Articoli filtrati per data: Giovedì, 12 Aprile 2018 - Ondaradio - Tra le vie della città Gargano

Appuntamento domani al Mattei di Vieste per conoscere l’acqua da bere. La campagna di sensibilizzazione nelle scuole per la conoscenza e il corretto utilizzo dell’acqua da bere.
L’incontro voluto e organizzato dall’Asl prevede interventi tra gli altri del dott. Matteo Cannarozzi de Grazia, Berardino Frascolla e Raffaele Prencipe.

Aula Magna, ore 9,30
IPSSAR Mattei Vieste

Pubblicato in Società

Allora, immaginate le feste in spiaggia. Quelle belle. Quelle in migliaia. Quelle dove la gente balla a piedi nudi sulla sabbia, fino all'alba.

Quelle dove abbondano cocktail di ghiaccio, spritz e fette d'arancia e quelle dove tira la brezza marina e non faresti mai ritorno a casa. Ecco. Poi immaginate i varchi, i controlli, gli accessi regolati, i contapersone, gli idranti, i piani di emergenza ed evacuazione, i megafoni e perfino le insegne luminose. Se la prima immagine piace di più, la seconda è quella a cui tutta Italia si prepara. Perché una circolare del capo di Gabinetto Morcone, emessa il 28 luglio scorso, dal ministero degli Interni dopo gli incidenti di piazza San Carlo a Torino per la finale di Champions League, prescrive norme restrittive a seconda del tipo e del grado di rischio delle manifestazioni. Il tutto in base alla «probabilità di accadimento di un evento» e alla «sua potenziale magnitudo». Così uno pensa di andare in spiaggia tranquillo e invece si trova a dover seguire le linee guida di un aeroporto, con il rischio di trovarsi la guardia sul collo che chiede: «Scusi signora, può farmi vedere la borsa per cortesia?».
Il primo comune a fare scuola, con un piano condiviso dall'amministrazione comunale che recepisce la circolare è Jesolo, il fulcro della movida veneta e non solo. Qui le feste in spiaggia saranno a numero chiuso. «È una normativa nazionale spiega Pietro Gentili, segretario generale del Sib (Sindacato italiano balneari), Fipe e Confcommercio non è che vale solo per Jesolo. Le feste sono regolate da leggi, esistono delle modalità da rispettare, delle autorizzazioni. Sono leggi dello Stato italiano».
Insomma Italia prepàrati. Perché a Jesolo le feste nei chioschi all'aperto saranno pure recintate. Ingabbiate. Ogni chiosco, dei trenta che ci sono, dovrà dotarsi di un piano di sicurezza presentato alla commissione comunale almeno tre settimane prima dell'evento e la pericolosità varia a seconda del numero di persone, età media e tipo di festa. Insomma scene come quelle del giorno di Pasquetta, dove in uno dei chioschi più in della spiaggia, il Capannina Beach, uno sciame di gente ballava e ballava, e poi correva libera verso il mare, non se ne vedranno più. Il gestore o l'organizzatore da oggi dovrà perimetrare l'area, tenendo conto che ciascun metro quadro di superficie può accogliere 1,5 persone. La circolare nazionale parla di massimo due. Per feste fino a 200 partecipanti poi serve la comunicazione e quattro steward, oltre: gli steward salgono a sei. Ciascun chiosco dovrà avere insegne luminose su vie di ingresso, uscita, fuga, anche per l'arrivo dei mezzi di soccorso. In più dovrà essere fornito di estintori e personale formato con corsi antincendio.
Ieri la notizia alla sede nazionale dell'Ascom ha fatto scalpore. «Chi a Roma ha fatto la direttiva tuona Alberto Teso, delegato Ascom di Jesolo non ha ben presente come sia una festa in spiaggia. Non possiamo ignorare che viviamo in un momento di tensione, ma molte di quelle norme sono insensate. Pensare alle vie di fuga nelle feste all'aperto non ha senso, se la festa è all'aperto, la via di fuga è verso il mare. Il corso antincendio poi per la festa al chiosco è una cosa assurda. E questo comporta anche costi aggiuntivi». «Occorre una semplificazione normativa aggiunge Massimo Zanon, Confcommercio Venezia si rischia di dover rinunciare a molte manifestazioni o renderle troppo onerose».

Pubblicato in Società

Venerdì 20 aprile alle ore 15.00, presso il Dipartimento regionale delle Politiche per la salute (via Gentile 52/Bari), il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano incontrerà, insieme con la struttura tecnica del Dipartimento delle Politiche per la Salute, i direttori generali delle sei Asl pugliesi per un ulteriore confronto sulla proposta di riordino dei Punti di Primo Intervento, dopo il passaggio informale e preliminare che si è svolto in Giunta con gli assessori.

Tutto ciò è propedeutico all’organizzazione delle conferenze dei sindaci che si svolgeranno sui territori, prima dell’ulteriore confronto con gli assessori che si svolgerà nuovamente nel corso di una Giunta ordinaria.

Pubblicato in Sanità

Domenica 15 aprile comincerà la seconda edizione delle Peregrinazione botaniche nel Gargano, lezioni di botanica all'aperto rivolte a studenti universitari, cultori, appassionati, professionisti e camminatori/escursionisti.
Si tratta di un vero "Corso di primo livello di Botanica" destinato a coloro i quali vogliono approcciarsi allo studio di questa disciplina, una esperienza didattica strutturata in visite, osservazioni e studio di siti con particolari valenze didattiche.
Il corso, organizzato da Domenico Sergio Antonacci e dalla Schola Botanica Garganicae, sarà condotto dal Prof. Nello Biscotti (con l’apporto del Dott. Gennaro del Viscio e di Daniele Bonsanto) nella sua formula di didattica sul campo (Cattedra Ambulante di Botanica).
Il fine è anche quello di favorire la divulgazione e la valorizzazione dei valori botanico-naturalistici del Parco Nazionale del Gargano.
Le tappe di domenica toccheranno la Foresta Umbra e le località che la circondano, a partire dalla Faggeta di Bosco Manatecco a pochi chilometri da Vico del Gargano, dove i corsisti si approcceranno con la struttura del bosco e il suo ruolo nel paesaggio forestale garganico e europeo, con considerazioni sul bioclima.
Tappa successiva sarà la Faggeta di Sfilzi, dove si approfondiranno la terminologia “depressa” e le norme di salvaguardia; infine si visiterà la Faggeta Falascone, dove sarà affrontato il concetto di Bosco Vetusto, la struttura della faggeta fino a riflettere sul riconoscimento UNESCO.
L’appuntamento si chiuderà in una tipica masseria del Gargano ai margini del bosco offrendo ai corsisti uno spaccato di Gargano slow, capace di offrire emozioni con la sua semplicità e autenticità.

L'iniziativa ha il patrocinio della Società Botanica Italiana e della sua sezione pugliese.
Informazioni e iscrizioni al 393173151 o su Facebook (“Peregrinazioni botaniche nel Gargano”)

Pubblicato in Ambiente

PROGRAMMA RELIGIOSO:

Giorno 14 - 22
Ore 19,00
Solenne celebrazione e Novena in onore del Patrono San Giorgio.

Giorno 22
Ore 19,00
Pontificale presieduto dall'Arcivescovo Mons. M. Castoro.

Giorno 23
Ore 8,00 - 19,00
Sante Messe in Cattedrale con partecipazione del Comitato Feste..
Ore 09,00
Processione dalla Basilica Cattedrale presieduta dall'Arcivescovo e partecipata dal Rev.mo Capitolo e Sacerdoti.
Ore 10,00
Arrivo processione in Piazza S. Maria delle Grazie e sparo fuochi pirotecnici.
Santa Messa celebrata dall'Arcivescovo con la partecipazione del Rev.mo Capitolo Cattedrale.
Ore 11,00
Rientro della processione con sparo di fuochi pirotecnici (presso Marina Piccola)

PROGRAMMA CIVILE

Giorno 22

Ore 08,00 - Apertura della festa con sparo di mortaretti e giro per l'abitato del Gran Complesso Bandistico Città di Vieste - G. Cariglia e P. Cariglia

Ore 17,00 - Spettacolo di Majorette con:
"IL MONDO CHE VORREI"

Ore 21,30 - Piazza del Fosso Spettacolo Musicale con:
NUVOLE DI ROCK COVER BAND DEI MODA'

Ore 24,00 - Spettacolo di fuochi pirotecnici c/o Marina Piccola.
I fuochi saranno incendiati dalla ditta PIROGIOCHI di Chiarappa Giuseppe e Figlio

Giorno 23

Ore 07,00 - Sparo di mortaretti e giro per l'abitato dei Complessi Bandistici "Città di Vieste - G. Cariglia" e "Città di Vieste - P. Rinaldi"

Ore 10,30 - Piazza S. Maria delle Grazie SAGRA DELLA FRITTATA a cura dell'Associazione Cuochi del Gargano e Capitanata, uova offerte dall'azienda agricola F.lli Chionchio, vino offerto dalla Cantina Cimaglia e F.lli Mangini - Vieste. Un ringraziamento alla ditta Global forniture.

Ore 17,00 - Giro per l'abitato del Gran complesso Bandistico "GUARDA CHE BANDA - Città di Turi".

Ore 18,00 - Tradizionale CORSA DEI CAVALLI
a cura del Comitato della Corsa presso Spiaggia Castello.

Ore 21,30
PAOLO MENEGUZZI IN CONCERTO

Ore 24,00
Chiusura della Festa con spettacolo di fuochi pirotecnici presso il molo nuovo

Il comitato

Pubblicato in Manifestazioni

L'art. 36 del D.Lgs 229/2017 stabilisce che "La Repubblica riconosce il giorno 11 aprile di ogni anno quale "Giornata del mare", al fine di sviluppare la cultura del mare inteso come risorsa di grande valore culturale, scientifico, ricreativo ed economico e porne in rilievo il contributo allo sviluppo sociale, economico e culturale del territorio nonché al fine di preservare le tradizioni marinaresche della comunità italiana”.
Per l'anno in corso, la Lega Navale Italiana, Sezione di Peschici, di concerto con la locale Capitanerie di Porto, il Comune di Peschici, la sezione di Mare Vivo, ha concordato di sviluppare il tema del "Marine Litter", coinvolgendo l’Istituto comprensivo “Giuseppe Libetta” con la partecipazione di circa duecento studenti delle scuole medie del liceo dell’ITT impegnati nel progetto ASL (alternanza scuola lavoro), concordato con il settore cultura della sezione della LNI.
Dopo i saluti del Capo delle sezione della Capitaneria di Porto, del Presidente della LNI Arch, Afferrante Sergio e del Sindaco Di Peschici Francesco Tavaglione e del Dirigente scolastico Valentino Distolfo, il rappresentante di Mare vivo Dott. Matteo Iacovelli ha tenuto un incontro con gli allievi della scuola per illustrare le finalità del Progetto ASL sul tema della tutela dell’ambiente marino. Iacovelli ha sottolineando, in particolare, la necessità di sviluppare nelle giovani generazioni un orientamento critico e propositivo proteso alla costruzione della cultura e conoscenza del mare. Il mare è un organismo vivo, sottolinea Iacovelli, che sviluppa l’ottanta per cento di ossigeno ed assorbe il 30 per cento di anidride carbonica, elementi imprescindibili per la sopravvivenza del Mare e della intera umanità. Dopo l’incontro e seguita la raccolta dei rifiuti di plastica effettuata dagli studenti dell’Istituto Libetta, sugli arenili della spiaggia di Peschici. Sono stati raccolti oltre due metri cubi di plastica industriale (in particolare retini provenienti dagli allevamenti dei mitili), circa 100 sacchetti di plastica riciclabile ed oltre dieci sacchi di bottiglie di vetro.
Gli alunni non hanno mancato di esprimere una vibrata protesta nei confronti di quanti, istituzioni ed enti vari preposti, per l’assoluta e colposa indifferenza verso il tema dell’ambiente e della salute pubblica.

Pubblicato in Ambiente

Sarà una domenica di metà aprile spumeggiante, pianificata dal coach Michele Verderame e dal mago Pierpaolo Olivieri, i quali metteranno in campo e sul palcoscenico, Atleti e Illusionisti di ogni genere e portata, grazie alle Loro doti fisiche e mentali, frutto di un duro lavoro annuale.

A cominciare dalle prime ore del mattino fino a notte fonda la "Perla del Gargano" brillerà, ancora di più, con due belle iniziative, degne di essere citate e reclamizzate entrambe:

- Dalle ore 9 alle ore 12, presso la Palestra "R.Turi", si terrà la manifestazione di Minibasket, organizzata dall'Asd "Basket Ball" del coach Verderame, con le categorie: "scoiattoli - acquilotti". Parteciperanno anche la "Frassati" basketball di San Giovanni Rotondo e la "Sunshine" di Vieste. Si ringrazia per la fattiva collaborazione, l'Assessore allo sport del Comune di Peschici, Geom.Luca Esposito e il Sig. Liborio Iervolino, sponsor ufficiale della stessa;

- Dalle ore 19.30, invece, nell'Auditorium Comunale "Paolo Granieri", sarà la volta di uno spettacolo nello spettacolo, con tanto di presentatori, corpo di ballo e scenografia. Titolo dell'Evento, "La nostra magia...è il vostro sogno", dove i protagonisti assoluti, anche per questa quarta edizione, saranno i maghi provenienti da ogni parte d'Italia, guidati magistralmente dalla "mente" di questo progetto artistico, ovvero Pierpaolo Olivieri, alias "Mago Peter", in collaborazione con Fortunato Fumarola e l'Ass. "Amici dei Bambini". Presentatore d'eccezione, Ivan Mistereko. Si ringrazia il Comune di Peschici e gli inserzionisti pubblicitari.

Peschici c'è.

Francesco D'arenzo

Pubblicato in Sport

“La Sottomisura 8.1, dedicata al sostegno alla forestazione e rimboschimento, cosi come tutto l'insieme di interventi contenuti nella Misura 8 del PSR Puglia 2014-2020, partono dal presupposto di dover contrastare i fenomeni e le problematiche di dissesto idrogeologico, di accumulo di nitrati e, quindi, fronteggiare tutte le fragilità del territorio. Si tratta, nel suo complesso, di un insieme di sottomisure di compensazione ambientale e, contemporaneamente, di sostegno di buone pratiche di restituzione all’agricoltura attiva o alla forestazione di suoli che oggi sono difficilmente utilizzati. Per questi motivi i criteri di selezione, approvati dal partenariato socio economico e decisi anche con Bruxelles, che sulla materia è particolarmente sensibile, non solo tramite la commissione Agricoltura, ma anche quella Ambiente, tendono a privilegiare specifiche zone della Puglia, inserite in una mappatura relativa alle aree di grande criticità nella gestione del rischio idrogeologico”. E’ quanto chiarisce l’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leonardo di Gioia, rispondendo ai consiglieri regionali e a tutti coloro che hanno denunciato una penalizzazione del territorio salentino rispetto allo stanziamento di risorse previste dal bando della Sottomiusra 8.1 del PSR.

“Dall’applicazione di questi criteri – prosegue di Gioia - emerge che, delle ditte ammesse, sono risultate ricevibili un numero pari a 338, così ripartite percentualmente: il 52% delle domande sono state rilasciate per il territorio di Foggia, il 23% per il territorio che comprende le province di Bari e Bat, l’11% per la provincia di Taranto, l’8% per Brindisi e il 6% per la provincia di Lecce. Condivido gli appelli e le richieste di chi auspica la possibilità di investimenti di questo tipo anche in altre zone della nostra regione, ma, stanti gli stanziamenti disponibili e applicando una corretta interpretazione dello spirito del PSR, non si poteva che arrivare a questo risultato. Va ribadito ulteriormente che il PSR non è strumento per distribuire risorse in modo proporzionale all’estensione dei territori e non è un mero strumento di sostegno al reddito. Purtroppo o per fortuna, a seconda di come la si pensi, è uno strumento che mette in competizione le aziende e i luoghi dove si intende fare investimenti. Le polemiche per una iniqua distribuzione delle risorse del bando dedicato al rimboschimento, se pur legittime, si scontrano con dati oggettivi e scientifici che sono, purtroppo, tecnicamente non superabili, pur nelle migliori intenzioni della politica”.

Pubblicato in Economia

“Ci sono località che, come Vieste, non solo superano i 7000 accessi al Punto di Primo Intervento all’anno, ma sono situate in territori che hanno problemi gravissimi di viabilità, una particolare struttura orografica e distanze notevolissime dall’ospedale più vicino. Per questo siamo davvero senza parole per il perverso piano di smantellamento della rete di assistenza sanitaria adottato con delibera dalla Giunta Emiliano. Stanno tradendo i cittadini”. Lo dichiara il Vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta. “Proprio Vieste e Vico del Gargano, ma non solo -aggiunge- subiscono uno scippo clamoroso, considerando che attualmente l’assistenza è ridotta molto al di sotto delle esigenze. E’ una decisione disdicevole che sopraggiunge dopo una lunga serie di bugie dette ai cittadini, ma anche a noi rappresentanti del territorio: potrei ricordare le numerose interrogazioni e le decine di interventi del sottoscritto proprio in merito alla riconversione dei vecchi ospedali in PPI e sul futuro di questi ultimi. Una violenza –conclude Gatta- compiuta sulla pelle di comunità a cui si parla solo di tagli, ma non anche dei numerosissimi sprechi che continuano ad esserci nel sistema, forse perché utili al raggiungimento di scopi elettorali di qualcuno. La misura è colma”.

Pubblicato in Sanità

Un provvedimento che era nell’aria – scrivono in una nota i Popolari di Puglia - da tempo ma che sconcerta per una tempestività non richiesta, specie alla vigilia della stagione estiva, quando molte località, soprattutto del Gargano (come Vico e Vieste) sono prese d' assalto dai turisti, con innegabile aumento degli accessi alle PPI. In pratica il Gargano nord resterà senza punti di riferimento di primo intervento, dovendo ora riversarsi su San Giovanni Rotondo o Manfredonia, se non pure San Severo. La decisione della giunta – si legge in chiusura nella nota dei Popolari - sia pure giustificata da direttive del governo, finirà per aumentare i disagi per gli utenti e i pericoli per il personale sanitario, già oggetto di aggressioni e violenze da parte di cittadini esasperati dalle lunghe attese.

Pubblicato in Sanità
Pagina 1 di 2

Ondaradio consiglia...

Ristorante Il Capriccio

Reporter della tua città

02 Aprile 2018 - 10:42:24

Vieste/ Foto e Immagini: uno dei nostri mari….d’erba

Ogni filo d’erba sembra contenere una biblioteca dedicata alla meraviglia, al silenzio e alla bontà. P.G.M. Per contribuire alla crescita di questa rubrica inviate anche voi le…

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005