli e sanzioni per chi non rispetta le regole. Per il prossimo anno tante novità e la nascita di un Club di prodotto Animal Friendly.

Pubblicato in Ambiente
Giovedì, 09 Agosto 2018 14:58

Vieste/ Ancora arresti per droga

In manette sono finiti Giuseppe Stramacchia, di 32 anni, Fedele Romano, di 33, e Christian Hdiouech, di 27, tutti e tre pregiudicati vicini al clan Perna, colti in flagranza di reato di detenzione di ingente quantitativo di sostanza stupefacente. Gli arresti sono stati effettuati a Vieste, dal “Gruppo investigativo Gargano” composto da personale della Squadra Mobile della Questura di Foggia, coadiuvato da personale della Sottosezione di Polizia Stradale di Vieste e del Reparto Prevenzione Crimine Puglia Settentrionale di San Severo.

Durante la perlustrazione di alcuni casolari siti in località Defensola e località Carabella gli operatori di Polizia hanno proceduto al controllo di un furgone modello Fiat Ducato. Tale attività ha consentito di identificare i tre soggetti, ritenuti vicini al sodalizio criminale capeggiato dal noto pregiudicato viestano Girolamo Perna, impegnato nella sanguinosa faida con lo schieramento avverso capeggiato da Marco Raduano.

Nel corso del minuzioso controllo gli operatori di Polizia, hanno rinvenuto, debitamente occultato all’interno del mezzo, un borsone in tela contenente una busta di plastica, con impressa la lettera “C.”, del peso di 2 chili, contenente marijuana, oltre ad un bilancino elettronico e materiale utile per il confezionamento.

Al termine delle formalità di rito, stante la flagranza del reato di detenzione di ingente quantitativo di sostanza stupefacente, Stramacchia, Romano e Hdiouech sono stati condotti presso la Casa Circondariale di San Severo a disposizione dell’Autorità giudiziaria. Sono in corso accertamenti volti ad individuare il canale di approvvigionamento della sostanza stupefacente caratterizzato dalla presenza di un vero e proprio marchio.

Pubblicato in Cronaca

Antonio Longobardi canta Pino Daniele. Questa sera a IL CAPRICCIO

Domani, VENERDÌ 10 NOTTE DI S. LORENZO tributo al grande CELENTANO.

SABATO: TRIBUTO a Mario Biondi e Berry White.

Ristorante Il Capriccio
Località Porto Turistico - Vieste –
tel 0884 707899 –
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Avvisi

COMUNE DI VIESTE

Provincia di Foggia

Ord. nr. 109 del 08-08-2018

Oggetto: Regolamentazione accesso cani in stabilimenti balneari Animalfriendly e relativa balneazione

IL SINDACO

PREMESSO che:

-                     il Comune di Vieste col Progetto "Zero cani in canile" è una città Animalfriendly con una elevata presenza di turisti con animali;

-                     molti stabilimenti balneari ospitano animali nel rispetto dell'ordinanza balneare 2018 della Regione Puglia,

-                     la Lega Nazionale per la Difesa del Cane di Vieste sez. Orta Nova in data 9 maggio 2018 a mezzo PEC ha richiesto alla Regione Puglia chiarimenti in merito alla possibilità dì balneazione degli animali e che la Regione in deroga all'ordinanza ha comunicato con Prot. 108 del 25 maggio 2018 nota n 12358 che i concessionari, previa autorizzazione comunale, attrezzano apposite aree riservate allo scopo"

-                     si intende salvaguardare le esigenze sia dei bagnanti con animali che dei bagnanti con poca propensione alla condivisione degli spazi con animali;

RITENUTO pertanto necessario provvedere alla regolamentazione dell'accesso cani in stabilimenti balneari Animalfriendly e relativa balneazione;

VISTA l'Ordinanza balneare regionale 2018;

VISTA la normativa vigente in materia;

VISTO il t.u. 18 agosto 2000, n. 207 delle leggi sull'ordinamento degli enti locali;

ORDINA

per i motivi espressi in narrativa,

la predisposizione da parte degli stabilimenti balneari Animalfriendly di apposita cartellonistica indicanti l'area di balneazione dei cani.

La segnaletica deve informare gli utenti della destinazione della zona e degli orari di interdizione della balneazione animale che sono i seguenti: dalle 9,30 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 19,00 Lo spostamento dall'ombrellone allo specchio d'acqua indicato e antistante lo stabilimento balneare,deve avvenire a guinzaglio in braccio al proprietario/detentore,

Il periodo di apertura dell'area va dal 01/06 a 30/09 di ogni anno;

L'accesso all'area è consentito solo agli animali identificati con le caratteristiche indicate nell'Ordinanza balneare 2018 e che rispettino il seguente regolamento:

  1. 1.Potranno accedere alla spiaggia esclusivamente i cani tenuti a guinzaglio, che siano

regolarmente iscritti all'anagrafe canina (con tatuaggio o   esenti da infestazioni di pulci,

zecche o altri parassiti, muniti di libretto sanitario, collare con targhetta identificativa in cui siano riportati i dati ed il numero di telefono del proprietario;

I proprietari/detentori devono curare che l'animale non possa raggiungere i soggetti vicini; devono inoltre, occuparsi della docciatura, sistemare una ciotola con acqua sempre presente ed accessìbile e garantire che l'animale abbia sempre lo possibilità di ripararsi all’ombra;

-                     Le deiezioni solide degli animali devono immediatamente essere rimosse a cura del proprietario/detentore, che deve essere munito di paletta/raccoglitore e riposte negli appositi contenitori dei rifiuti; le deiezioni liquide devono essere asperse e dilavate con abbondante acqua di mare sempre a cura del proprietario/detentore dell'animale. Ogni due ore l'accompagnatore è comunque, tenuto a condurre il cane fuori della spiaggia per una passeggiata igienica;

-                     I proprietari/detentori dei cani sono gli esclusivi responsabili del benessere, del controllo e della conduzione degli animali e rispondono sia civilmente che penalmente, di eventuali danni o lesioni a persone, animali e cose provocate dall'animale stesso;

-                     / proprietari/detentori devono essere muniti di apposito guinzaglio non superiore a mt 1,50 e avere con sé una museruola morbida, da usare solo in caso di necessità o su richiesta motivata di altri bagnanti e/o autorità competenti;

-                     E' interdetto l'accesso ai cani femmina in periodo estrale (calore) e ai cani con sindrome aggressiva;

-                     Chi accede alla spiaggia ha l'obbligo di rispettare tutti i punti sopra indicati e rendersi disponibile a controlli da porte del personale preposto.

  1. 2.L'accesso del cani al lido e l'allontanamento di questi, in caso di disturbo agii altri bagnanti è a insindacabile giudizio del titolare dello stabilimento balneare.-
  2. 3.E' vietato lasciare liberi incustoditi i cani.

DISPONE

AL COMANDO DI POLIZIA MUNICIPALE é demandato il compito di vigilare SULL'ESATTA OSSERVANZA della presente Ordinanza;

DISPONE INOLTRE Che

l'Ufficio Notifiche curerà la notifica delia presente Ordinanza alla Prefettura UTG di Foggia ed ai Comandi di Polizia operanti sul territorio comunale presso le rispettive sedi:

Polizia Municipale Tenenza dei Carabinieri,

Tenenza Guardia di Finanza, Circomare Vieste,

Sottosezione Polizia Stradale,

Stazione Carabinieri - Forestali Parco,

L'INVIO agli organi di informazione locale per l'opportuna divulgazione ai pubblico ed agii operatori interessati o interessagli; L'AFFISSIONE della presente Ordinanza all'Albo Pretorio dei sito web istituzionale www.comune.vieste.fg.it per 30 giorni.

EVIDENZIA CHE

avverso la presente Ordinanza è possibile ricorrere al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni dalla data di pubblicazione o notificazione, ovvero proponendo ricorso straordinario ai Presidente della Repubblica nei termini di legge.

Vieste, addì 8 agosto 2018

 

Il Sindaco

Giuseppe Nobiletti

Pubblicato in Avvisi

Lo studio Enrico Follieri & As­sociati, con il socio amministratore Enrico Follieri, ha ottenuto l’annullamento dell'archiviazione del procedi­mento di approvazione del progetto di allungamento della pista dell’aeroporto “Gino Lisa” di Foggia, disposta dal Prov­veditorato Interregionale per le Opere Pubbliche di Campania, Molise, Puglia e Basilicata. Il ricorso era stato proposto al Tribunale amministrativo regio­nale della Puglia per il Comune di Foggia e il Comitato “Vola Gino Li­sa”.

L’allungamento della pista è un’opera di in­teresse nazionale, già finanziata dal CIPE per 14 milioni di Euro, soggetta all’approvazione tramite intesa Sta­to-Regione. Il Tribunale amministra­tivo regionale ha accertato che il pro­cedimento per l’adozione del decreto di intesa Stato-Regione, avviato nel 2012, era pronto per essere concluso almeno dal dicembre 2015 e che al momento dell’illegittima archiviazione non sus­sistevano ragioni ostative alla sua con­clusione positiva. «La sentenza accerta l’ingiustizia pa­tita dalla Capitanata ed è in grado di assicurare una più rapida esecuzione delle opere, rispetto al successivo pro­cedimento recentemente concluso dal Provveditorato per le Opere Pubbliche. Diver­samente da quest’ulti­mo, infatti, il procedi­mento di cui il Tribunale amministrativo regionale ha accertato l’illegittima archivia­zione non pone alcuna prescrizione per la pro­secuzione dell’iter e dunque per l’ese­cuzione dei lavori di allungamento della pista, essenziale per riattivare il traffico passeggeri nell’aeroporto di Foggia» ha così commentato Enrico Follieri. L’en­nesima conferma di una strategia ad escludere che, si auspica ad escludere che, si auspica, sia definitivamente finita.

Pubblicato in Economia

E’ collegata ad un maxi-sequestro di 152 chili di marijuana recuperati dai cara­binieri il 15 ottobre 2017 in un’abitazione estiva alla peri­feria di Vieste; ed al rinveni­mento lo scorso 3 maggio dell’arsenale della mala quan­do venne arrestato in flagranza un giovane del posto, l’indagine dei carabinieri del reparto ope­rativo di Foggia coordinata dal­la Direzione distrettuale anti­mafia di Bari sfociata 48 ore fa nel fermo di 4 viestani accusati a vario titolo di traffico di droga con 1’aggravante della mafiosità; spaccio di cocaina e marijua­na; detenzione e porto illegale di armi anche da guerra; vio­lazione della sorveglianza spe­ciale. In carcere sono finiti Marco Raduano, 34 anni, detto «Pallone», ritenuto il capo di uno dei clan in guerra nella cit­tadina garganica; il ni­pote Liberantonio Azzarone, 28 anni; Gianluigi Troiano di 25 anni; e il padre Luigi Troiano di 55 anni. Toccherà adesso al gip del Tribunale di Foggia inter­rogare gli indagati, pronun­ciarsi sulla convalida del decre­to di fermo spiccato dal procu­ratore aggiunto Francesco Giannella coordinatore della Dda e dal pm Ettore Cardinali che hanno ritenuto sussistente il pericolo di fuga. Se così fosse, il gip foggiano si «spoglierà» dell’inchiesta per incompeten­za per materia vista la contestazione dell’aggravante della mafiosità, e trasmetterà gli atti alla magistratura barese.

L'ATTO DI ACCUSA

Sono 6 i capi d’imputazione contestati a vario titolo dai pm ai 4 vie­stani nelle circa 200 pagine del decreto di fermo per fatti av­venuti dal giugno 2017 ad oggi; l’accusa poggia essenzialmente su intercettazioni e riprese vi­deo. L’inchiesta è collegata alla guerra di mala in corso da tre anni e mezzo a Vieste e che dal gennaio 2015 (giorno della morte di Angelo Notarangelo, detto «Cintarid», allevatore ritenuto a capo di quello che era all’epoca un gruppo omogeneo e che poi si è diviso) ad oggi ha contato 9 morti ammazzati; 5 tentativi di omicidio uno dei quali ai danni di Raduano; e 1 lupara bianca.

LA DROGA DA CERIAMO­LA

14 indagati sono accusati di traffico di droga secondo questi ruoli: Marco Raduano avrebbe promosso, diretto e organizzato il gruppo di trafficanti, procu­randosi a Cerignola la droga - essenzialmente cocaina e ma­rijuana - da smerciare poi a Vie­ste; si sarebbe occupato di in­viare i corrieri a ritirare lo stu­pefacente, stabilendo i prezzi della droga. Azzarone avrebbe fornito la droga agli spacciatori al dettaglio, occupandosi di ri­scuotere e sostituendo Radua­no quando era detenuto o in ospedale: sfuggì alla morte il 21 marzo scorso in un agguato sot­to casa quando due sicari ar­mati di mitra e fucile riusci­rono «solo» a ferirlo ad anca e mano. I Troiano padre e figlio avrebbero invece individuato i posti dove nascondere la dro­ga.

LA MAFIOSITÀ

Il tutto con una triplice aggravante conte­stata dalla Dda: disposizione di armi da par­te dell’associazione di trafficanti; ingente quantitati­vo di droga trattato; e mafiosità perché il gruppo

avrebbe agito con metodi ma­fioso, attraverso minacce a pusher che sceglievano altri ca­nali di approvvigionamento ri­spetto a quello del presunto gruppo Raduano.

 I 152 CHILI DI MARIJUANA

- Ai 4 viestani si contesta poi di aver nascosto, in vista dello smercio poi saltato visto l’in­tervento dell’Arma, i 152 chili di marijuana da cui si sarebbero potute ricavare oltre 800mila dosi, che furono rinvenuti dai carabinieri della locale tenenza lo scorso 15 ottobre in località «Molinella». Quel giorno i mi­litari dell’Arma sequestrarono un’abitazione disabitata in quel periodo (e il cui proprie­tario è estraneo all’indagine) al­cune «balle» con l’ingente quan­titativo di marijuana. A Radua­no e Azzarone la Dda contesta poi di aver detenuto ai fini di spaccio cocaina e marijuana.

L'ARSENALE

Raduano e Azzarone sono accusati dalla Dda anche di concorso con Gio­vanni Surano (già detenuto) di detenzione e porto illegale di un mitra Kalashnikov, un fucile a pompa, due pistole; armi che furono sequestrate a Surano il 3 maggio scorso dai carabinieri quando il trentaquattrenne viestano, ritenuto vicino al clan Raduano, fu arrestato in fla­granza. I carabinieri, sulla scor­ta della ripresa della guerra di mafia che aveva fatto registrare nell’ultimo mese due omicidi e un agguato fallito, eseguirono una serie di perquisizioni mi­rate a Vieste: in ima casa di­sabitata ritenuta nella disponibilità di Surano furono seque­strati mitra, fucile, alcune pi­stole, e un ingente quantitativo di droga tra cocaina (quasi un chilo); marijuana (18 chili); e hashish (6 chili e mezzo). Su­rano si dice innocente, nega d’aver avuto la disponibilità della casa: ottenne i domiciliari dopo tre settimane, revocati nei giorni scorsi dalla magistratu­ra che ha disposto il ritorno in carcere, ritenendo che il garganico stesse cercando di inqui­nare le prove in vista del pro­cesso per armi e droga. Al boss Marco Raduano, infine, la Dda contesta di aver violato la sor­veglianza speciale con obbligo di soggiorno a Vieste che gli fu notificata nel luglio del 2017.

 gazzettacapitanata

Pubblicato in Cronaca

«Il Miur ha riservato alla scuola pugliese una sgradita sorpresa visto che, anche in occasione dell’assegnazione del contingente per le immis­sioni in ruolo dei docenti per il 2018/19, i conti non ci convincono». A denunciarlo è la Cgil, ricor­dando di aver «già denunciato un accanimento contabile nei confronti della nostra regione in occasione dell’attribuzione degli organici docenti oltre che ATA e si sperava che segnali positivi potessero giungere in occasione delle immissioni in ruolo dei docenti. Ma così non è stato». Per il segretario regionale della Flc Cgil Claudio Menga «anche per le immissioni in ruolo i numeri sono impietosi delle 57.322 immissioni in ruolo solo 2.242 sono i posti riservati alla Puglia. Si tratta - spiega - di una percentuale del 3,91 % nonostante il peso dell’organico docenti pugliese sia pari al 7,3% dell’organico nazionale. Un ennesimo triste dato dovuto al fatto che la nostra regione que­st’anno si è collocata al primo posto per tagli agli organici docenti (-296 posti) e realizza in Italia il rapporto alunni/docenti più alto (12,81 alunni per docente contro una media nazionale del 12,22) il cui riequilibrio comporterebbe un incremento di organico di 2.228 posti. Cambiano i governi ma, per la scuola meridionale , è sempre la solita solfa».

«L’alto tasso di dispersione scolastica e l’elevato numero dimensionamenti - incalza Gianni Verga, segretario della Uil scuola – sono statistiche che evidentemente non interessano a chi vede il sistema come un settore sul quale continuare ad abbattere indiscriminatamente la scure dei tagli verticali». Il contingente pugliese di 2.242 unità (772 a Bari, 252 a Brindisi, 477 a Foggia, 378 a Lecce e 363 a Taranto) è «un'inezia - attacca ancora Verga - che non servirà a coprire neanche lontanamente il deficit attuale. Al netto di una carenza basilare di docenti pari a 3000 unità che denunciamo da tempo, basti pensare che solo in provincia di Bari sono 1270 i lavoratori che stanno andando in pen­sione. Un dato in vertiginoso aumento rispetto ai 665 pensionamenti dello scorso anno, pari a un +100% sul 2017, un esodo vero e proprio che se non sarà colmato con nuovi innesti (solo per il per­sonale ATA è garantito il pieno turnover) metterà in crisi seria i dirigenti scolastici e a repentaglio il regolare svolgimento dell’anno scolastico. Se que­sto è il vento del cambiamento - conclude Verga - siamo messi molto male. In campagna elettorale, le formazioni politiche che poi hanno dato vita al nuovo Esecutivo hanno sbandierato ai quattro venti il vessillo della meritocrazia, salvo poi umiliare, nei fatti, il luogo di istruzione e formazione per eccellenza delle nuove generazioni. Forse gli errori del recente passato, a cominciare dal fa­migerato decreto Buona Scuola, non hanno in­segnato nulla. Siamo pronti alla mobilitazione per restituire alla scuola pugliese e del Mezzogiorno la dignità perduta a colpi di tagli indiscriminati”.

Pubblicato in Società

Giovedi 9 Agosto 2018 alle ore 21:30 andrà in scena Film music un concerto di musiche da film, organizzata dall’Associazione I “suoni del sud” la direzione artistica è affidata al M°Andrea Vescera con la collaborazione della nuova Associazione Culturale e musicale di Vieste ” Gargano Music” sempre sotto la direzione atistica del M° Andrea Vescera che nasce con l’intento di promuovere eventi di vario genere e di alto livello collaborando con Associazioni della provincia e oltre che collaborano ancora oggi con importanti rete televisive e coproduzioni con Teatri importanti. L’Associazione “Gargano Music” l’abbiamo vista protagonista la sera del 28 luglio con un concerto organizzato dal parroco del SS.Sacramento Don Angelo Di nunzio riscuotendo un bel sucesso. La serata di Giovedi 9 Agosto sarà all’insegna di colonne sonore tratte dai più bei film della storia del cinema, un viaggio ricco d’emozioni su temi musicali famosissimi. Un concerto di brani orchestrali tratti da colonne sonore e musiche di scena composte dai più grandi maestri e opere cinematografiche entrate – anche per loro merito - nella lunga ed affascinante epopea dell’arte cinematografica. In scaletta pagine di Morricone,Williams,Piovani,Rota,Bakalov, ed altri autori che hanno riscosso il successo universale di critica e pubblico, premiati dai più prestigiosi riconoscimenti internazionali. Il concerto prevede la performance dal vivo con la proiezione di film originali nella suggestiva location nell’Anfiteatro Adriatico Carlo Nobile di Vieste con la presenza di 6 musicisti professionisti (Pianoforte,Chitarra,Basso,Batteria,Violino, e alla Tromba il M°Andrea Vescera. lo Spettacolo è patrocinata dal Comune di Vieste. Le prossime date che svolgerà L’Associazione “Gargano Music” con le colonne sonore di film sono il 14 Agosto a Troia, (FG) il 25 Agosto a Orta Nova (FG) e il 2 settemre in occasione della “Stella Maris” si esibiranno con un altro genere musicale nella zona porto di Vieste.

vi aspettiamo.

Pubblicato in Spettacolo

Continua senza alcuna sosta l’azione di controllo del territorio della Polizia Locale di Vieste. Sequestrati centinaia di capi tra bigiotteria etnica, scarpe, borse, borselli, profumi ed anche noci di cocco.

Con servizi mirati che iniziano fin dalle ore 06 del mattino, la Polizia Locale di Vieste sta controllando le spiagge del territorio viestano per contrastare la contraffazione e l’abusivismo commerciale in linea con quanto disposto su scala nazionale dal Ministero dell’Interno.

Uomini in divisa ed in borghese cercano di rendere più sicure le spiagge Viestane, da Sfinalicchio fino a Baia di Campi. Nel corso di tali controlli sono stati sequestrati centinaia di capi tra bigiotteria etnica, scarpe, borse, borselli, profumi ed anche noci di cocco, il tutto venduto senza autorizzazione.

Elevati diversi verbali per installazioni abusive di tende in spiaggia, e per aver allestito veri e propri pic-nic. Sanzionati diversi autocaravan che pernottavano in aree demaniali. Elevati diversi verbali per campeggio abusivo.

L’amministrazione comunale è riuscita anche ad assumere nuovi operatori di polizia locale a tempo determinato proprio per garantire maggior controlli in spiaggia.

Effettivamente la costa Viestana è molto grande e difficile da controllare, ma adesso con più uomini e con nuovi mezzi quali i QUAD difficilmente gli abusivi riusciranno a farla franca.

Il messaggio che la Polizia Locale vuol far passare è questo: SPIAGGE LIBERE – TOLLERANZA ZERO!

Il Sindaco di Vieste, Avv. Giuseppe NOBILETTI, informato tempestivamente dei risultati ottenuti si è complimentato con tutto il personale operante.

Quest’anno la Polizia Locale di Vieste ha posto particolare attenzione alla vigilanza sulle spiagge, formando il “Nucleo Operativo Spiagge – BEACH PATROL” ed iniziando subito una importantissima campagna di sensibilizzazione e di informazione con l’aiuto degli assistenti bagnanti degli stabilimenti balneari e degli organi di informazione (radio, televisione, stampa, internet).

Il Comando Polizia Locale di Vieste sarà preso equipaggiato con un particolare fuoristrada pickup per contrastare questo tipo di fenomeno, riferisce il Comandante Vicario Isp. Sup. DIMAURO Gaetano, che sta procedendo in sinergia con il Dirigente della Polizia Locale Dott. Angelo Raffaele VECERA.

Gli uomini della “BEACH PATROL” Isp. RICCARDI Pietro, V. Sovr. FABRIZIO Sergio, V. Sovr. BISCOTTI Massimo e V. Sovr. DI MARZIO Maurizio spiegano che, molto spesso la gente ignora le conseguenze che possono derivare da un determinato comportamento, per esempio:

  • Ø l’Articolo 3 comma 1 lettera A dell’Ordinanza Balneare 2018 della Regione Puglia approvata con Atto Dirigenziale n. 309 del 24 Aprile 2018 prevede che: Sulle aree demaniali marittime della costa pugliese è Vietato campeggiare con tende, roulotte, camper ed altre attrezzature o installazioni impiegate a tal fine, nonché pernottare al di fuori delle aree specificatamente destinate con regolare titolo abilitativo;

Come previsto dall’articolo 1161 del Codice della Navigazione, Se l’occupazione di cui al primo comma è effettuata con un veicolo, si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 103,00 (1) a euro 619,00 (2); in tal caso si può procedere alla immediata rimozione forzata del veicolo in deroga alla procedura di cui all’articolo 54.

In altri casi si può sanzionare in base all’articolo 1164 del Codice della Navigazione, Salvo che il fatto costituisca reato o violazione della normativa sulle aree marine protette, chi non osserva i divieti fissati con ordinanza dalla pubblica autorità in materia di uso del demanio marittimo per finalità turistico-ricreative dalle quali esuli lo scopo di lucro, è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 100 euro a 1.000 euro.

  • Ø l’Articolo 3 comma 1 lettera G dell’Ordinanza Balneare 2018 della Regione Puglia approvata con Atto Dirigenziale n. 309 del 24 Aprile 2018 prevede che: Sulle aree demaniali marittime della costa pugliese è Vietato accendere fuochi o fare uso di fornelli ed allestire pic-nic con tavolini e sedie in aree non allo scopo riservate;

In questi casi si può sanzionare in base all’articolo 1164 del Codice della Navigazione, Salvo che il fatto costituisca reato o violazione della normativa sulle aree marine protette, chi non osserva i divieti fissati con ordinanza dalla pubblica autorità in materia di uso del demanio marittimo per finalità turistico-ricreative dalle quali esuli lo scopo di lucro, è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 100 euro a 1.000 euro.

  • Ø Un'altra legge molto importante in materia è la Legge Regionale N. 11 del 11.02.1999 ovvero la cosiddetta "Legge sul Turismo". L'articolo 71 prevede che "è soggetto alla sanzione amministrativa da Euro 1.549,37 a Euro 4.648,11 con sequestro della tenda o roulotte chi dovesse campeggiare nelle aree consentite (Art. 22)." Nel caso in cui il mezzo di pernottamento fosse incorporato alla motrice di trasporto, sarà comminata soltanto la sanzione amministrativa da Euro 3.098,74 a Euro 6.197,48.

Per quanto concerne il delicatissimo argomento “rifiuti”, occorre ricordare alcune sanzioni previste:

La norma principale è il Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152.
Ø Abbandonare rifiuti, comporta una sanzione da € 300,00 ad € 3.000,00 se la violazione è commessa da un cittadino qualsiasi. Se tali rifiuti sono “pericolosi” la sanzione è raddoppiata. Se la stessa violazione è commessa da una Ditta ci saranno conseguenze di natura Penale e pertanto più gravi.
Ø Il conferimento irregolare di ingombranti ai sensi dell'Ordinanza del Signor Sindaco di Vieste n. 106 del 1° giugno 2017 con riferimento alla Delibera di Giunta del Comune di Vieste n. 100 del 31 maggio 2017 comporta una sanzione di € 400,00.
Ø Gettare piccoli oggetti come scontrini, gomme da masticare, sul suolo o in acqua comporta una sanzione da € 30,00 ad € 150,00. Se si tratta di mozziconi di sigarette la sanzione è raddoppiata.

Nel mirino non c’è solo chi abbandona gli ingombranti, bensì anche coloro che non fanno la raccolta differenziata o che la fanno male. E’ inaccettabile il fatto di ritrovarsi un armadio, una lavatrice o un materasso in un cassonetto dei rifiuti e non si fanno sconti a nessuno.

Ricordiamo sempre che: se il negoziante che sta vendendo un nuovo elettrodomestico si rifiuta di ritirare gratuitamente il vecchio elettrodomestico oppure chiede di pagare una somma per tale servizio, bisogna contattare immediatamente la Polizia Locale di Vieste (tel. 0884.708014).

Per quanto concerne la contraffazione e l’abusivismo commerciale, ricordiamo sempre che:

Dietro la contraffazione e l’abusivismo si nascondono spesso realtà abominevoli come lo sfruttamento di bambini dei paesi poveri, costretti a lavorare per produrre prodotti contraffatti, piuttosto che giocare o studiare. Acquistare un prodotto contraffatto produce un danno alla collettività ed anche all’acquirente stesso! Acquistare merce contraffatta comporta cali di produzione per aziende “regolari” e quindi perdita di posti di lavoro. Acquistare prodotti contraffatti arreca ingenti danni alle aziende, ma anche allo Stato che attraverso le imposte come tasse e Iva, incamera liquidità che possono essere utilizzate per garantire servizi necessari come sanità, pensioni, scuola……). Inoltre va ricordato che la merce posta in vendita deve avere necessariamente una etichetta in lingua italiana.

  • Ø Vendere merce contraffatta è un reato, e chi lo fa rischia il carcere. A tal proposito si rammenta ancora una volta che l’acquisto di prodotti contraffatti comporta una sanzione (a chi acquista) da € 100 ad € 7.000.

Un Week-end di fuoco questo che è appena passato, ma sicuramente all'insegna della sicurezza e della legalità in cui si è resa indispensabile una perfetta collaborazione tra tutti gli attori presenti sul territorio ottimizzando al meglio le risorse disponibili.  

I controlli continueranno per tutta l'estate quindi siamo tutti invitati al rispetto delle leggi, dei regolamenti comunali e tutte le norme per una corretta convivenza civile con il territorio che ci circonda.

Si ringraziano vivamente:

1)    Gli organi di stampa, televisione, radio, internet, social network hanno contribuito alla diffusione di informazioni preziose, riguardanti consigli, notizie sul traffico, ordinanze ed altro.

2)    Il personale degli stabilimenti balneari, in particolare gli addetti all’assistenza bagnanti che svolgono giornalmente una importante opera di informazione e di formazione sulle bellissime spiagge viestane.

Per segnalazioni:
Comando Polizia Locale di Vieste tel. 0884.708014.

Dal Comando Polizia Locale di Vieste

Isp. RICCARDI Pietro

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 2

Ondaradio consiglia...

Lilly Frutta

Reporter della tua città

21 Ottobre 2018 - 10:33:42

IL LIBRO della SETTIMANA/ Generazione super connessa: “Alziamo gli occhi dai cellulari” – I SUPERCONNESSI – Domenico Barillà -

Finita l’ubriacatura, responsabile di una confusione pedagogica senza precedenti, smaltita in parte la paura che sembra avere paralizzato un’intera generazione di educatori, è…

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005