Articoli filtrati per data: Sabato, 07 Aprile 2018 - Ondaradio - Tra le vie della città Gargano

L’agricoltore vede i maiali vicino all’uomo steso a terra, pensa possa essere stato aggredito e li caccia via, per poi scoprire che non sono gli animali aver fatto scempio ma la lupara. Si torna ad uccidere a Vieste dove dal 26 gennaio 2015 ad oggi ci sono stati 7 omicidi, 4 agguati falliti e una lupara bianca, tutti casi irrisolti, legati ad una guerra che vede coinvolti non solo clan locali ma anche alleati di altre zone del Gargano e del Foggiano. Senza dimenticare poi che proprio in un paio di grave di Vieste a marzo sono stati ritrovati i resti umani di due vittime della lupara bianca degli anni scorsi. L’ultima vittima è Giambattista Notarangelo, 46 anni compiuti il 6 febbraio, guardiano, condannato a 7 anni e 6 mesi in appello nel luglio scorso per estorsione aggravata dalla mafiosità - per la prima volta riconosciuta in un processo alla mala viestana - nel processo «Medioevo», cugino dell’ex capo clan Angelo Notarangelo, alias «Cintaridd», l’allevatore ucciso a 37 anni alle porte della capitale del turismo all’alba del 26 gennaio di tre anni fa, agguato che diede il via alla scia di sangue. Procura, squadra mobile di Foggia, commissariato di Manfredonia e carabinieri cercano di far luce sul terzo omicidio dell’anno in Capitanata. Il cadavere è stato rinvenuto in una zona interna stilla strada provinciale per Peschici, in località «Palude Mezzane», alle 4 di pomeriggio e dopo l’allarme di un agricoltore. Secondo una prima ancora sommaria ricostruzione dei fatti, Giambattista Notarangelo sarebbe arrivato sul posto in auto per poi scendere (in fuga dai sicari?). Sul luogo dell’agguato la «scientifica» ha repertato 18 bossoli e cartucce, il custode è stato raggiunto da almeno 6 colpi di pistola e fucile in varie parti del corpo. La Polizia ha eseguito 3 stub (la ricerca di residui di polvere da sparo su mani e vestiti di sospettati) su persone ritenute legate ad uno dei clan della zona. È il primo omicidio di mala avvenuto nel Foggiano (non solo l’area garganica) dal 9 agosto 2017 quando sulla strada «Pedegarganica» tra gli agri di San Severo e San Marco in Lamis un commando di 4 sicari pur di uccidere Mario Luciano Romito, 52 anni, manfredoniano esponente dell’omonima famiglia e scarcerato da 6 giorni, non esitò ad eliminare anche il cognato che gli faceva da autista e due fratelli agricoltori in transito sulla strada. All’indomani della strage di mafia il ministro dell’Interno Marco Minniti, presiedendo in prefettura a Foggia una riunione straordinaria del comitato nazionale per la sicurezza e l’ordine pubblico, annunciò che la risposta dello Stato sarebbe stata durissima e mandò 200 rinforzi in Capitanata: dal 10 agosto si sono susseguiti controlli, rastrellamenti, arresti, sequestri di armi e munizioni e il «crollo» degli omicidi di mala (pur registrando in 8 mesi altri 5 omicidi non legati al mondo della criminalità). Peraltro Vieste è una delle 5 macroaree - le altre sono Foggia; Cerignola-Orta Nova; Manfredonia-Mattinata-Monte Sant’Angelo; e San Severo-Apricena-San Marco in Lamis - dove sono tutt’ora concentrati sforzi investigativi e controlli a tappeto. Ma che la tregua a Vieste fosse finita, era apparso chiaro dalla sera del 21 marzo quando sfuggì miracolosamente ai colpi di mitra e fucile il boss emergente , Marco Raduano, 33 anni sorvegliato speciale, ex luogotenente di «Cintaridd» ucciso tre anni fa, e considerato al vertice di uno dei clan nati dalla divisione dell’originario gruppo e ora in guerra. Per cosa si combatte e muore? Per il racket della guardiania, per la droga che vede da qualche anno le coste viestane approdo di centinaia, di tonnellate di marijuana provenienti dall’Albania destinate ad alimentare i mercati foggiani e di altre zone d’Italia.

gazzettacapitanata

 

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Servizi funebri con la massima professionalità.
La Garganica si occupa di tutto l'occorrente per l'allestimento della camera ardente e del funerale.
Funerali completi e servizio lapideo a prezzi concorrenziali, anche con pagamento dilazionato.
Alla Marmeria Garganica in esclusiva vera e propria ARTE FUNERARIA.
Tombe, edicole, cappelle, mausolei, rivestimenti, lapidi, in pietra e ogni altro lavoro: dai pavimenti, capitelli, vasche in pietra, caminetti e tanto altro.
La Marmeria Garganica RECUPERA I TUOI SOGNI!

Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Assistenza telefonica h24: allo 0884/ 701740 - 348/3978495

------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Cronaca

Archiviata la tornata elettorale delle politiche dello scorso 4 marzo, per circa 26mila elettori garganici l’appuntamento con le urne si rinnoverà a breve. Saranno infatti chiamati il prossimo 10 giugno (ballottaggio il 24) a rin¬novare i rispettivi consigli comunali tre Comuni del promontorio: Vico, Peschici e San Nicandro. Dei tre, l’unico superiore ai 15mila abitanti è San Nicandro che vota con il doppio turno, gli altri due - Vico (sui 7mila aventi diritto al voto) e Peschici (sui 4mila) – eleggeranno invece il sindaco al primo turno (secco). I tre sindaci uscenti sono: Piero Paolo Gualano (San Nicandro), Michele Sementino (Vico) e Franco Tavaglione (Peschici).
Nel 2017 sul Gargano furono cinque i Comuni al voto: Carpino, Ischitella, Monte S. Angelo, Tremiti e Rignano. Nel 2018 saranno invece tre. Per San Nicandro, Peschici e Vico, la consiliatura - ormai agli sgoccioli - scattò 5 anni fa, quindi scadenza naturale: Gualano (59,06%) trionfò al ballottaggio su Mario D’Ambrosio (40,94%) il 10 giugno, dopo il primo turno del 26-27 maggio 2013. A Peschici Franco Ta-vaglione scoprì di aver vinto nel pomeriggio del 27 maggio 2013. La lista civica “Progetto per Peschici” incassò1.581 voti (57,03%) sorpassando di gran lunga la civica “Città Nuova” del candidato sindaco Domenico Mazzone (978 voti pari al 35,28%) e “Nuova Peschici” di Antonio Guerra (213 voti pari al 7,68%). Dopo due mandati consecutivi (1998-2003 e 2003-2008) e cinque anni in stand-by (2008-2013, giunta Vecera) Tavaglione risbarcò così a Palazzo di Città. Oggi, dopo cinque anni, Franco Tavaglione -che punta alla riconferma “per completare il lavoro fin qui svolto” (per cui si ricandida) - dovrà vedersela con due avvocati: Memo Afferante (Uniti verso il futuro) e Giovanni Falcone (Peschici ai peschiciani) che si sono già fatti avanti. A Vico invece nel maggio 2013 si ritornò al voto ad appena un anno dalla precedente tornata elettorale amministrativa. Infatti il 6 maggio 2012 lo “storico” sindaco del paese di San Valentino Pierino Amicatili con il 47,3% aveva fatto ritorno a Palazzo di Città. Poi le fibrillazioni, le dimissioni volontarie, il precoce ritorno alle urne ed infine la sconfitta nel maggio 2013. Vinse Michele Sementino con 1.510 voti (34,49%) proprio superando Pierino Amicarelli (918 voti pari al 20,96%). Mar¬co D’Attoli (855 voti, 19,52%), Nicola De Maio (620 voti,14,16%) e Nicola Pio Iavicoli (475 i voti, 10,84%) si piazzarono rispettivamente al terzo, quarto posto e quinto posto. Sementino, pur essendo minoranza, si ritrovò sindaco, pur avendo all’opposizione, 2.868 voti, lui che ne aveva preso 1.510. Tra qualche mese Sementino, che tenta il bis, potrebbe ritrovarsi ai nastri di partenza con un nutrito parterre di aspiranti. Hanno infatti annunciato - finora - di voler concorrere al soglio massimo di Palazzo di città Michele Scaramuzzo, Raffaella Savastano (Udc) e Daniele Cusmai (Lega).

Francesco Trotta

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Servizi funebri con la massima professionalità.
La Garganica si occupa di tutto l'occorrente per l'allestimento della camera ardente e del funerale.
Funerali completi e servizio lapideo a prezzi concorrenziali, anche con pagamento dilazionato.
Alla Marmeria Garganica in esclusiva vera e propria ARTE FUNERARIA.
Tombe, edicole, cappelle, mausolei, rivestimenti, lapidi, in pietra e ogni altro lavoro: dai pavimenti, capitelli, vasche in pietra, caminetti e tanto altro.
La Marmeria Garganica RECUPERA I TUOI SOGNI!

Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Assistenza telefonica h24: allo 0884/ 701740 - 348/3978495

------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Politica

Gegè Mangano torna ad esser protagonista del piccolo schermo.
Il rinomato chef Gegè Mangano, infatti, rivestirà la posizione di Giudice, dal 9 al 13 Aprile 2018, presso il noto programma di Rai Uno, la Prova del Cuoco.
Il Cooking show quotidiano condotto da Antonella Clerici, va in onda dal lunedì al venerdì dalle 11:50 in onda su Rai uno. Ricette per tutti i gusti, ma anche molto altro: appuntamenti fissi con maestri e maestre di buona cucina, rubriche di approfondimento sulle materie prime, sfide tra cuochi stellati e appassionati di cucina, gare a premi tra gente comune.
Lo chef Gegè Mangano è patron del Ristorante e de la Casa Li Jalantuumene, in Monte Sant’Angelo, nonché autore del libro “Terra, Cultura e cucina del Gargano”, edito Veronelli. E’ uno dei ristoratori più presenti sulle guide italiane ed estere, dove ha sempre raccolto recensioni da favola. Di lui se ne è anche occupato il New York Times.
Il noto chef del Gargano è inoltre famoso per le sue apparizioni televisive. Questa infatti, non è per lo chef Gegè Mangano, la prima esperienza nel mondo del piccolo schermo. In passato infatti è stato ospite anche di trasmissioni come Eat Parade, di Uno Mattina, e altre volte della prova del cuoco.
Questa volta però lo chef, che continua a contraddistinguersi per la simpatia ed esuberanza, sarà in cattedra. Spetterà a lui decidere della sfida tra pomodoro rosso e peperone verde.
Appuntamento allora da lunedì 9 Aprile a Venerdì 13 Aprile 2018, su Rai Uno, alle ore 11:50.

 

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Servizi funebri con la massima professionalità.
La Garganica si occupa di tutto l'occorrente per l'allestimento della camera ardente e del funerale.
Funerali completi e servizio lapideo a prezzi concorrenziali, anche con pagamento dilazionato.
Alla Marmeria Garganica in esclusiva vera e propria ARTE FUNERARIA.
Tombe, edicole, cappelle, mausolei, rivestimenti, lapidi, in pietra e ogni altro lavoro: dai pavimenti, capitelli, vasche in pietra, caminetti e tanto altro.
La Marmeria Garganica RECUPERA I TUOI SOGNI!

Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Assistenza telefonica h24: allo 0884/ 701740 - 348/3978495

------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Personaggi
Sabato, 07 Aprile 2018 09:38

Corallo Nero scoperto alle Tremiti

Sky, National Geographic e l’Università degli Studi di Bari accompagneranno le ricerche di Giuseppe Chimienti, assegnista di ricerca del Dipartimento di Biologia dell’Università degli Studi di Bari, nello studio di una nuova forma di corallo scoperta intorno le zone delle isole Tremiti, il Corallo Nero.
La scelta del ricercatore è stata ufficializzata dal Committee for Research and Exploration of the National Geographic Society e sarà responsabile di un progetto per l’esplorazione dell’area circostante le isole garganiche, i cui fondali sono ancora poco noti. Grazie ad un finanziamento dedicato ai giovani ricercatori avanzato da Sky e dalla National Geographic Society, il dottor Giuseppe Chimienti è riuscito a portare sugli scenari internazionali l’esistenza di habitat inediti lungo le coste pugliesi ricchi di forme di vita ancora da studiare, coinvolgendo l’Università degli Studi di Bari in un importante progetto di ricerca.
Obiettivo degli studi sarà l’analisi dei Coralli Neri, capaci di formare veri e propri boschi sottomarini e di realizzare habitat particolari ricchi di vita e ancora poco studiati. La scoperta di questa nuova sottoclasse di Antozoi risale al 2012, quando venne fotografata quella che fu definita una “foresta di corallo nero” nell’analisi della biodiversità tipica dei fondali delle isole Tremiti. Definito scientificamente Antipathella subpinnata, il Corallo Nero può raggiungere anche il metro di altezza e ne sono state rinvenute cinquanta colonie lungo le aree garganiche.
La neonata ricerca avanzata dal dottor Giuseppe Chimienti non potrà che portare alla luce nuovi dettagli sulle caratteristiche di questa particolare tipologia di polipi tutti pugliesi. In concomitanza con l’inizio del progetto realizzato con la collaborazione di Sky e della National Geographic Society, l’equipe dell’Università di Bari dedicata allo scopo sottolinea come l’habitat sottomarino interessato dal Corallo Nero sia tutt’oggi messo a rischio dalla presenza di attività illegali subacquee che renderanno necessaria un’attività di tutela ambientale dell’intero arcipelago diomedeo. Le isole Tremiti hanno sempre avuto un ecosistema dal fascino estetico e naturalistico particolarmente spiccato, spesso oggetto di studi particolari, con questa ricerca si pone in evidenza sempre più il vasto valore delle terre situate al largo delle coste garganiche.

 

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Servizi funebri con la massima professionalità.
La Garganica si occupa di tutto l'occorrente per l'allestimento della camera ardente e del funerale.
Funerali completi e servizio lapideo a prezzi concorrenziali, anche con pagamento dilazionato.
Alla Marmeria Garganica in esclusiva vera e propria ARTE FUNERARIA.
Tombe, edicole, cappelle, mausolei, rivestimenti, lapidi, in pietra e ogni altro lavoro: dai pavimenti, capitelli, vasche in pietra, caminetti e tanto altro.
La Marmeria Garganica RECUPERA I TUOI SOGNI!

Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Assistenza telefonica h24: allo 0884/ 701740 - 348/3978495

------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Ambiente

Con recente atto del Comune di Mattinata, è stato ordinato nei confronti del legale rappresentante della di una s.r.l. con sede in Vieste di provvedere a propria cura e spese alla demolizione di opere indicate nello stesso atto (vedi sotto in allegato), in agro di Mattinata, in località “Scappone”, e al ripristino dello stato dei luoghi entro il termine di 90 giorni con effetto dalla data di notifica della presente ordinanza.
Come indicato nell’atto, ”contro la presente ordinanza del Comune di Mattinata è ammesso, entro 60 giorni dalla notifica della presente, ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale di BARI ai sensi della Legge n. 241/1990 oppure, in via alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica ai sensi del D.P.R. n. 1199/1971 entro 120 giorni dalla notifica della presente”.

Con altro atto (ordinanza consequenziale), è stato ordinato ad una cittadina di provvedere a propria cura e spese alla demolizione di opere ritenute abusive in località Mattinatella con ripristino dello stato dei luoghi entro il termine di giorni 90 con effetto dalla data di notifica della stessa ordinanza.
Contro l’ordinanza è ammesso, entro 60 giorni dalla notifica della presente, ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale di BARI ai sensi della Legge n. 241/1990 oppure, in via alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica ai sensi del D.P.R. n. 1199/1971 entro 120 giorni dalla notifica della presente.

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Servizi funebri con la massima professionalità.
La Garganica si occupa di tutto l'occorrente per l'allestimento della camera ardente e del funerale.
Funerali completi e servizio lapideo a prezzi concorrenziali, anche con pagamento dilazionato.
Alla Marmeria Garganica in esclusiva vera e propria ARTE FUNERARIA.
Tombe, edicole, cappelle, mausolei, rivestimenti, lapidi, in pietra e ogni altro lavoro: dai pavimenti, capitelli, vasche in pietra, caminetti e tanto altro.
La Marmeria Garganica RECUPERA I TUOI SOGNI!

Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Assistenza telefonica h24: allo 0884/ 701740 - 348/3978495

------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Ambiente

E’ stata notificata ieri, 5 aprile 2018, la relazione del Ministro del’Interno Minniti relativa allo scioglimento del Consiglio comunale di Mattinata, nel quale – come da provvedimento del 16.03.2018 del Consiglio dei Ministri (vedi legge di riferimento) -, sono state ”accertate forme di ingerenza da parte della criminalità organizzata, che espongono l’amministrazione a pressanti condizionamenti, compromettendone l’imparzialità”. Sempre relativa a ieri la data di protocollo della documentazione.
La commissione straordinaria
Come risaputo, sono Giuseppe Canale, Antonietta Lonigro e Antonio Scozzese i Commissari prefettizi per la gestione temporanea del Comune mattinatese, per un periodo che di 18 mesi, prorogabili fino a 24. Il Dottor Giuseppe Casale è Viceprefetto, la Dott.ssa Antonietta Lonigro Viceprefetto, il Dott. Antonio Scozzese, dirigente di II fascia Area I.
Dalla nomina della Commissione d’accesso agli atti allo scioglimento del Consiglio comunale
Si ricorda come il già Prefetto di Foggia, Maria Tirone, aveva disposto l’invio della Commissione d’accesso agli atti con nomina e insediamento avvenuti lo scorso 24 maggio 2017. La Commissione è stata composta dalla d.ssa Daniela Lupo, Viceprefetto, dal Ten. Col. Pierpaolo Mason, Comandante del Reparto Operativo del Comando Provinciale dei Carabinieri di Foggia e dal Cap. Francesco Salanitro, Comandante della 3^ Sezione Criminalità Organizzata del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Bari.
Dopo la nomina per un periodo di 3 mesi, la prima scadenza era avvenuta il 24 agosto 2017. Dopo la proroga di 3 mesi, determinata il 24 agosto 2017, la successiva scadenza era avvenuta lo scorso 24 novembre 2017.
La relazione del Ministro dell’Interno
Dalla relazione del Ministro dell’Interno emerge che “il Comune di Mattinata (..) presenta forme d’ingerenza della criminalità organizzata che compromettono la libera determinazione e l’imparzialità dell’amministrazione, nonchè il buon andamento ed il funzionamento dei servizi, con grave pregiudizio per lo stato dell’ordine e della sicurezza pubblica“.
“I lavori svolti dall’organo ispettivo hanni preso in esame la cronice criminale ed il quadro ambientale, nonchè il complessivo andamento gestionale dell’istituzione locale con particolare riguardo ai rapporti tra gli amministratori e le consorterie criminali, evidenziando come l’uso distorto della cosa pubblica si sia concretizzato nel favorire soggetti o imprese collegati direttamente o indirettamente (...)”.
Nella relazione del Ministro dell’Interno “viene evidenziata la continuità che ha caratterizzato la conduzione dell’ente negli ultimi anni“, in considerazione della presenza di membri del’attuale consiglio comunale nell’amministrazione 2010 (Il Comune di Mattinata ha rinnovato i propri organi elettivi nelle amministrative del 25 maggio 2014).
“Diversi esponenti della compagine di governo e dell’apparato burocratico del Comune, alcuni con pregiudizi di natura penale – è scritto nella relazione del Ministro dell’Interno – annoverano frequentazioni ovvero relazioni di parentela o di affinità con persone controindicate o con elementi delle famiglie malavitose localmente egemoni“.
Sono stati “presi in considerazione anche gli atti intimidatori compiuti nei confronti dle responsabile del settore polizia municipale, il quale ha più volte denunciato di avere subiti danneggiamenti della propria autovettura“.
La Commissione d’indagine ha quindi “esaminato l’attività gestionale dell’ente con specifico riferimento al settore degli affidamenti di lavori e servizi pubblici tradizionalmente esposto al rischio di infiltrazioni da parte della criminalità organizzata“.
Realizzazione impianto sportivo
Da questo punto di vista, come riporta il Ministro dell’interno nella sua relazione, “assumono valore emblematico le vicende relative al’affidamento delle opere di realizzazione di un impianto sportivo aggiudicate a maggio 2014 (..) ad una società il cui socio ed amministrativo ed il responsabile tecnico sono stretti parenti di un noto capoclan“.
Come riporta lo stesso Ministro nella sua relazione “le opere in argomento – che avrebbero dovute terminate entro il primo settembre 2016 – ad oggi (la relazione porta la data del 15 marzo 2018,ndr) non sono state consegnate all’amministrazione comunale, risultando pertanto prive di certificazione di agibilità (...)”.
“E’ altresi emerso che il Comune non ha esperito alcun accertamento antimafia con il riferimento alla società concessionaria la quale, in violazione delle previsioni contenute nel contratto di appalto, non ha attivato le prescritte coperture assicurative – osserva nella sua relazione il Ministro – e non ha dato comunicazione all’ente dell’elenco dei propri dipendenti“.
Servizio gestione parcheggio a pagamento
“Ulteriori anomalie sintomatiche di uno sviamento dell’agire amministrativo a vantaggio di ambienti controindicati – è riportato nella relazione del Ministro dell’Interno – sono state riscontrate in relazione alla gara informale mediante procedura negoziata per l’affidamento – limitamente al periodo maggio – ottobre 2016 – del servizio di gestione delle aree di sosta a parcheggio a pagamento senza custodia nel centro urbano, avviata a marzo 2016 di quell’anno. Ed invero – è scritto ancora nella relazione del Ministro – con determina del successivo maggio il servizio è stato aggiudicato ad un’impresa il cui amministratore unico, oltre ad avere pregiudizi di natura penale, annovera frequentazioni con pregiudicati locali. Inoltre, taluni dipendenti della ditta affidataria – che è stata l’unica partecipante alla gara – sono risultati vicini a personaggi di notevole spessore criminale ed hanno tratto vantaggio dall’organizzazione del lavoro adottata dalla ditta medesima“.
Chiosco bar
Inoltre, è stato “segnalato che un chiosco bar collocato nell’area verde municipale è gestito da una società titolare di una concessione sall’occupazione di suolo pubblico rilasciata nel 1995, il cui amministratore unico è un consigliere del quale è documentata la vicinanza ad un personaggio con pregiudizi penali, legato alle consorterie locali (..)”. Ancora: “Tra le ditte destinatarie di affidamenti diretti nel settore della cura del verde pubblico nel periodo 2014 – 2016 figurano altre società che annoverano tra i propri dipendenti o amministratori taluni soggetti vicini ad ambienti malativosi per rapporti parentela, affinità o frequentazione“.
Circoli privati
“Altra vicenda emblematica – è scritto tra l’altro nella relazione del Ministro – è quella relativa a due circoli privati titolari di autorizzazioni alla somministrazione di alimenti e bevande ed all’installazione di apparecchi da gioco lecito, notoriamente frequentati da soggetti controindicati, tra cui il capoclan di cui si è detto. In proposito, viene segnalato che a settembre 2017 un dipendente comunale è stato controllato all’interno di uno dei circoli in questione e che, al momento del rilascio delle predette autorizzazioni, l’amministrazione comunale ha omesso di effettuare la comunicazione (ai sensi di legge,ndr), provvedendo alla revoca dele stesse a seguito della motivata richiesta in tal senso da parte del Prefetto“.
Il ricorso
Naturalmente contro gli atti relativi allo scioglimento, il Comune di Mattinata, attraverso il suo legale rappresentante, potrà presentare ricorso presso le sedi competenti, dal Tar fino al Consiglio di Stato.
statoquotidiano

 

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Servizi funebri con la massima professionalità.
La Garganica si occupa di tutto l'occorrente per l'allestimento della camera ardente e del funerale.
Funerali completi e servizio lapideo a prezzi concorrenziali, anche con pagamento dilazionato.
Alla Marmeria Garganica in esclusiva vera e propria ARTE FUNERARIA.
Tombe, edicole, cappelle, mausolei, rivestimenti, lapidi, in pietra e ogni altro lavoro: dai pavimenti, capitelli, vasche in pietra, caminetti e tanto altro.
La Marmeria Garganica RECUPERA I TUOI SOGNI!

Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Assistenza telefonica h24: allo 0884/ 701740 - 348/3978495

------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Cronaca

Ennesimo attentato, riuscito, di stampo mafioso a Vieste, in una delle strade periferiche del paese. Forse non è chiaro al Comune e alla Regione che non bastano più sfilate di Forze dell’Ordine nella nostra perla turistica, che cercano di fare al meglio il loro lavoro. La cittadina ha bisogno di un commissariamento serio, come di un Comando permanente di Polizia. Un quarantacinquenne, molto probabilmente affiliato ad una cosca mafiosa garganica e parente di un'altra vittima, un trentasettenne freddato nel 2015, va a completare il puzzle delle vittime di un quadro malavitoso organizzato preoccupante anche per la popolazione civile ormai. Cosa succederà quando verrà colpito il passante, il turista, il bambino, come quando quest’estate un ennesimo omicidio si è consumato nel Centro Storico, fra la gente e in un ristorante? Quali ripercussioni avrà il fenomeno nel tempo sul turismo e sulla nomea di paese tranquillo, oasi di pace dove trasferirsi o passare le vacanze? L’Amministrazione la smetta di nascondere il capo sotto la sabbia e chieda, fra i tanti deterrenti ‘culturali’ e d’intrattenimento, alcuni apprezzabili, altri meno, un serio e concreto giro di vite su legalità e sicurezza a Vieste! Quello che attualmente appare come uno scenario isolato e a macchia di leopardo nel territorio garganico e di Capitanata, potrebbe presto diventare un incubo e un Far West da cui difficilmente uscire indenni sia a livello di sicurezza che d’immagine! Sappiamo perfettamente che le responsabilità vengono da lontano e non si allevano serpi in seno. Ma chiediamo, oltre ai summit con i vari Sindaci garganici, Presidente della Regione e richieste di contingenti al Ministro Minniti, che venga concretamente dichiarato lo STATO DI EMERGENZA! Non si escludono a breve manifestazioni.

MARIA LUCIA ZITO, COORDINATRICE LEGA SALVINI PREMIER VIESTE

 

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli
Servizi funebri con la massima professionalità.
La Garganica si occupa di tutto l'occorrente per l'allestimento della camera ardente e del funerale.
Funerali completi e servizio lapideo a prezzi concorrenziali, anche con pagamento dilazionato.
Alla Marmeria Garganica in esclusiva vera e propria ARTE FUNERARIA.
Tombe, edicole, cappelle, mausolei, rivestimenti, lapidi, in pietra e ogni altro lavoro: dai pavimenti, capitelli, vasche in pietra, caminetti e tanto altro.
La Marmeria Garganica RECUPERA I TUOI SOGNI!

Marmeria la GARGANICA e Onoranze Funebri dei fratelli Pecorelli

Assistenza telefonica h24: allo 0884/ 701740 - 348/3978495

------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Politica

Ondaradio consiglia...

BELLA NAPOLI

Reporter della tua città

02 Aprile 2018 - 10:42:24

Vieste/ Foto e Immagini: uno dei nostri mari….d’erba

Ogni filo d’erba sembra contenere una biblioteca dedicata alla meraviglia, al silenzio e alla bontà. P.G.M. Per contribuire alla crescita di questa rubrica inviate anche voi le…

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005