Articoli filtrati per data: Mercoledì, 08 Agosto 2018 - Ondaradio - Tra le vie della città Gargano

Acquista anche tu una mattonella di parquet.

Caro tifoso, sostenitore della Sunshine…..

per continuare la nostra avventura iniziata nel 2010 con il campionato di prima divisione e che nel giro di pochi anni ci ha portato a conquistare sul campo il diritto di disputare la prossima stagione in serie C GOLD, unica squadra della provincia di Foggia, ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Insieme abbiamo visto crescere i Nostri giovani che dopo aver conseguito negli anni importanti vittorie nei campionati giovanili, portando in alto nella regione il nome di Vieste, sono diventati protagonisti della stagione passata con la squadra maggiore.

Ma… come in tutte le belle favole c’è un ma… l’attuale pavimentazione del nostro palazzetto non è adeguata ad un campionato di serie C Gold. Così la società si è impegnata affinchè anche l’Omnisport possa dotarsi del parquet. L’impegno finanziario sarà di quelli importanti, ma l’entusiasmo e la voglia di realizzare qualcosa di grande lo è ancora di più.

E allora Caro tifoso abbiamo bisogno anche di te.

Acquista la tessera sostenitore, aiutaci a portare avanti i sogni dei nostri ragazzi e ad offrirti ogni domenica uno spettacolo meraviglioso. Con la Tessera Sostenitore potrai accedere a tutte le partite casalinghe della Sunshine.

Anche Vieste tra le grandi … grazie a TE !!!

Pubblicato in Sport

Il modello Gallipoli sarà pure fallito, come ha sentenziato di recente il Corriere, ma la capitale della movida pugliese continua ad attirare parecchi vacanzieri. È questo il quadro che emerge dallo studio di Subito.it, il noto portale per comprare e vendere online, che ha svelato i risultati di un’indagine condotta su circa 150mila ricerche effettuate dai propri utenti nella categoria case vacanza.

LE METE La meta più ambita dalle ricerche degli italiani è Jesolo, una delle spiagge venete più conosciute, seguita dal meraviglioso quanto selvaggio mare di Villasimius nel sud della Sardegna. Al terzo posto si piazza la laziale Gaeta con il suo suggestivo golfo. La top cinque è completata da Palinuro in Calabria e dalla salentina Gallipoli. Tra le prime dieci località ci sono anche Vieste, Terracina, Scalea, Ischia e Tropea. Il Lazio è la regione che vanta il maggior numero di località con ben otto destinazioni tra le prime 50 più ricercate (Gaeta, Terracina, Sperlonga, Serapo, Ponza, Formia, Scauri, Anzio), battendo di poco la Campania (Palinuro, Ischia, Agropoli, Castellabate, Paestum, Ascea, Amalfi) con sette, la Sardegna con sei (Villasimius, Palau, Chia, Alghero, Arzachena, Arbatax), la Calabria (Scalea, Tropea, Diamante, Soverato, Amantea) e la Puglia (Gallipoli, Vieste, Otranto, Salento, Ostuni) che invece piazzano nella top 50 cinque località.

IL TIPO DI ALLOGGIO Se il periodo più gettonato è sicuramente quello di Ferragosto, le ricerche degli italiani risultano comunque ben distribuite durante tutto il resto del mese di agosto. La sistemazione preferita sembra essere la casa, seguita dall’appartamento e dal monolocale. Solo al quarto posto troviamo il villaggio mentre al quinto la villa, preferita principalmente da famiglie numerose o gruppi di amici. Non mancano inoltre i veri puristi della quiete e della tranquillità che per l’estate 2018 ricercano addirittura un’abbazia per ritagliarsi una propria oasi di pace dove ricaricare le batterie.

LA PUGLIA Detto di Gallipoli al quinto posto e di Vieste al sesto, le restanti località pugliesi si sono piazzate molto bene nella classifica delle ricerche online. Otranto infatti ottiene un eccellente 13esimo posto, il Salento tutto si piazza al 19esimo posto mentre Ostuni è 33esima. Un risultato più che soddisfacente nell’anno che sembra aver segnato, probabilmente irrimediabilmente, l’inversione di tendenza dei flussi turistici verso le mete salentine, che secondo alcune stime hanno perso addirittura il 20 per cento dei turisti. Un dato che, se confermato, andrà attentamente studiato per correre subito ai ripari.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Turismo

“La Sezione Istruzione e Università ha approvato il nuovo Piano Regionale Triennale di edilizia scolastica 2018-2020 e le relative graduatorie. Si tratta di uno strumento fondamentale per l’individuazione e il finanziamento degli interventi da effettuare sul patrimonio immobiliare degli istituti scolastici pugliesi”, fa sapere l’assessore all’Istruzione, alla Formazione e al Lavoro della Regione Puglia Sebastiano Leo.

“Nel mese di Aprile abbiamo pubblicato l’Avviso Pubblico per l’acquisizione e la selezione delle proposte progettuali per la formazione della graduatoria. È stato possibile presentare le domande di partecipazione entro il 3 luglio ultimo scorso. Tra aprile e luglio – continua l’assessore – abbiamo dato vita ad una serie di incontri con l’ANCI, con i Sindaci e con le strutture tecniche dei Comuni pugliesi per favorire la più ampia e corretta partecipazione al bando. Sono pertanto pervenute 651 istanze che sono state valutate, in appena un mese di tempo, dagli uffici competenti per arrivare oggi alla pubblicazione della graduatoria. Un plauso va certamente alla Sezione Istruzione e Università, diretta dall’arch. Lamacchia, per la celerità e la qualità del lavoro svolto: con il Piano Triennale – conclude Leo – abbiamo praticamente censito il fabbisogno strutturale della scuola pugliese che finanzieremo secondo i criteri prestabiliti, in ordine di graduatoria e secondo le risorse man mano disponibili”.

Pubblicato in Società

 La meraviglia di Cristalda e Pizzomunno che si sposa con il senso magico e le suggestioni della corsa in notturna. Sommati, ecco la Vieste Night Run, in programma sabato 8 settembre nel paese lodato dai turisti di ogni dove e cantato di recente da Max Gazzè.
La Vieste Night Run prenderà il via da Marina piccola e si dipanerà per le vie e le strade del centro cittadino, lungo un percorso non semplicemente da correre. Bensì da vivere. La corsa, che non avrà alcun valore competitivo, potrà svolgersi sulla duplice distanza di 5 e 10 km. Non sarà necessario specificarlo in fase di iscrizione, lo si potrà scegliere anche sul momento. Fortemente voluta dall’amministrazione comunale di Vieste, la Night Run vuol essere uno straordinario momento di socializzazione, volano di messaggi positivi di autentico sport. Si potrà assaporarla di corsa o in modalità walking, in famiglia o comitiva. Una splendida occasione di divertimento e sport, da condividere con il sorriso sulle labbra. “Ci piaceva l’idea che si potesse proporre un evento inclusivo e partecipato – afferma il sindaco di Vieste Giuseppe Nobiletti – e abbiamo pensato che la bellezza della corsa, sport che da sempre si fonde magnificamente con la valorizzazione anche turistica delle location coinvolte, potesse essere il modo perfetto per lanciare questo messaggio. Vogliamo che Vieste si vesta di corsa. Di sera. Che indossi un abito inedito e che viva una giornata di festa indimenticabile”.

 “Festa” è proprio il concetto giusto per parlare di Vieste Night Run. Infatti l’iniziativa ha il valore di “corsa-spettacolo”. Prima, durante e dopo l’evento ci saranno musica e divertimento, artisti di strada e animazione per tutti. Tra le prerogative della “run”, infatti, ci saranno lo svolgimento della Baby Night Run, con la partecipazione dei bambini fino ai 10 anni, e la “Special Night Run”. Quest’ultima, che prevede il coinvolgimento dei diversamente abili, vuole essere un momento tutt’altro che esclusivo, bensì di autentica integrazione. Un’occasione, che si vuol diventi abitudine, di abbattimento delle barriere, mentali prima ancora che fisiche. Per tutti i partecipanti non mancheranno le sorprese, a partire dal pacco gara, con prodotti tipici, per arrivare alla t-shirt ufficiale. Un modo per vivere la Vieste Night Run ancor più da vicino. Nella terra di Cristalda e Pizzomunno, ma non solo. Nella terra del mare e della bellezza. Della corsa. Di notte.

Per iscriversi, accedere al sito www.viestenightrun.it. Per informazioni ulteriori è disponibile la pagina dell’evento Facebook o si potrà chiamare al numero 0803976001.

Pubblicato in Sport

l'Edicola Mille Cose in corso Umberto I saranno disponibili i biglietti per il concerto di Fiorella Mannoia del 20 Agosto a #Peschici
SOLO SETTORE A e SETTORE B

Per info e dettagli è possibile consultare la pagina Facebook dell'Info Point turistico Comune di Peschici

Pubblicato in Spettacolo

Nel centro storico di Carpino con inizio alle ore 21. Prima la presentazione di un libro fotografico sul Cff, poi spazio alle musiche dei Tarantula Garganica
dei Cantori di Monte S.Angelo, dei Cantori di S.Giovanni Rotondo e delle Indie di Quaggiù

La tarantella del Gargano, i suoi ritmi frenetici e la magia delle sue coreografie protagonisti della serata “La notte di chi ruba donne, concerti della tradizione” in programma a Carpino il 10 agosto (centro storico, ore 21). Il Carpino Folk Festival entra nella sua fase clou con gli incontri musicali lungo il percorso della tradizione garganica e non. E lo farà domani sera con un viaggio attraverso il sound e la ricerca di gruppi il cui repertorio attinge a piene mani dalla cultura musicale della “montagna del sole”. Un omaggio del #Cff2018 a questo importante movimento che, da anni, lavora nel recupero e nella valorizzazione del patrimonio legato alla tradizione.

La serata di domani del Carpino Folk Festival inizia alle ore 21, con la presentazione del volume fotografico “Carpino Folk Festival, un viaggio emozionale” con Tony Rizzo, Barbara De Finis e Emilia Sfilio (Secop Edizioni), poi proseguirà con le incursioni musicali dei “Tarantula Garganica”, “Cantori di Monte S.Angelo”, “Cantori di S.Giovanni Rotondo e “Le Indie di Quaggiù”. Per seguire gli eventi del 9 agosto è possibile raggiungere Carpino in treno con i collegamenti di Ferrovie del Gargano. Partenza da San Severo alle ore 19, poi tappe ad Apricena (19.09), S.Nicandro (19.27) e Cagnano (ore 19.45). Al ritorno partenza da Carpino all’1.42 per proseguire con destinazione Cagnano (1.53), S.Nicandro Garganico (2.11), Apricena (2.25) e S.Severo (2.34).

LE SCHEDE DEI GRUPPI PARTECIPANTI

TARANTULA GARGANICA

Prendono il nome dal tipo di musica che suonano e dalla loro terra, un nome che è il simbolo delle tradizioni popolari pugliesi; un nome che evoca subito il suono e il ritmo della Tarantella, della chitarra battente e delle castagnole, cioè di una magia musicale ancora vivissima e tutta da scoprire con i suoi cantori, i suoi danzatori, la loro musica travolgente, fonte inesauribile di canti, balli, poesie. Il concerto risulta un crocevia di ritmi, sonorità, canti, poesia, balli di una cultura lontana, ma resa inesorabilmente vicina da nuovi timbri e rapide aperture ai linguaggi musicali giovanili, risolvendo con facilità il complesso rapporto “microfono-musica popolare” e restituendo tutta la sacralità delle sonorità garganiche e del Sud Italia con solida eleganza e inossidabile personalità. I Tarantula Garganica sono una realtà vivissima nel panorama della musica popolare italiana con concerti in Italia e nel mondo (Canada, U.S.A, Francia, Inghilterra, Spagna, Germania, Portogallo, Belgio). Il 10 gennaio 2018, hanno inaugurato l’anno europeo del patrimonio culturale esibendosi nel Parlamento Europeo di Bruxelles nell’ambito della manifestazione “La musica e le tradizioni popolari del Gargano”. I primi passi sono stati mossi nel 2002, riscoprendo e valorizzando i canti, le poesie, i balli di una cultura ormai lontana che ancora appartiene al Gargano, iniziando un viaggio oltre i confini del magico mondo della musica e della poesia popolare, cercando di scoprire cosa si nasconde dietro il “fascino della Tarantella del Gargano” e di trasmettere l’essenza al vasto pubblico, sempre più numeroso, che si avvicina a questo fenomeno musicale.

I CANTORI DI MONTE S.ANGELO

Sono i depositari della più straordinaria ed affascinante tradizione musicale che è possibile ascoltare nelle terre del Sud Italia. I canti di Monte Sant’Angelo caratterizzati da serenate, tarantelle e canti alla stesa. Sulle sonorità della chitarra battente, sono capaci di evocare i magici scenari del passato e di scandire ritmi che rimandano alla grande vocazione contemporanea della musica etnica. Intorno a Michele Totaro (Ciucquette), scomparso a Gennaio del 2009 all'età di 86 anni, il più grande interprete della tradizione musicale di Monte Sant’Angelo, Giovanni Notarangelo, Paolo Rinaldi, Francesco Notarangelo e Matteo Muscettola, nel 2007 formano il nuovo gruppo diretto dal giovane Peppe Totaro, leader dei “Tarantula Garganica” e produttore dei Cantori. Spinti dalla passione, hanno inciso 2 cd per lasciare i saperi musicali popolari alle nuove generazioni e non permettere che tanta esperienza venisse avvolta nell’oscurità del tempo o travolta da contaminazioni folkloristiche al solo scopo esibizionistico. Il linguaggio è indelebile per chi ascolta così come per chi canta, perché parla all’uditorio coinvolgendolo, trasmettendo tutti i suoi contenuti storici: cioè trasporta - catapultando addosso all’ascoltatore e all’esecuzione stessa - i contenuti della cultura e della società passata e, siccome lo fa in modo vivo, ecco allora che la fa rivivere. In concerto, il gruppo esprime, nel modo più vicino possibile alla tradizione canora di Monte Sant’Angelo e del Gargano, le sonorità e i ritmi acquisiti, ascoltando dalla voce di anziani che spesso esternavano, in melodie talvolta struggenti, i loro trascorsi e le loro emozioni. Ciò al fine di tentare di tramandare fedelmente il patrimonio culturale di cui è venuto in possesso.

I CANTORI DI S.GIOVANNI ROTONDO

Gruppo di ricerca e riproposizione della musica popolare di tradizione di San Giovanni Rotondo con utilizzo di strumenti musicali come "chitarra battente", tamburello, castagnole, zighetèbù, organetto e altri. In attività ufficiale dal 1988, nel corso degli anni ha partecipato a molteplici manifestazioni in tutta Italia integrando informatori locali importanti, depositari dei canti di tradizione con componenti più giovani fino ad arrivare all’attuale formazione. Organizzatori di vari corsi di canto, chitarra battente, organetto, tamburello, balli (in particolare la tarantella di San Giovanni Rotondo) per portare avanti la cultura di tradizione orale, anche curando, con l’apporto dell’attuale componente più anziano, Michele Rinaldi, pubblicazioni sull’attività di ricerca in ambito della tradizione di un popolo. Repertorio musicale, partendo da quello definito in una Serenata: Canti d’amore, a scontro, a distesa, di riappacificazione e di saluto nelle forme a “Cerignulana”, “Muntanara”, “Sunètte”, “Cannellèsa”,” Zumparadda” e una forma di “Stornellata”. Componenti per serata del 9 agosto a Carpino Antonio Pio Steduto, Matteo Merla, Antonio Urbano, Luigi Calasanzio, Sergio Urbano, Elisa Grifa e Chiara Martino.

LE INDIE DI QUAGGIU’

Il gruppo musicale nasce nel 2014 nell’ambito del progetto “Laboratorio di Arti e Musiche Popolari” vincitore del bando regionale “Principi Attivi 2012” e ripropone musiche e canti della tradizione orale di San Nicandro Garganico, con la partecipazione dei suonatori e cantatori locali ancora attivi. Il repertorio spazia dalle ninne ninne ai canti all’altalena, dai canti narrativi alle tarantelle, dalle serenate ai ballabili della tradizione urbano-artigiana.

Pubblicato in Manifestazioni

Ricevuto nello stesso posto e luogo.

Pasquale La Procina alias " livolo" di questa terra d'Ischitella dice essere uomo di campagna di età sua di anni 25 in circa in detta testamento con giuramento e per interesse e espressamente il   signore presente nella informazione di oggi e presentatosi.

Inteso se esso testimone fosse pratico della strada detta della Costa ,e sa se alla medesima sia stato fatto qualche accomodo già fatto di ordine di chi,come,quando ,dove che sorte di accomodo e per quale causa del Signore per essere cittadino di questa terra d'Ischitella sono pratico della strada detta della Costa la quale circa un anno addietro perché era disastrosa per essere composta di pietre naturali ineguali tra loro al traffico di questi miei paesani che volevano andare alla terra detta di Varano distante sei miglia di distanza da tale abitato di questa terra ed è proprietà dell'll.re Marchese dlla medesima ed altri parti della campagna e molto più perché ad una parte laterale che corrisponde al Vallone non vi era argine di sorte alcuna del Sindaco di quel tempo Mag.co Gio Batta Visconti a spese dell'Università fu fatto formare un muro di fabbrica da detta parte laterale.In seguito come seppi che si faceva accomodare la strada predetta dall'Ill.re Marchese di Giuliano figlio dell'odierno Ill.re Principe da spese dei cittadini benestanti ed alcune persone ecclesiastiche le quali vi contribuivano per la spesa che vi occoreva carlini tre per ciascuno e ed infatti vidi che in detta strada la quale è prossima a questo abitato furono formati di passo in passo alcuni cordoni di pietr per linea traversale e fu ridotta comoda al traffico dei cittadini tanto a piedi quanto a cavallo verso il mese di Maggio poi del prossimo anno passato 1758 non ricordiamo il tempo preciso in uno di quei giorni fu chiamato sopra al palazzo di detto Marchese di Giuliano nel quale conferitomi e trovandovi il medesimo Il.re Marchese ,questi mi ordinò che fossi andato a fatigare nell'accomodo che si facevano- Continua.

Giuseppe Laganella.

Pubblicato in Cultura

La Commissione Trasporti della Camera ha approvato il disegno di legge che prevede l'obbligo di montare i seggiolini salva bebè, con dispositivi acustici che ricordino la presenza del bambino a bordo dell'auto.

È una delle novità che potrebbe essere inserita nella prossima legge di Bilancio sulla quale c'è un pressing della maggioranza che, in Parlamento, sta approvando una legge ad hoc per rendere i seggiolini con l'allarme obbligatori dal 1 gennaio 2019. La proposta di legge ha avuto il primo ok della commissione Trasporti della Camera, che sta lavorando in sede deliberante (senza necessità di passare dall'Aula). Il testo dovrà poi passare anche al Senato.

La stessa commissione ha approvato un emendamento al testo, di due soli articoli, che apre la porta alla possibilità di prevedere «agevolazioni fiscali, limitate nel tempo». Il ministro Danilo Toninelli, che aveva inserito questo intervento tra le priorità del suo ministero, aveva auspicato l'introduzione di una detrazione «fino a 200 euro». L'arrivo dello sconto dipenderà però dall'esito dell'interlocuzione tra Mit e ministero dell'Economia sulle risorse. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti esprime grande soddisfazione per l'approvazione della proposta di legge «salva bebè» da parte della Camera dei Deputati. La pdl di iniziativa parlamentare, traducendo una delle priorità delle linee programmatiche del ministro Danilo Toninelli, rende obbligatoria l'installazione di sensori anti abbandono sui seggiolini auto dei bambini. Un primo risultato importantissimo per tentare di evitare tante tragedie dovute a una banale distrazione.

Un segnale luminoso e uno acustico avviseranno i genitori della presenza del bambino in auto anche quando si spegne la macchina, così da evitare che i bimbi vengano dimenticati dentro l'abitacolo. Un piccolo dispositivo che può salvare tantissime vite. Il ministero auspica che la proposta di legge venga approvata in tempi brevissimi anche dal Senato, così da diventare legge a tutti gli effetti. Il Ministro Toninelli ribadisce l'impegno ad assicurare incentivi congrui per l'acquisto dei sensori «salva bebè». Il ministero dei Trasporti collaborerà con il ministero dell'Economia per trovare le adeguate coperture finanziarie, probabilmente già in legge di Bilancio

Pubblicato in Società

Sarà il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte a inaugurare a Bari, il prossimo 8 settembre, l'82esima edizione della Campionaria Generale Internazionale. La notizia - viene sottolineato in una nota - "è particolarmente importante per la Nuova Fiera del Levante che quest'anno - per la prima volta - si impone sul mercato nazionale e internazionale con scelte coraggiose, che rispettano fortemente la tradizione meridionale ma si aprono, attraverso squarci di creatività e innovazione, al futuro". "L'ultimo Presidente del Consiglio pugliese a inaugurare la Fiera è stato Aldo Moro nel 1975 - sottolinea il presidente di Nuova Fiera del Levante Alessandro Ambrosi -, per me sarà un onore ospitare un'altissima figura istituzionale della mia stessa amata terra. Moro aveva un grande cuore, Conte ha una straordinaria simpatia. I pugliesi hanno una generosità e una ospitalità che finalmente sta avendo riconoscimenti dai popoli più evoluti del mondo".

Pubblicato in Economia

Seconda Serata d’estate “Nasinsù’”

Vuoi stare con noi per alcune ore la sera di mercoledì prossimo 8 agosto? Cosa faremo?

Pregheremo un poco, canteremo, giocheremo, ci divertiremo e… mangeremo bruschetta, anguria e gelato. Dove?

L’appuntamento è nel cortile della Parrocchia dalle ore 21,00 alle ore 23,00.

Ci sarai? Sei invitato. Non mancare e… se Gesù è con noi, la vita sarà più vita…la gioia sarà più gioia… l’infinito trapasserà il cuore… e tutti insieme troveremo l’Amore!!!”.”                      

Don Tonino, don Pasquale e gli educatori

Pubblicato in Società
Pagina 1 di 2

Ondaradio consiglia...

Reporter della tua città

13 Agosto 2018 - 11:37:59

Reporter della Tua Città/ E’ vero i soldi non puzzano, ma le piazze e strade occupati da pizzerie o ristoranti?

Egregio Vigile sanitario che dovresti vigilare anche per le strade.. Egregio Medico Sanitario, Egregia ASL, Egregio vigile normale, Egregio Assessore alla Sanità, Egregi…

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005