Articoli filtrati per data: Sabato, 02 Giugno 2018 - Ondaradio - Tra le vie della città Gargano

OndaRadio, in conformità al Codice di autoregolamentazione per la propaganda elettorale, informa che intende realizzare spazi informativi di confronto fra i candidati sindaco di Peschici e Vico del Gargano in occasione dell’elezione dei Sindaci e dei Consigli Comunali, fissata per il giorno 10 giugno 2018.
Gli spazi d’informazione, resi disponibili a titolo gratuito per i partecipanti, saranno realizzati presso la nostra sede ubicata a Vieste in Piazza Kennedy (Info Point Turistico) nella giornata di mercoledì 6 giugno (per Vico del Gargano) e giovedì 7 giugno (per Peschici) alle ore 19,00. Saranno messi in onda sui canali radio in Fm e sul sito web di Ondaradio.
Tali trasmissioni hanno lo scopo di presentare i punti principali dei vari programmi elettorali. Ad ogni candidato saranno poste quattro domande (una personalizzata e tre comuni a tutti) con tempo di risposta limitato a due minuti per domanda. Si informa che tali spazi saranno realizzati qualunque sia il numero di candidati che aderiranno alla proposta di partecipazione.

Pubblicato in Politica
Sabato, 02 Giugno 2018 17:34

Centro Destra Vieste / SU SANITA’ E PPI

Mercoledì scorso, nell'incontro svoltosi presso la sala consiliare del Comune di Vieste sulle novità introdotte dall'ultima riorganizzazione sanitaria del nostro Pronto Soccorso, è emersa l’attuazione di una serie di misure atte a creare una rete di gestione delle emergenze-urgenze, gestite direttamente da personale del 118, che, soprattutto nella stagione invernale, mal si conciliano con le esigenze di un territorio fortemente penalizzato dalla sua orografia e dalla distanza dai principali ospedali.
A questo si aggiunge la soppressione del servizio di ambulanza aziendale, con il trasferimento del relativo personale che oggi svolge il prezioso compito dei ricoveri che non necessitano di medico a bordo.
Da condannare, in quell’occasione, l’atteggiamento irrispettoso del Sindaco nei confronti della Dott.ssa Ersilia Nobile, già Sindaco di Vieste, la quale, visto il silenzio per “opportunità politica” dell’attuale Primo Cittadino sulla questione, ha avuto la sola colpa di schierarsi apertamente dalla parte dei cittadini e di prenderne le difese rivendicando il diritto alla salute di un territorio che, nella nuova rete sanitaria, risulterà essere sempre più periferico e penalizzato.
Vieste, inoltre, come altri Comuni interessati dalla Delibera Regionale, dovrebbe non ottenere postazioni medicalizzate, ma un Ospedale di Comunità (15-20 posti letto), a causa della caratteristica prerogativa di località 'disagiata', nonché a forte vocazione turistica, secondo quanto previsto dal Decreto Ministeriale 70 del 2 aprile 2015. Il medesimo Decreto recita che solo con accessi inferiori a 6 000 l’anno il PPI può essere riconvertito in 118.

Centro Destra Vieste
FI
LEGA
FDI
NOI CON L’ITALIA

Pubblicato in Sanità

Operazione della Polizia Stradale di Vieste, comminata una Sanzione Amministrativa di 4.000 euro al trasgressore, il sequestro del prodotto ittico, gli esemplari vivi di ricci marini, sono poi stati rigettati in mare.

Nella nottata del 01 Giugno u.s., personale della Sottosezione Polizia Stradale di Vieste ha inferto un duro colpo al traffico illecito di “ Ricci di mare”, in partenza da Vieste e diretto verso il mercato barese.
Si tratta del “Ricci di mare”, rientranti fra le specie ittiche protette, per le quali vige il divieto assoluto di pesca, detenzione e trasporto di oltre le 50 unità (in quanto essenziale per assicurare il corretto sviluppo della filiera naturale di riproduzione).
Il personale della Polizia di Stato, dopo un’attenta attività di appostamento, in Località Gattarella, sul litorale Viestano, ha intercettato e bloccato una persona intente nell’attività di pesca clandestina di ricci di mare, il quale dopo aver pescato tale prodotto in una caletta, nei pressi della località Gattarella, procedeva ad occultare i ricci all’interno di un’autovettura modello Fiat. A tal punto il pronto intervento degli agenti di Polizia che bloccavano la persona con l’illecito pescato.
Al trasgressore, già pregiudicato, che non era in possesso di alcuna autorizzazione, gli veniva erogata una sanzione amministrativa di euro 4.000, il prodotto ittico consistente in 1.000 Ricci marini per un peso di 80 Kg, veniva sottoposto a Sequestro Amministrativo.
Il veterinario responsabile territoriale dell’area “B” Distretto 3, reperibile, contattato dagli agenti polstrada, per salvaguardare tale prodotto, ancora in vita, ne disponeva l’immediato rigetto in mare.
Inoltre nella stessa nottata la Polizia di Stato, in Vieste ha Denunciato all’Autorità Giudiziaria una persona per Guida sotto l’influenza di Sostanze Stupefacenti, procedendo al ritiro immediato della Patente di Guida.

Pubblicato in Cronaca

Il nuovo film commedia Una Vita Spericolata scritto, diretto e sceneggiato da Marco Ponti, girato anche in Puglia, esce nelle sale il 21 Giugno, con 01 Distribution.
Protagonisti: Lorenzo Richelmy, Matilda De Angelis, Eugenio Franceschini. Nel cast: Antonio Gerardi, Massimiliano Gallo, Michela Cescon, Gigio Alberti, Desirèe Noferini, Benedetta Porcaroli, Libero De Rienzo, Mirko Frezza, Alessandro Bernardini, Francesco Lattarulo. Con la partecipazione dell'attrice pugliese Giusy Frallonardo. All'inizio sul set anche Domenico Diele, ma l'attore fu sostituito a causa di problemi, in seguito ad un grave incidente stradale.
«Un Paese della Valdisusa. Roberto è un meccanico che vive inebitato. Trasforma - in maniera rocambolesca e casuale - una richiesta di prestito negata dalla banca in una rapina. Insieme al suo amico BB e a Soledad, una teenager superstar, inizia una folle fuga in tutta Italia, seguita dall'opinione pubblica, che si schiera dalla loro parte, in linea con certi social media...»
Fotografia: Roberto Forza; montaggio: Consuelo Catucci; Musiche: Gigi Meroni. Dopo una settimana in Val di Susa (Moncenisio), le riprese furono effettuate anche a Foggia, a Lecce e dintorni e in altre località: si riconoscono le piazze del Salento e il paese di Collepasso cerchiato sulla cartina (Location manager: Fabio Marini). Film prodotto da Federica e Fulvio Lucisano per Italian International Film con Rai Cinema. Film sostenuto con 257mila euro da avviso pubblico Apulia Film Fund 2017.

Pubblicato in Speciali

Concessi gli arresti domiciliari al viestano arrestato ai primi di maggio quale presunto custode di un’arsenale, oltre che di un ordigno e di sostanza stupefacente. Dopo alcune settimane dietro le sbarre del carcere di Foggia, Giovanni Surano, 34 anni, è stato posto ai domiciliari: il gip del Tribunale dauno Domenico Zeno ha accolto l’istanza presentata dal difensore, l’avvocato Salvatore Vescera basata anche sulle condizioni di salute del garganico, che respinge le accuse: «le condizioni di salute hanno attenuato le esigenze cautelari, per cui possono essere soddisfatte con la meno grave misura degli arresti domiciliari», ha scritto il giudice nel provvedimento di scarcerazione. Giovanni Surano, fu arrestato in flagranza dai carabinieri il 3 maggio scorso con l’accusa di detenzione illegale di 1 mitra, 1 fucile a pompa, 5 pistole, munizioni, una bomba di 2 chili, quasi un chilo di cocaina, altri chili di hashish e marijuana. Sono ancora in corso le consulenze balistiche presso il «Ris» (la «scientifica» dei carabinieri) per verificare se quelle armi siano state usate per fatti criminosi. Nel dar notizia dell’arresto di Surano e del maxi-sequestro, i carabinieri rimarcarono che l’indagato è ritenuto vicino a Marco Raduano, 34 anni (da una settimana a sua volta scarcerato e posto ai domiciliari per violazione della sorveglianza speciale), ritenuto al vertice diamo dei clan coinvolti nella guerra di mala che a Vieste dal 2015 ha contato 8 omicidi, 4 agguati falliti e 1 lupara bianca. Surano respinge le accuse e nega che l’arsenale fosse nella sua disponibilità: lo fece all’indomani dell’arresto quando venne interrogato nel carcere di Foggia dal gip che convalidò il fermo e dispose la detenzione in cella. La mattina del 3 maggio decine e decine di carabinieri eseguirono una serie di perquisizioni mirate a Vieste, anche in seguito alla ripresa della guerra di mala con due omicidi ed un agguato fallito in poche settimane, e perquisirono anche una casa abbandonata - vicina a quella di Surano, la cui abitazione era stata perquisita con esito negativo - dove furono trovate armi, bomba e droga. «Dopo aver superato il sistema di vigilanza predisposto da Surano, i carabinieri con uno stratagemma che ha consentito l’effetto sorpresa» dice l’accusa «hanno perquisito la casa dell’indiziato e trovato 3500 euro e 37 penne. Hanno notato un filo elettrico esterno che collegava la parete esterna dello stabile alla palazzina attigua a due metri di distanza, situato al civico 1 di via Diaz. I carabinieri hanno perquisito anche quell’abitazione attraverso un terrazzo sottostante; rinvenuto una porta in ferro che dà accesso alla mansarda dove c’erano armi, droga, bomba, e una penna dello stesso tipo trovato a casa di Surano. Si è poi accertato che la serratura della porta in ferro e il vano mansarda veniva alimentata da un cavo elettrico che si immette in un’abitazione attigua a quella di Surano: i tecnici Enel hanno accertato che attraverso una centralina posta sul balcone di Surano si poteva comandare l’apertura di quella porta».

gazzettacapitanata

Pubblicato in Cronaca

Plastica vietata fino ad esaurimento merce. Nell'unico supermercato situato sull'isolotto di San Domino, piatti e bicchieri di plastica non si potranno più vendere per via dell'ordinanza firmata dal sindaco delle Isole Tremiti, Antonio Fentini. "Abbiamo messo al bando tutte le stoviglie di plastica - ha detto il primo cittadino delle Diomedee, intervenendo alla trasmissione Inviato Speciale di Rai Radio Uno. In futuro stop anche alle bottiglie di plastica e alle cassette di polistirolo. Da oggi operano sull'isola due nuovi vigili urbani per controllare sia agli sbarchi che altrove". Va giù deciso Fentini che annuncia multe salate ai contravventori che rischiano da 50 a 500 euro. "Vogliamo creare un modello Isole Tremiti - aggiunge il sindaco - con l'auspicio che anche altri miei colleghi del Gargano adottino questa ordinanza perchè noi da soli non possiamo risolvere il problema". Poi la risposta a chi dice che le Tremiti sono diventate ricettacolo di microplastiche. A dire il vero il CNR di Genova dopo una indagine effettuata ha riscontrato che nel mare delle Tremiti si registra un picco di concentrazione di microplastiche. Fentini non ci sta. "Nessun nesso con la nostra iniziativa che è partita da settembre 2017. I dati sono stati diffusi due giorni dopo la pubblicazione dell'ordinanza. Niente di allarmante".

Pubblicato in Ambiente

Un grosso murale dedicato a Lucio Dalla . Verrà realizzato oggi sabato 2 giugno sulla banchina di San Domino alle Isole Tremiti. Il tutto nell'ambito di Graffiti in Blu, la manifestazione di arti figurative e musicali, presentata con il patrocinio del Comune delle Tremiti, della Pro Loco del posto e del Parco Nazionale del Gargano. L'obiettivo è sensibilizzare nel tempo i cittadini, i turisti e tutti coloro che usufruiscono delle meraviglie paesaggistiche e culturali di questo piccolo ma prezioso angolo dell'Adriatico. A guidare la direzione artistica, Antonio Ferreri, in arte "Joz", noto artista poliedrico e rapper napoletano, residente ormai da anni alle Tremiti.
Per questa prima edizione, si è scelto come filo conduttore dello svolgimento delle attività artistiche figurative il tributo commemorativo a Lucio Dalla, cittadino e ambasciatore delle Tremiti nel Mondo, sulle note della celebre canzone del 1977 "4 marzo 1943", in cui Lucio dipinse con sagacia, humour, sentimentalismo politico e richiamo alle radici, un quadro grottesco a sfondo biografico della natura umana e del rapporto ambiguo dell'uomo con l'utilizzo delle risorse e con il rispetto per l'habitat marino, spesso capro espiatorio di giochi di potere e di soprusi da parte di affaristi senza scrupoli.
La manifestazione, portata in auge sotto forma di Jam Hip-Hop, si terrà sulla banchina dell'Isola di San Domino e radunerà alcuni tra i Writers più rappresentativi che arriveranno dal Gargano, dal Molise e dall'Abruzzo i quali si ritroveranno a condividere momenti di ispirazione e di scambio già dal mattino, attraverso l'esecuzione di graffiti.

Pubblicato in Turismo

Nell’ambito del “XXIII Meeting Nazionale di Protezione Civile”, iniziato ieri ed in programma fino al 3 giugno nel Parco del Gargano, con le associazioni ERA di tutta Italia, oggi sabato 2 giugno nel complesso turistico di Pugnochiuso si svolgerà un’esercitazione. Per l’occasione verrà ricostruita ima tendopoli con Posto Medico Avanzato, Logistica e per la Clownterapia e sarà montata una Ludo- Tenda per grandi e piccini come supporto psicologico. L’Asssociazione «Il Cuore Foggia», con il Nucleo Na-zionale di ClownDottori nella Protezione Civile, per l’occasione ha preparato una simulazione di intervento, a seguito di un evento sismico. «Si tratta di un evento molto importante - sottolineano gli organizzatori - con start up dell’allestimento del Campo base di Protezione Civile, comunicazioni Radio ed esercitazioni. È stato costruito un programma ricco e diversificato, che copre una vasta area di interesse nel settore. Mai come oggi il tema è attuale. Nel nostro Paese molti sono i casi e le emergenze legate alla delicatezza del nostro territorio». Il primo nucleo nazionale speciale di clowndottori spe-cializzati in protezione civile è nato nel gennaio scorso. Il progetto mette insieme da un lato la realtà dell’associazione di clownterapisti II Cuore Foggia, nata nel 2012 e composta da circa 170 soci vo-lontari specializzati in ambito sanitario e socioeducativo; dall’altro quella della sezione di Foggia dell’ERA, associazione nazionale di radioamatori in ambito di protezione civile. Nell’ambito de Il Cuore Foggia sono stati scelti quindici clown dottori tra medici non di base, psicologi, sanitari, infermieri e paramedici con una formazione specifica per intervenire sul fronte di protezione civile nelle situazioni di emergenza come quelle causate da terremoti, da incidenti stradali, nei contesti marini e lacustri dove si deve operare con l’elisoccorso. Insomma, una grande occasione per tastare l’organizzazione di protezione civile declinata anche in favore dei bambini in caso di calamità.

Pubblicato in Società

Sarà mons. Domenico D’Ambrosio a celebrare la giornata del Corpus Domini a Vieste. La processione si svolgerà domenica, 3 giugno. Prima della processione, alle ore 18:30, la Santa Messa in cattedrale, presieduta dallo stesso mons. D’Ambrosio.

Pubblicato in Avvisi

Nello stesso giorno ricevuto e nello stesso luogo.
Pietro Panella di questa terra d'Ischitella dice essere massarrotto di campo di età sua di anni 53 come di testimone con giuramento per interesse ugualmente sopra il presente interesse come di prima.
Inteso se esso testimone che sa il Sindaco di questa Università d'Ischitella dal primo settembre dell'anno 1757 per tutto l'ultimo di Agosto proprio passato 1758 e se in tal tempo questa predetta Università fosse stata in attrito nei pagamenti colla regia corte e i fiscolari ,come quando in che somma e per quale causa detto Sig,re ed altro per la verità io non so se sopra quanto mi si domanda se non che essendo stao io fattore di una persona del libro dl catasto e sia tassa a battaglione di questa Università d'Ischitella dall'anno 1758 al 1757 e propriamente in tempo del sindacato del notaio Giuseppe Masella nel corso del quale si fecero i pagamenti alla Regia Corte nella percettoria di Lucera al meglio che si potè ,attesta la povertà dei cittadini di questa terra e qui l'esecuzione sia stata al quanto ritardata dal giorno 15 di agosto di detto anno 1757 nel corso come per la medesima tenutasi per l'elezione da Gennaio fu eletto Sindaco di questa predetta Università il M.co Gio Batta Visconti mio paesano e che prese da tre mesi il possesso della sua Università e nel primo di settembre del seguente anno e come che non si era fatto il pagamento dell'ultimo terzo come maturò all'ultimo di agosto del medesimo anno 1757 spettante ai creditori fiscalari di cui precedente esigimento ne dava pagato ,io ducati trenta alla regia corte alla quale dovetti contribuire anch'io ,ducati 12 ,con altra somma doveva Francesco Antonio Forasterio di altra parte di detta tassa accorse il giorno 15 e 16 di ottobre dell'anno 1757 per quanto ci governarono avendo io unito ducati 30 ad altri 15 di Francesco Antonio ci recammo al sindaco di quel tempo Mag.co Gio Batta Visconti e lo pregammo- Continua.

Giuseppe Laganella

Pubblicato in Cultura

Ondaradio consiglia...

Lilly Frutta

Reporter della tua città

11 Ottobre 2018 - 10:26:20

Reporter della Tua Città / La meraviglia del cerro ultra centenario… che più sà e più tace, più tace e più sa.

La sua romantica autorevolezza giganteggia lunga la strada dei tre confini o del “compromesso”, nei pressi di coppa Fusillo. Sulla via del pellegrinaggio a S. Michele. Ghiande…

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005