Articoli filtrati per data: Lunedì, 04 Giugno 2018 - Ondaradio - Tra le vie della città Gargano

La costa dei trabucchi che va da Vieste a Peschici si arricchisce di un altro straordinario monumento del mare: Il trabucco di Baia San Lorenzo, sottratto al degrado e all’abbandono grazie all’impegno di Amgas Blu in collaborazione con l’Associazione “La Rinascita dei Trabucchi Storici”. L’inaugurazione, giovedì 7 giugno alle ore 18 direttamente sul trabucco situato a pochi chilometri dal centro di Vieste sulla litoranea per Peschici. Alla manifestazione parteciperanno, oltre ai vertici di Amgas Blu e del Gruppo AscoPiave, le istituzioni regionali e locali. Al termine della cerimonia seguirà una dimostrazione delle antiche tecniche di pesca dal trabucco.

LA CITTADINANZA E’ INVITATA

Pubblicato in Ambiente

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha assegnato con decreto le deleghe di assessore ai Trasporti e ai Lavori Pubblici, Mobilità e Difesa del Suolo al consigliere regionale avv. Giovanni Giannini, a seguito della pubblicazione del decreto di archiviazione delle indagini richiesto dal magistrato inquirente.
Con decreto del presidente sono state anche assegnate le deleghe alle Attività produttive, competitività, energia, ricerca industriale e innovazione al vicepresidente e assessore Antonio Nunziante, che mantiene le precedenti deleghe.

Pubblicato in Politica

È Francesco Bonetti dell'Atletico Vieste il miglior tecnico della stagione sportiva 2017/2018 di Eccellenza pugliese, secondo i followers di I Am Calcio. Dopo un primo sondaggio, il tecnico di Larino ha avuto la maggioranza di voti arrivando all’atto finale insieme ai colleghi Pasquale De Candia dell’Omnia Bitonto e Massimo Pizzulli della Vigor Trani. In finale, testa a testa infinito con il primo che alla fine ha visto premiare l’allenatore dell’Atletico Vieste, artefice di una stagione positiva soprattutto grazie ad uno straordinario girone di ritorno che è valsa la meritata salvezza nella ''Premier League'' pugliese.

Pubblicato in Sport

“Abbiamo bisogno di svegliarci dal letargo ed iniziare una programmazione seria delle azioni da intraprendere, partendo dal programma elettorale di un anno fa”

Un anno non è un periodo amministrativo sufficiente per date giudizi, ma è l'occasione per fare alcune considerazioni più attente alla realizzazione del programma che ha portato alla vittoria della coalizione (con forza motrice movimento Libera-Pd-UdC) guidata da Carlo Guerra.
Un anno trascorso con una partenza di slancio e un proseguire sempre più appesantito e stanco.
La giunta Guerra ha dovuto superare diverse difficoltà, molte dovute alla pesante situazione ereditata da precedenti esperienze amministrative, altre da discutibili decisioni prese in seno al governo cittadino che hanno subito lo stop delle autorità preposte (vedi il caso del rispetto delle quote rosa) e della perdita di finanziamenti per progetti mai partiti.
L' UdC da tempo sta richiamando il Sindaco, giunta e coalizione non solo al rispetto del programma, ma anche alla pari dignità di rappresentanza di tutti i partiti che hanno contribuito alla vittoria di un anno fa.
Per questo chiediamo la convocazione di un tavolo tecnico per fare il punto della situazione e rilanciare l'attività amministrativa, ponderandone bene le iniziative e il senso di programmazione e di un rilancio che non può più aspettare per la nostra comunità, non si può restare ostaggio dell'indolenza di qualcuno e della prepotenza di altri.
Al sindaco Guerra rivolgiamo, ancora una volta, l'appello a mobilitarsi e mobilitare la sua giunta per il rilancio di Ischitella, così come promesso nella campagna elettorale di un anno fa e nel pieno rispetto del programma amministrativo.
È solo passato un anno, ma siamo passati dalla Guerra alla pace, speriamo non sia quella eterna!

Pubblicato in Politica

Gli Istituti scolastici di Vieste, la Direzione Didattica Statale “G. Rodari”, la Scuola secondaria di primo grado”Alighieri-Spalatro”, l’I.I.S.S. “Fazzini – Giuliani” e l’I.P.S.S.A.R. “E. Mattei”, realizzano in forma congiunta l’evento di Orienteering del 5 giugno 2018. Tale attività rientra nel percorso formativo del PON FSE Inclusione “La scuola al centro” per l’a.s. 2017/18 (Avviso pubblico PON FSE n. 10862 del 16 settembre 2016 - Programma Operativo Nazionale “Per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020 - “Progetti di inclusione sociale e lotta al disagio nonché per garantire l’apertura delle scuole oltre l’orario scolastico soprattutto nelle aree a rischio e in quelle periferiche”), a cui ciascuna Istituzione ha aderito con un modulo per l’Orienteering, con l’intento di creare le condizioni per l’innalzamento delle competenze degli studenti e favorire l’inclusione scolastica. L'Orienteering è tra gli sport più praticati nel mondo scolastico perché si propone come una pratica formativa, attraverso la quale l'allievo impara gradualmente a conoscere se stesso, a confrontarsi con i propri limiti e le proprie potenzialità, abituandosi a sperimentare gli effetti delle proprie scelte.

L’Orienteering a scuola si inserisce nel più ampio progetto educativo rivolto allo sviluppo della personalità complessiva dello studente e si configura come strumento di apprendimento trasversale rispetto alle materie curricolari. L’attività motoria,propedeutica alla pratica sportiva, risulta fondamentale per creare momenti ludici e di sviluppo della sfera cognitiva.

Il programma della manifestazione del 5 giugno 2018 prevede l’inizio della gara alle ore 16,00 nel centro storico cittadino di Vieste, mentre alle ore 18,00 i ragazzi e le ragazze saranno premiati in piazza J. F. Kennedy, dove si esibirà il gruppo folk R’DENN E ZUMBANN, composto dai piccoli alunni di uno dei percorsi formativi PON attivati nella scuola Primaria G. Rodari di Vieste.

Pubblicato in Sport

La Commissione straordinaria del Comune di Mattinata, come è già avvenuto a ridosso delle precedenti stagioni turistiche, ha ordinato il divieto, per motivi di pubblica sicurezza e per garantire la pubblica e privata incolumità, la sosta, il transito di mezzi e di persone e la balneazione su tutti gli arenili/spiagge accessibili e prospicienti i tratti di costa compresi tra la località “Gravaglione” e la località “Vignanotica”.
Si evince dall’atto emesso dall’ente pubblico:

”B) E’ vietata, per la località “Baia delle Zagare” (spiaggia Nord e spiaggia Sud), per le parti in concessione, ove la falesia è stata oggetto di intervento di messa in sicurezza, per motivi di pubblica sicurezza e per garantire la pubblica e privata incolumità, la sosta, il transito di mezzi e di persone ad una distanza inferiore a 3 metri dal piede della falesia;

C) E’ vietata, per la località “Mattinatella”, per motivi di pubblica sicurezza e per garantire la pubblica e privata incolumità, la sosta, il transito di mezzi e di persone ad una distanza inferiore a 10 metri dal piede della falesia.

E’ stato demandato ”all’Ufficio Tecnico Comunale – Settore 5 – di procedere l’apposizione dei cartelli di divieto e di ogni altro strumento finalizzato all’interdizione fisica di accesso a tali aree (segnalazione con cartellonistica, interdizione spiaggia con segnaletica verticale, interdizione viabilità veicolare e pedonale mediante cartellonistica);
ai concessionari di zone Demaniali Marittime e ai proprietari di terreni limitrofi con- costoni rocciosi, di apporre lungo la facciata di dette pareti il segnale di pericolo con la seguente dicitura: “pericolo caduta pietre”;

all’Ufficio Tecnico Comunale, alla Polizia Locale e a tutti gli organi di vigilanza- competenti di eseguire e far rispettare il presente provvedimento e gli atti presupposti e preordinati alla presente Ordinanza, anche verificando periodicamente la presenza dei cartelli di divieto apposti”.

Pubblicato in Ambiente

Percorso sarà cosi articolato:
Pizzomunno monolite di pietra calcarea famoso per la leggenda di Pizzomunno e Cristalda,
Castello Svevo, Chiesa di San Francesco caratteristica chiesetta sulla punta estrema dello sperone d'Italia, Marina piccola suggestiva baia, porto turistico, lungomare Europa, Chiesa S. Lorenzo
Vi aspettiamo per costeggiare la costa della città di Vieste, tra storia, natura, meraviglie e scenari mozzafiato.

Pubblicato in Turismo

Rispettate fedelmente le previsioni della 6°CorrinCava, doveva esserci il caldo e caldo è stato, doveva essere una festa e lo è stato, cosi come confermata la grande partecipazione alla gara divenuta oramai un appuntamento importante per i podisti italiani. Già dal primo pomeriggio al via le operazioni preliminari per le gare giovanili, scattate alle 16:00 in punto che hanno coinvolto 300 ragazzi di tutte le età provenienti anche da altri comuni, per loro 4 gare di distanza diversa in ragione dell'età dei giovani atleti. Dalle 17:00 la piazza antistante la Villa Comunale di Apricena si anima e colora con i 400 podisti e gli accompagnatori che prenderanno il via della gara. Veloce il ritiro dei pettorali e del pacco gara, manicotti tecnici e occhiali da sole per tutti gli iscritti. Foto di rito con l'immancabile Antonio Bronda e la gradita presenza di Francesco Valente. Partenza rinviata di 15 minuti, dopo lo sparo prendono subito il largo Alberico di Cecco, Matteo Notarangelo e Antonello Petrei, dopo i primi 2 km nel centro abitato salita verso le cave con le prime 4 donne a darsi battaglia, Teresa Lelario all'esordio in questa gara corre fianco a fianco con le foggiane Libera Caputo e Alessandra Foglia, più distaccata Sonia Quattrocchi, al 7 km passaggio spettacolare nelle cave di Apricena, e rientro verso il centro abitato e il meritato traguardo. Chiude in 45.01 Alberico di Cecco della Vini Fantini, che precede il corregionale Antonello Petrei della Daunia Running e Angelo Raffaele Nanula dell'Amatori Acquaviva al rientro dopo un momento no. Tra le donne terzo successo stagionale per Libera Francesca Caputo tesserata per la Running Club Torremaggiore che precede l'esperta Teresa Lelario tesserata per l'Athletica Academy Bari e la gagliarda Alessandra Foglia della Podistica Lucera. 383 gli arrivati, ai quali si aggiungono un centinaio di partecipanti alla non competitiva e 10 atleti squalificati.
Un bilancio sicuramente positivo per l'Apricena in Corsa, società organizzatrice della gara, un risultato frutto di un lavoro costante e capillare che porterà questa gara a grandi risultati

Pubblicato in Sport

Venerdì 8 giugno, ore 11, conferenza stampa in Masseria De Vargas (Via Manfredonia 2,1) - Alle ore 19, musica e degustazione di pasta biologica di grano duro e di grano Senatore Cappelli -

Quattrocento ettari di biologico, investendo nella ricerca, in direzione dell’unica strada realmente sostenibile attraverso il coinvolgimento dei principali protagonisti del settore. La Fondazione Siniscalco Ceci Emmaus, in filiera insieme con Mediterre.bio, Daunia & Bio e con Alce Nero, continua ad essere protagonista sul territorio di Capitanata, in piena sinergia con CREA – CI Foggia (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria) e con l’Ateneo del capoluogo dauno. Nella giornata di venerdì 8 giugno, in Masseria Antonia De Vargas (Via Manfredonia 2,1, Foggia), avrà luogo l’iniziativa Andiamo a mietere – Festa del grano, un’intera giornata dedicata proprio al principe delle colture di Puglia. Ad aprire, la conferenza stampa in programma alle ore 11, nella quale si daranno i dettagli di quest’ultima, importantissima esperienza che ha coinvolto il comparto scientifico del territorio, impegnato, in questi ultimi due anni, nella sperimentazione di ben 13 tipologie di seme sottoposte a metodo biologico.
A parlarne, chi ha lavorato in prima persona a questo progetto di caratura nazionale: il responsabile della sede dauna del CREA, Pasquale De Vita; la docente di Agronomia e Coltivazioni Erbacee del Dipartimento di Agraria dell’Unifg, Marcella Giuliani; il vicepresidente di Alce Nero, già presidente dei pastai italiani e dell’International Pasta Organisation, Riccardo Felicetti. “Siamo contenti di valorizzare le competenze del territorio – ha dichiarato il vertice della Fondazione Siniscalco Ceci Emmaus, Rita De Padova, chiamata a introdurre la conferenza – poiché la cooperazione è la chiave dello sviluppo”. Nel tardo pomeriggio di venerdì poi, dalle ore 19, avrà luogo il momento più distensivo della giornata, con una degustazione di pasta biologica di grano duro e di grano Senatore Cappelli, accompagnata da musica dal vivo. All’incontro serale, pertanto, prenderanno parte il presidente di Daunia & Bio, Stefano Pirro, il presidente di Alleanza Coop. Agroalimentari, Giorgio Mercuri, e l’eurodeputata Elena Gentile.

Al centro della sperimentazione di cui si dirà nel corso della mattinata (di taglio più scientifico), la riscoperta e valorizzazione delle varietà autoctone di cereali in ambito biologico. “Varietà antiche – nelle parole di Pasquale De Vita – che, nel corso di questo biennio di ricerca, abbiamo riscontrato adattarsi particolarmente bene al sistema biologico, soprattutto in risposta alle erbe infestanti”. Quest’ultimo, infatti, resta il problema principale per quanto concerne questo settore, rispetto al quale, nel biennio di lavoro, è stato adottato un nuovo sistema di semina, in grado di dare risultati importanti per il contrasto alle malerbe. Infine, anche dal punto di vista tecnologico e nutrizionale: “a parità di condizioni agronomiche – ha spiegato De Vita – il tenore proteico del ‘nostro’ grano biologico è risultato essere molto elevato e quindi particolarmente adatto per la produzione di pasta, pane e prodotti da forno”.

Pubblicato in Manifestazioni

LE PROVE DI CHIUSURA DEL PPI (Punto di Primo Intervento) di Vieste sono cominciate.
Dal primo giugno infatti c'è stato un improvviso e non programmato spostamento del 50% degli infermieri dal PPI al 118 e dal 4 giugno un medico del PPI di Vieste verrà spostato al Pronto Soccorso di Cerignola lasciando scoperta la postazione del PPI che dovrebbe essere ricoperta da un medico del 118. Poichè a Vieste è difficile reperire i medici del 118 e quei pochi che ci sono fanno dei turni estenuanti al limite del consentito si potrebbe verificare in qualche turno l'assenza dell'infermiere o del medico oppure di entrambi.

Di fronte a questo modo improvvisato di organizzare le cose la preoccupazione di quel che sarà del nostro PPI aumenta di giorno in giorno.

In merito alle rassicurazioni che nulla cambia, così come asserito dal Direttore Generale della ASL Foggia dott. Piazzolla, dal Direttore del Dipartimento regionale alla salute dott. Ruscitti e dagli assessori regionali Piemontese e Di Gioia nell'incontro con la cittadinanza tenutosi il giorno 30 maggio presso il Palazzo di Città, ci preme sottolineare che intanto si perdono i medici e gli operatori sanitari che da una vita assistono i viestani dei quali conoscono già le problematiche e si perde l'ambulanza aziendale utile nel trasporto di malati che non necessitano della presenza del medico a bordo, mentre persistono seri dubbi sull'effettiva persistenza h 24 del medico di 118 in quanto il 118 per contratto gestisce solo le urgenze e non le patologie a bassa gravità.

Durante queste manovre di riorganizzazione si continua ad ignorare il fatto che il D.M. 70 per le zone disagiate prevede presìdi ospedalieri di base dotati di Pronto Soccorso e quindi Vieste, insieme ai Comuni del Distretto socio sanitario, non deve assolutamente essere inserita nel piano di riordino sanitario regionale alla pari di realtà che possiedono ospedali nelle vicinanze.

Inoltre, poiché nelle linee programmatiche di questa maggioranza abbiamo promesso ai cittadini la persistenza del PPI e il potenziamento dei servizi sanitari e non il loro smantellamento, il nostro auspicio è che il Sindaco, nei confronti di questo piano di riordino, intenda difendere la salute della nostra comunità e non le logiche dei tagli al bilancio per far quadrare i conti della Regione Puglia. Se così non fosse prenderemo atto del suo venir meno alle promesse fatte in campagna elettorale.

Per quanto esposto, invitiamo il Sindaco, anche in qualità di presidente del Comitato dei Sindaci del distretto socio sanitario n. 53, a rivedere la propria posizione nella sede opportuna nei confronti della ASL e della Regione al fine di salvaguardare e potenziare il PPI che è un bene prezioso per la nostra comunità e di farsi promotore della richiesta dell'ospedale di comunità così come previsto nel già citato D.M. 70/2015.

Il gruppo consiliare al Comune di Vieste: “I democratici”

Rita Incoronata Cannarozzi
Paolo Prudente

Pubblicato in Sanità
Pagina 1 di 2

Ondaradio consiglia...

Lilly Frutta

Reporter della tua città

13 Agosto 2018 - 11:37:59

Reporter della Tua Città/ E’ vero i soldi non puzzano, ma le piazze e strade occupati da pizzerie o ristoranti?

Egregio Vigile sanitario che dovresti vigilare anche per le strade.. Egregio Medico Sanitario, Egregia ASL, Egregio vigile normale, Egregio Assessore alla Sanità, Egregi…

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005