Articoli filtrati per data: Lunedì, 14 Maggio 2018 - Ondaradio - Tra le vie della città Gargano

“Questa mattina ho incontrato tantissimi amministratori locali provenienti da tutta la Puglia, per spiegare le modalità di partecipazione all’Avviso pubblico sul piano regionale dell’edilizia scolastica. Sono convinto che la strada della partecipazione, dell’incontro con gli enti pubblici del territorio porterà a delle proposte progettuali valide e molto interessanti, capaci di coniugare le esigenze delle comunità con l’innalzamento della qualità degli spazi per l’apprendimento. Si tratta di un’occasione straordinaria per la Puglia, dotarsi di scuole più sicure, moderne, sostenibili e tecnologicamente avanzate è un obiettivo che non possiamo lasciarci sfuggire”.

Con queste parole l’Assessore all’Istruzione e al Diritto allo Studio della Regione Puglia, Sebastiano Leo, ha commentato la nutrita partecipazione di questa mattina all’incontro tenutosi al Cineporto di Bari dedicato alle modalità di partecipazione all’Avviso pubblico sul piano regionale dell’edilizia scolastica 2018/2020. Moltissimi gli amministratori locali con relative strutture tecniche che vi hanno preso parte per capire nel dettaglio le modalità di partecipazione al bando.

Il provvedimento riguarda l’utilizzazione di risorse ingenti, tra contributi statali e risorse Por. Si tratta di un piano di investimenti molto rilevante, a beneficio dei Comuni pugliesi (70 per cento delle risorse disponibili), e delle Province e Città metropolitana di Bari (30 per cento). Potranno essere accolti progetti per interventi straordinari di ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento sismico ed efficientamento energetico degli edifici scolastici pugliesi. Le richieste potranno riguardare, altresì, la costruzione di nuovi edifici pubblici, la realizzazione di palestre scolastiche o interventi di miglioramento di quelle esistenti.

I progetti saranno selezionati tenendo conto della qualità della proposta d’intervento, del completamento di lavori in precedenza avviati, della sostenibilità ambientale, dell’apporto alla lotta contro la dispersione scolastica e della disponibilità al cofinanziamento delle opere che si intende candidare. Inoltre sarà attribuito un punteggio suppletivo nel caso in cui l’intervento proposto sia l’esito di un concorso di idee o di progettazione, anche allo scopo di valorizzare l’apporto di giovani professionisti.

Pubblicato in Ambiente

Estate: i capelli sono più leggeri.

La pelle è più scura.

L’acqua è più calda.

Le bibite sono più fredde.

Le zuppe di pesce e le fritture più gustose.

L’Heppy hour o l’Apericena più allegre.

La musica è più forte.

Le notti si allungano.

La vita migliora....al MOLO54

Ti aspettiamo sul PORTO NUOVO di Vieste.

E' l’estate al MOLO54, ristorante, cocktail & Lounge bar, unico nel suo genere.

Emozioni da gustare

Info: 0884/701080
molo54vieste.com

Pubblicato in Avvisi

L’obiettivo è avviare sul Gargano una economia circolare, favorendo l’incontro tra domanda e offerta nel settore agroalimentare.

Si terrà il 7 giugno, nella suggestiva ed elegante location di Tenuta Corigliano a Rignano Garganico, la prima edizione di “Gargano Food & Meeting”, l’evento del GAL Gargano che mira a far incontrare i produttori garganici dell’agroalimentare con i ristoratori, gli operatori turistici, gli istituti professionali alberghieri e le piccole botteghe alimentari.
Lo scopo è innescare una economia circolare che, partendo dal produttore garganico, permetta agli operatori della ristorazione e ai commercianti dell’agroalimentare di offrire prodotti di qualità a km zero. Il maggior consumo interno di produzioni del territorio, infatti, incentiverebbe positivamente, nel medio e lungo termine, tutti i comparti della filiera con ricadute potenziali sul reddito e sull’occupazione.
“Le azioni del Gal Gargano Agenzia di Sviluppo - afferma il Presidente Biagio di Iasio - sono indirizzate a valorizzare le risorse locali, che siano professionisti, prodotti o servizi. Il Gargano per essere competitivo deve essere percepito dal mercato come prodotto unico puntando alla qualità offerta”.
L’evento si aprirà alle 12,00 con un business lunch dedicato a produttori locali e ristoratori ed il menu sarà a base dei prodotti delle aziende partecipanti; seguirà un B2B, momento dedicato all’incontro diretto tra le categorie al fine di stringere accordi commerciali. Sarà presente anche una sezione “Find Job”, per favorire l’incontro tra aziende e giovani in cerca di lavoro. Nel pomeriggio è previsto un seminario informativo sulla valorizzazione delle produzioni agroalimentari dalla raccolta alla cucina. Dalle 18,00 l’evento sarà aperto al pubblico con un percorso degustativo ed espositivo dove sarà possibile acquistare i prodotti locali tra gli stand delle aziende presenti. I laboratori sulla panificazione e la pasta, a cura del maestro panificatore Pascal Barbato e dell’Associazione Cuochi di Gargano e Capitanata, permetteranno ai presenti di cimentarsi nella lavorazione di queste due produzioni tipiche della tradizione gastronomica pugliese. Alle 20,30, infine, ci sarà la possibilità per il pubblico, previa prenotazione direttamente presso la tenuta Corigliano, di cenare con un menu speciale a base di prodotti tipici dei produttori partecipanti.
Per partecipare e per altre informazioni rivolgersi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o allo 0884 564164

Pubblicato in Manifestazioni

Sono aperte presso la Confcommecio di Vieste (via Cavour 12) le iscrizioni ad un nuovo corso di formazione e di aggiornamento del personale alimentarista HACCP. Il corso si svolgerà a Vieste e tratterà delle principali regole dell’igiene e della sicurezza degli alimenti. Sono interessati tutti i lavoratori che operano nella ristorazione, nella gastronomia e attività similari, interessati alla produzione primaria di alimenti o alla loro preparazione, trasformazione, fabbricazione, confezionamento, trasporto, distribuzione, vendita o fornitura, compresa la somministrazione al consumatore. Per maggiori informazioni: tel. 0884.706193 - mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in Avvisi

“Un giro in barca a vela per 100 porti per 100 anni di storia”, un ricordo centenario della Prima Guerra Mondiale e dell’Eroe Nazionale Nazario Sauro.

La manifestazione si terrà il 18 maggio 2018 alle ore 10.00 presso l’Istituto I.P.S.S.A.R. “E.Mattei” (Alberghiero) di Vieste, dove l’Ammiraglio Romano Sauro, nipote del citato Nazario, presenterà il suo libro sull’argomento.

Il ricavato della vendita sarà interamente devoluto per beneficienza ad un Istituto di Cura dei Bambini affetti da malattie tumorali.

Il Presidente della L.N.I. sez. Vieste
Dott. Enrico Di Febo

Pubblicato in Cultura

‘Poesia di Capitanata’ rappresenta un contenitore culturale in cui le opere di tanti poeti provenienti dai vari paesini del Gargano possono essere convogliate dando così il loro contributo alla tradizione poetica dialettale ed italiana del territorio”. Così Franco Ferrara, ideatore ed organizzatore, assieme ai Poeti di Capitanata, del concorso poetico.
La I edizione del concorso ‘Poesia di Capitanata’ si è svolto nell’Auditorium della scuola media statale ‘Alighieri-Spalatro’ di Vieste nella mattinata del 12 maggio scorso; tanti i poeti, neofiti e non, presenti all’evento e che hanno decretato il successo della manifestazione.
Le Autorità, nella persona dell’assessora alla cultura Maria Grazia Starace, del viestano hanno aperto la mattinata spendendo ottime parole a favore del lavoro svolto da Franco Ferrara e di quanto sia lodevole la voglia di mettere in mostra i numerosi talenti nostrani.
Ad evidenziare ulteriormente l’importanza di non lasciar cadere nell’oblio le tradizioni culturali autoctone, illustri ospiti come Giuseppe Donatacci (docente dell’Università del Crocese Scuola di tradizioni di Foggia), Giorgio Pellicano (poeta Università del Crocese Scuola di tradizioni di Foggia) e Pasquale Cacchio (membro associazione culturale Daunia & Sannio di Castelluccio Valmaggiore).
Declamando le proprie poesie vincitrici della gara, i poeti di Capitanata hanno dato sfoggio della loro destrezza nello sviluppare pensieri in versi perlopiù dedicati alle bellezze del loro paese d’origine ed alla nostalgia provata vivendo lontano per motivi di vario tipo, soprattutto lavorativi.
Precisamente si sono avvicendati i versi di 47 poeti di Capitanata, 7 di Vieste e 6 ospiti provenienti da altre zone limitrofe accompagnati dalle esibizioni de ‘I Cantori di Civitate’ e dei ‘Aria Sonora’.
Le poesie premiate con ‘Attestato di Partecipazione’, ‘Premio Città di Vieste’ e ‘Menzione speciale per gli Autori’ sono state raccolte in un’antologia che verrà depositata all’interno della Biblioteca provinciale ’Magna Capitanata’ di Foggia e della Biblioteca civica ‘Minunziano’ di San Severo.
“Siamo felici del risultato raggiunto in questa giornata di premiazioni ma l’augurio è che questo concorso poetico possa non fermarsi alla I edizione ma proseguire negli anni e continuare a dare il proprio apporto alla cultura ed alle tradizioni del nostro bellissimo territorio garganico”, conclude Franco Ferrara.

Libera Maria Ciociola

Pubblicato in Cultura

Il prossimo 17 maggio 2018, ore 11.30, nel Palazzo regionale Agricoltura (L.re N. Sauro 45-47), l’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leonardo di Gioia, presenterà la ‘Settimana della Biodiversità pugliese’, che si terrà dal 20 al 26 maggio 2018, in diverse località della Puglia. La manifestazione, organizzata e promossa dal Dipartimento regionale Agricoltura, in collaborazione con gli Enti responsabili dei Progetti integrati per la Biodiversità, realizzati nell’ambito del PSR 2007-2013, ha l’obiettivo di celebrare e valorizzare la biodiversità pugliese di interesse agricolo e alimentare.
Alla conferenza stampa interverranno il direttore del Dipartimento Agricoltura della Regione Puglia, Gianluca Nardone, e il dirigente regionale della Sezione competitività delle filiere agroalimentari, Luigi Trotta.

Sarà presente, altresì, Renata Zingaretti, referente dell’Archivio di Stato, che presenterà, quale curatrice della mostra ‘Retrospettive della vita in campagna’, alcuni degli scatti del maestro Michele Ficarelli, dedicati alla civiltà contadina pugliese e risalenti al secondo dopoguerra.

Pubblicato in Ambiente

“Stiamo provando in Puglia a promuovere un cambiamento della sanità attraverso nuovi modelli assistenziali e una nuova centralità del territorio. Il processo è in atto più velocemente e più virtuosamente di altre regioni in piano di rientro. Grazie agli sforzi compiuti siamo oggi in grado di programmare assunzioni di personale e di mettere in garanzia gli operatori che hanno prestato il proprio lavoro in condizioni di precarietà e quindi di incertezza. Conforta che la strategia delle reti e della costruzione dei percorsi di prevenzione diagnosi e cura, la tensione al cambiamento orientato dall’analisi dei bisogni che anima le politiche sanitarie che stiamo disegnando in Regione Puglia, sia di fatto individuata dagli esperti del CERGAS tra le soluzioni per l’uscita dal guado, guado in cui si trova tutto il sistema sanitario nazionale”.

Così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano intervenendo questo pomeriggio a Bari, presso l’assessorato alle Politiche per la salute, alla presentazione del Rapporto OASI 2017 (Osservatorio sulle Aziende e sul Sistema Sanitario Italiano), a cura del CERGAS (Centro di Ricerche sulla Gestione dell’Assistenza Sanitaria e Sociale) dell’Università Bocconi.
Il Rapporto OASI rappresenta un luogo di analisi e riflessione sui cambiamenti in corso nel sistema sanitario italiano. Cambiamenti però rallentati dal fatto che il tema del SSN da tempo non è ai primi posti nell’agenda politica. Particolarmente stimolanti nella specifica fase di rilancio che la Regione Puglia sta attraversando in tema di assistenza territoriale, sono le questioni che riguardano da un lato il tema dei nuovi modelli assistenziali e dei modelli organizzativi collegati, dall’altro le ineludibili intersezioni del sistema con l’ambito e le politiche sociali e socio-sanitario.

“I nostri modelli assistenziali devono trasformarsi – ha continuato Emiliano – in considerazione soprattutto del cambiamento della epidemiologia della popolazione pugliese, una popolazione che invecchia sempre di più e che quindi ha bisogno di maggiore attenzione verso le patologie cosiddette croniche. Se prima quindi il modello assistenziale era rivolto all’acuzia, oggi il nuovo modello assistenziale deve essere rivolto alla cronicità. Meno ospedali e più territorio”.

È in corso di adozione il regolamento sui PTA (Presidi Territoriali di Assistenza, le nostre case della Salute) ma la Puglia ha già delle realizzazioni sperimentali molto efficaci, come ad esempio Trani, Massafra, Conversano, Bari San Paolo, Ceglie Messapica. Questi ultimi sono stati oggetto di visita a gennaio scorso da parte di una delegazione governativa greca nell’ambito di una collaborazione OMS-AReSS a supporto della sanità greca. Inoltre su alcuni PTA (Fasano, Trani etc) si è realizzata una promettente convergenza “di comunità” con la progettazione di servizio condivisa tra Asl, enti locali, politica e cittadini.

“I risultati che stiamo ottenendo – ha concluso Emiliano - confermano la bontà dell’impostazione delle nostre politiche sanitarie ma non può non essere profondamente ripensato anche il sistema delle regole, considerando i bisogni dal punto di vista dei cittadini, che devono avere uguali diritti nell’accesso e stesse opportunità di cura ovunque risiedano. Le Regioni che oggi rivendicano autonomia, e noi tra queste, non possono che continuare a richiamarsi ai principi fondanti del SSN, della libertà, dell’equità, della partecipazione: è questo lo spazio di azione che la politica deve rivendicare per sé, per recuperare credibilità e il senso del proprio ruolo”.

Per il commissario straordinario dell’ARESS Puglia Giovanni Gorgoni “i provvedimenti di riordino ospedaliero hanno aperto per gli ospedali riconvertiti un’inedita vocazione in uno scenario delle cure in cui l’ospedalizzazione si fa sempre più specialistica e rigorosamente complementare a un’assistenza territoriale che propone i Presidi Territoriali di Assistenza - le nostre Case della Salute - come vero nucleo di un nuovo modello assistenziale”.

“Un modello – ha affermato Gorgoni - che integra medicina di famiglia, specialistica di secondo livello e lo stesso domicilio del paziente. Tra le tante realtà che a gennaio scorso abbiamo avuto piacere di far visitare ai colleghi greci, sono stati proprio i PTA quelli che hanno destato il maggiore interesse per la capacità di fornire risposte sostenibili e di alto livello clinico”.

Hanno partecipato all’incontro di oggi i rappresentanti del Centro di ricerche sulla gestione dell’Assistenza Sanitaria e Sociale dell’Università Bocconi, Anna Prenestini, Francesco Longo e Alessandro Furnari.

“Siamo di fronte ad una rivoluzione epidemiologica della popolazione italiana - hanno affermato Longo e Furnari – e questa necessariamente deve essere accompagnata dalla rimodulazione dei servizi che la Puglia ha già avviato. Necessariamente dovrà continuare su questa strada. La Puglia, da questo punto di vista, resta comunque un buon riferimento per le regioni del centro Sud, è infatti una regione che si è mossa bene, parallelamente al contesto nazionale”.

CHE COSA È IL RAPPORTO OASI
Il Rapporto OASI 2017 (Osservatorio sulle Aziende e sul Sistema Sanitario Italiano), è a cura del CERGAS (Centro di Ricerche sulla Gestione dell’Assistenza Sanitaria e Sociale) dell’Università Bocconi. L’Osservatorio è stato avviato 19 anni fa con l’obiettivo di monitorare e interpretare il processo di cambiamento del sistema italiano di tutela della salute. I risultati delle attività di ricerca sono raccolti in un Rapporto annuale che presenta dati finanziari, strutturali e di attività, con analisi comparative tra regioni e a livello internazionale. La presentazione del Rapporto rappresenta l'occasione per discutere i principali risultati e costituisce un importante momento di confronto tra mondo accademico e principali attori istituzionali e manager del SSR.

In particolare, dopo aver fornito un inquadramento complessivo del SSN e aver affrontato i principali trend emergenti della sanità italiana (dinamiche di spesa sanitaria e farmaceutica; epidemiologia e offerta di servizi; sistema socio-sanitario e sociale), saranno trattati i seguenti temi: la gestione integrata della cronicità, la centralizzazione degli acquisti, lo sviluppo delle cure intermedie, rispetto al quale sarà presentata la prima mappatura nazionale delle Case della Salute; la gestione operativa nelle aziende del SSN.

Pubblicato in Sanità

Il boom del turismo è certificato dai numeri. Ma a quanto pare quelli reali non coincidono con quelli che trovano posto nelle tabelle ufficiali. Al punto che il movimento complessivo dei flussi di visitatori risulta cinque volte maggiore rispetto allo scenario ricavato dai dati Istat. È quanto emerge da un dossier di New Mercury Tourism Consulting (Nmtc), a cui l’agenzia della Regione Pugliapromozione ha affidato uno studio per fare il punto di una situazione che si sviluppa su un duplice binario: perché da una parte c’è una crescita costante anche sul fronte degli arrivi dall’estero, ma dall’altra c’è un sommerso che persiste e costituisce una fetta tutt’altro che irrilevante in un settore che rappresenta benzina preziosa per il motore economico pugliese. Il tutto con danni enormi per le casse pubbliche, considerato che i mancati incassi delle tasse di soggiorno si traducono in un’occasione persa per i Comuni: con la crisi e i fondi risicati, il salto di qualità nei servizi diventa sempre più difficile e così alla fine perdono tutti. Ad eccezione dei furbetti che incassano rigorosamente in nero.
Nello studio elaborato da Nmtc per Pugliapromozione vengono presi in esame i dati dei rifiuti solidi urbani, le vendite dei quotidiani, celle telefoniche e accessi al web: in questo modo è possibile tracciare una mappa che porta alla luce un fenomeno dilagante. Basti pensare che se nel corso del 2016 le presenze ufficiali accertate dall’Istat in tutta la regione risultano poco più di 14 milioni, quelle stimate nello stesso periodo sfiorano i 60 milioni. Insomma i conti non tornano, come del resto si può notare dando un’occhiata ai dati provincia per provincia. Spiccano in particolare quelli relativi alle zone di maggior flusso turistico. È il caso del basso Salento dove - sempre nel 2016 - le presenze annuali targate Istat sono circa 4.700.000 ma quelle presunte non sono lontane dai 27 milioni.

I numeri

Numeri consistenti anche in provincia di Brindisi: qui tra arrivi accertati e stimati c’è una differenza di poco meno di sette milioni, mentre a Taranto, altra zona molto frequentata dai turisti, non sono - per così dire - ufficiali otto milioni di presenze. Il fenomeno ha dimensioni rilevanti anche a Foggia (si calcola che manchi una traccia di oltre dieci milioni di presenze e nella Bat con una differenza di circa tre milioni. Non fa eccezione Bari, dove gli arrivi non censiti sono oltre otto milioni.
Per elaborare il dossier sono stati esaminati numeri e luoghi. E sono stati incrociati i dati relativi a una serie di fattori. «Ha assunto sempre maggiore rilevanza e affidabilità - si legge nel rapporto - il riferimento ai rifiuti solidi urbani». Per ricavare le cifre che rispecchiano una situazione di illegalità diffusa ma nascosta oltre la facciata sfavillante di spiagge e città d’arte, vengono utilizzati i “moltiplicatori” che alla fine consentono di ottenere un quadro della situazione più veritiero. Si tratta di un numero: nel 2016 in Puglia è stato 5,16 (5,26 nel 2016), maggiore di quello nazionale fermo a 2,9. Il risultato finale è il turismo fantasma, un’evasione fiscale di massa che va ad aggiungersi a tutta una serie di zone d’ombra celate nella Puglia da copertina: perché si va dalle case pollaio con i turisti ammassati persino sui balconi all’impiego di manodopera clandestina.
Proprio quando la stagione è al top sono tanti i servizi che vengono affidati a lavoratori in nero, spesso reclutati tra i migranti oppure tra giovani disoccupati e studenti che si riversano in Puglia per strappare un salario utile per l’inverno: così è per i parcheggi, ma anche per la pulizia delle spiagge e per i trasporti come quelli assicurati da navette turistiche improvvisate o da taxi abusivi. E per rendersi conto di quale cifra sia in ballo basta dare un’occhiata alle tariffe imposte da chi invece non passa mai dal fisco e riserva ai lavoratori paghe da fame senza lo straccio di un contratto.

I controlli

Da tempo la guardia di finanza ha rafforzato i controlli per contrastare forme di sfruttamento che sono state trasformate in un business, un indotto criminale alimentato anche attraverso quello che di fatto si rivela un caporalato al servizio del turismo. Nell’agosto scorso gli investigatori si concentrarono sulle località maggiormente frequentate: nel corso di controlli a Gallipoli, una delle regine italiane dell’estate, scoprirono che in 27 appartamenti erano state sistemate 181 persone tra cui quindici minorenni. E proprio Gallipoli occupa uno spazio rilevante nel dossier elaborato per Pugliapromozione: le presenze censite dall’Istat nel 2016 sono 504.651 mentre quelle stimate sono vicine ai due milioni e mezzo. Uno scenario più o meno comune alle località più gettonate: da Polignano a Mare a Ostuni, da Castellaneta a Margherita di Savoia e Vieste. La città affacciata sul Gargano è quella con i numeri più elevati: oltre due milioni di arrivi di cui non c’è alcuna traccia, l’altra faccia del boom turistico pugliese.

Bepi Castellaneta

corrieremezzogiorno

Pubblicato in Turismo

Per la prima volta in Foggia, artisti selezionati per capacità, talento e professionalità tratteranno il tema pane con le proprie originali , uniche opere d’arte pittoriche e scultoree.
Parliamo della collettiva d’arte pittorica e scultorea “Pane Amore e...” . Un titolo che rimanda al famoso film del neorealismo italiano degli anni 60, “molto femminile”, come ha commentato il giornalista Antonio del Vecchio.
Gli artisti racconteranno con la propria opera la vita, la storia, le emozioni legate al tema del pane. La stessa locandina che accompagna l‘evento si presenta con i colori del grano, del cereale che colora di oro la terra di Capitanata quando la primavera lascia il posto all’estate.
La curatrice, d.ssa Anna PIANO, ha scelto, ad un tema così familiare, un percorso originale ed esclusivo. Ella infatti dichiara:
«Nell’invito agli artisti, sin dal mese di gennaio, di creare e realizzare un’ opera inedita per l’esposizione, ho proposto il rispetto dei canoni dell’arte di Papa Francesco. Una sfida ed un impegno a cui gli artisti risponderanno senza deluderci».
Il papa tratta dell’arte con la consueta forza e chiarezza che lo distingue: Essa non deve scartare niente e nessuno. Egli ci insegna:
«Il ruolo dell’artista è contrastare la cultura dello scarto. Questa società ha preso l’abitudine, dopo l’usa e getta delle cose, di usare e scartare anche le persone, così come butta via le loro illusioni e i loro sogni. Tutto quello che non è utile si getta, anche gli esseri umani, quelli più fragili, quelli più deboli. Questa cultura dello scarto, dell’esclusione, che è un modello falso di società, rischia di contagiare tutti, di rendere schiavi i nostri cuori e di prevaricare i diritti e la dignità».
Una filosofia d’arte di estrema contemporaneità quella del recupero, dell’assemblare, che gli artisti andranno ad interpretare senza abbandonare la bellezza dell’arte figurativa.
La curatrice di maturata esperienza ha già affrontato nelle sue numerose mostre d’arte il tema pane, organizzando la collettiva d’arte nel cuore del suo amato Gargano, Cagnano Varano: “Pane Amore e Fantasia”, dove ha ottenuto un notevole successo. L’ultimo presso l’Ordine dei Medici in Foggia: “Gran’Art”.
Durante la mostra, la Sala Multimediale diverrà una Galleria d'Arte che ospiterà incontri culturali con ospiti prestigiosi e attivi nel mondo culturale, tutti proseliti al tema del Pane.

La mostra d’arte sarà inaugurata il giorno 22 maggio alle ore 18, nella Sala Multimediale dello storico Palazzo Dogana, collocato proprio al centro di Foggia in p.zza XX Settembre .
La mostra ha il patrocinio e la collaborazione di numerose associazioni e istituzioni attive nel territorio: la Provincia di Foggia che accoglierà nei propri locali la Collettiva, il Comune di Foggia, i Poeti del Gargano, l’a.p.s. Casa Nostra, l’a.p.s Gocce di Pensiero, l’a.p.s. Ecstrarte, la Fidapa bwp italy sez. Foggia Capitanata.
Anna Piano ritiene che la collaborazione sia un elemento necessario e vincente per raggiungere successi e soprattutto per assicurare, o quanto meno promuovere, quella crescita culturale che può essere concime per una sperata evoluzione economica del nostro territorio.
Gli artisti hanno accolto l’invito e si sono impegnati con spirito di volontà ed abnegazione professionale.
Gli artisti selezionati sono espressione di particolare talento ed esperienza nel mondo dell'Arte.
Saranno in mostra le opere degli artisti:
Anna LARATRO, Roky MARCHESE, Michela CASSA, Giuseppe SANTAMARIA, Edda FERRERO, Mariarosa MEOLA, Lella PAGANO, Bea SOLIMINE, Herman ARIOSTINO, Francesco LICURSI, Michela NARDELLA, Patrizia AFFATATO, Anna RICCO, Silvano DICAROLO, Annarita DE MARTINO, Ennio RUTIGLIANO, Anna PIANO.

Durante l’esposizione la galleria accoglierà eventi culturali di diversa natura.

Programma

INAUGURAZIONE: martedì 22 MAGGIO ORE 18

Il taglio del nastro sarà a cura di Rosa d'ONOFRIO, attrice e presidente della FIDAPA BPW Italy, sez. Foggia Capitanata.
La mostra sarà presentata dal giornalista Geppe INSERRA e dal critico d’arte Giuseppe MARRONE.
I Poeti del Gargano leggeranno nei propri dialetti poesie a tema.
La curatrice Anna PIANO concluderà la serata che terminerà con un brindisi augurale.
Il servizio fotografico sarà a cura di Monica CARBOSIERO

PANE AMORE E POESIA - Giovedì 24 MAGGIO ORE 18

Reading di poesie d'autore con i Poeti del Gargano (curatore Franco FERRARA):
Maria Teresa INFANTE - Salvatore DI FLUMERI - Lorenzo MORRA - Antonio MENNITTI - Elia IRMICI
Alcune poesie saranno declamate da Maria GIANPALMO.

Esibizione di Ballo:
Performance di Danzateatro & Flamenco a cura dell'a.c.s.d
Est-Ovest Danza, coreografie Fausta MAIORINO;
con la partecipazione straordinaria della pittrice / danzatrice Anna RICCO.

PANE AMORE E STORIA
LA FAME DI PANE DI CONTADINI E BRACCIANTI
Venerdì 25 MAGGIO ORE 18

Presentazione del libro "Contadini e Braccianti nel Gargano dei Briganti"
Ne parleranno lo storico e giornalista Geppe INSERRA, il giornalista e scrittore Raffaele VESCERA, il coordinatore della rete SPAC (Sistema Produttivo Agro-Alimentare di Capitanata) Michele LAURIOLA
Saranno presenti l'editore Giuseppe TOZZI delle Edizioni del Poggio e l’autore del libro Michele Eugenio DI CARLO.

IL PANE NELL'ALIMENTAZIONE OGGI
Martedì 29 MAGGIO ORE 18

Il Prof. Giuseppe MARUOTTI, Dirigente Medico OO.RR. Foggia, a.c. Università degli Studi di Foggia, Facoltà di Medicina, tratterà e risponderà ad alcune domande sul tema:
Nuove e vecchie pratiche nella coltivazione cerealicola: l'impatto con la salute nell'uomo
La dott.ssa Luana CONCILIO, biologa nutrizionista, tratterà e risponderà ad alcune domande sul tema:
I grani antichi e la loro riscoperta nella società odierna

FINISSAGE - Giovedì 31 MAGGIO ORE 18

L'Avv. Eros NIMO presenterà la neo Aps "CASA NOSTRA".
La performance "PADRE NOSTRO", a cura di ECSTRARTE e GOCCE DI PENSIERO, sarà interpretata da Maria Grazia de ROSA per il testo tratto liberamente da "La leggenda del Pane" di G. Faletti, da Connie ROLLO per il canto, da Maria Grazia IACOBUCCI al flauto, da Alessandro de COSIMO alla chitarra.
Infine, Silvano DICAROLO, performance di musica e canto.

Pubblicato in Cultura
Pagina 1 di 2

Ondaradio consiglia...

Ristorante Il Capriccio

Reporter della tua città

23 Maggio 2018 - 09:23:01

Reporter della Tua Città/ A Vieste un palo dell'illuminazione pubblica aspetta da una settimana per essere rimosso.

Un palo dell'illuminazione pubblica in via Ferdinando Magellano è da una settimana che sta per cadere, cosa si aspetta a provvedere prima che cadendo possa procurare seri danni ?…

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005