Articoli filtrati per data: Sabato, 06 Ottobre 2018 - Ondaradio - Tra le vie della città Gargano

Ha preso l’avvio alle Isole Tremiti l’iter per la riperimetrazione della riserva ma­rina protetta richiesta dal comune diomedeo del sindaco Antonio Fentini circa un anno fa. Al centro polifunzionale dell’isola di San Domino si sono ritrovati, attorno al tavolo per un serrato confronto, tre tecnici dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale che collabora con il Ministero dell’Ambiente, la di­rettrice facente funzioni dell’ente Parco del Gar­gano Carmela Strizzi (ente gestore dell’area ma­rina protetta) ed il sindaco Fentini. Il tavolo - allargato anche agli operatori turistici, i pe­scatori e a tutti coloro i quali hanno a che fare con la riserva marina - ha individuato il per­corso per giungere all’obiettivo finale. Va subito spiegato che la richiesta di riperimetrazione mira in sostanza ad ampliare l’attuale superficie dell’area marina protetta - che è di 1.466 ettari ed interessa un tratto di costa di 20.410 metri - allo scopo di favorire il ripopolamento dell’ambiente marino sottostante, minacciato dal passaggio delle imbarcazioni che praticano la pesca al tonno. Secondo le richieste del Comune, il nuovo confine dello specchio d’acqua allargato e sotto protezione dovrebbe “cadere” a tre miglia dalla costa. Il perché va ricercato nell’obiettivo da cogliere, ovvero “spingere”, oltre appunto le tre miglia, il passaggio, scomodo per l’equilibrio fragile dell’ecosistema, delle imbarcazioni che praticano appunto la pesca al tonno. L’iter è partito. Sarà lungo e tortuoso, ma l’esito do­vrebbe essere positivo. La riserva marina delle Tremiti, istituita con decreto ministeriale del 14 luglio 1989, interessa l’area costiera che circon­da le isole di San Domino, San Nicola, Caprara e Pianosa per tutto il tratto di mare compreso, in via di massima, fino a fondali di 70 metri. Dal 1995 sono entrate a far parte del Parco Nazionale del Gargano. La riserva è suddivisa in tre zone: A, B, C. Zona A è l’intera isola di Pianosa. Qui è vietata la balneazione e la navigazione, l’accesso e la sosta di barche può essere autorizzata dall’ente gestore per finalità scientifiche. E’ vie­tata anche qualsiasi forma di pesca. Zona B è l’area tra il faro di Punta Provvidenza e Punta Secca, fino all’isobata dei 70 metri di San Do­mino. Inoltre comprende, a Caprara, la zona che va da Cala Sorrentino allo scoglio Caciocavallo. Qui è vietata la pesca subacquea, sportiva e professionale, e la navigazione, tranne quella autorizzata dall’ente gestore. Le immersioni so­no consentite previo permesso delle autorità. Zona C è l’area restante di San Domino, di Ca­prara e tutta l’isola di San Nicola, dove, oltre alle immersioni, è consentita anche la pesca spor­tiva. Novità importante: con la nuova riperi­metrazione, cambierà anche l’attuale zonizza­zione stabilita all’epoca in base ai soli aspetti ambientali. La nuova “risentirà” invece anche degli aspetti socio economici, le cui informa­zioni opportunamente valutate dall’Ispra saran­no “girate” al ministero dell’Ambiente.

Francesco Trotta

Pubblicato in Ambiente

Le opere di Guerra, sono un perfetto esempio dell’ideale neoclassico e del realismo, riuscendo a trasmettere le passioni e i sentimenti che animano i suoi personaggi, accentuato dal forte contrasto creato dal chiaroscuro che evidenzia l’azione e annulla lo sfondo. Dipinge in chiave contemporanea, tematiche passate, intensamente ispirato dagli antichi maestri come il Caravaggio, Louis David, Tiziano, Moreau. Guerra nasce a Foggia nel 1958. Portato naturalmente al disegno e alla pittura. Diplomatosi all’Istituto Statale d’Arte. Negli anni 70’e 80’, il giovane Massimo è esuberante e vulcanico, dalla creatività poliedrica affrontando temi più disparati, passando dal paesaggio, alla figura umana. Tra gli amici "artisti", che frequenta in quel periodo è da ricordare Andrea Pazienza. Negli anni ’80 diventa discepolo del maestro Renato Guttuso e del maestro F. Bertoni. Decora a Milano locali di tendenza, è un rinomato ritrattista, tale riconosciuta professionalità lo ha portato a collaborare con note agenzie di modelle. Esplora realtà artistiche diverse, facendo esperienze nei settori della scenografia e del design. "L’ARTE È SPERIMENTARE" diverrà il suo motto. In occasione di questa mostra, il maestro Massimo Guerra ha dipinto opere ispirate al paesaggio di Vieste e al noto monolite Pizzomunno, quadro oggetto di sfondo della locandina di presentazione.

Si ringrazia l’Associazione Officina delle Arti per la scoperta di un artista geograficamente vicino e altrettanto importante e l’Hotel degli Aranci per la disponibilità della mostra i cui quadri resteranno in esposizione dal 10 al 31 ottobre.

MOSTRA D’ARTE sarà inaugurata mercoledì 10 ottobre alle ore 18.30 presso l’Hotel degli Aranci in Vieste.

Pubblicato in Cultura

 

Erano le 13,30 quando arriva la richiesta di evacuazione medica dalla nave passeggeri Costa Luminosa alla Sala Operativa di questa Guardia Costiera: uno degli uomini dell’equipaggio ha bisogno di cure più specialistiche rispetto a quelle che può fornire il servizio sanitario di bordo. Il medico di bordo e il C.I.R.M. (Centro Internazionale Radio Medico) hanno concertato lo sbarco del marittimo affinché riceva cure specifiche in una struttura ospedaliera. La Costa Luminosa, partita dalla Grecia e diretta a Venezia, deviava la propria rotta a circa 15 miglia nautiche a sud di Vieste puntando verso questa località per velocizzare l’azione di soccorso. Ad una distanza di circa 2 miglia nautiche dal porto avveniva il trasbordo del paziente, il cuoco di bordo, sulla motovedetta CP880 della Guardia Costiera. Condotto a terra gli uomini della Guardia Costiera hanno affidato il cuoco al personale del Servizio Sanitario Nazionale 118 che l’ha trasportato al nosocomio di Manfredonia.

 

Guardia Costiera – Vieste –

Pubblicato in Cronaca

LA 5° GIORNATA ( h 15.30)

Atl. Vieste-Brindisi

Barletta-Casarano

Corato-T. Altamura

Gallipoli-San Severo

Molfetta C.-Avetrana

Otranto-Molfetta S.

UC Bisceglie-Mesagne,

Vigor Trani-Terlizzi

 

 CLASSIFICA

 

10 – TERLIZZI

9 - ALTAMURA

9 – BRINDISI

8 – GALLIPOLI

7 – CASARANO

6 – MOLFETTA Calcio

5 – ATLETICO VIESTE

5 – BARLETTA

5 – CORATO

4 – ALTO SALENTO

4 – TRANI

4 – OTRANTO

3 – MOLFETTA Sp

3 – BISCEGLIE

3 – ALTO TAVOLIERE

2 – MESAGNE

 

Il ristorante Pizzeria Bella Napoli vi ricorda che i nostri piatti per fare gol non hanno bisogno di tanti passaggi.

A Vieste, di fronte al Faro:

Ristorante Pizzeria Bella Napoli.

Pubblicato in Sport
Sabato, 06 Ottobre 2018 09:30

Vieste Domani il TROFEO DI S. ANTONIO 2018

Domenica 7 Ottobre si svolgerà la tradizionale corsa Ciclistica dello CSAIN “Trofeo di S. Antonio”, organizzata dal Gs Cicloamatori Vieste in collaborazione con la Polisportiva Vieste con il patrocinio del Comune di Vieste, Assessorato allo Sport e Politiche Giovanili. Quest’anno i partecipanti dovrebbero essere oltre 60 , provenienti da tutta la regione, nutrita anche la rappresentativa femminile di Vieste. 70 chilometri da percorrere, con partenza alle ore 9.00 dal campo sportivo; il percorso prevede la ripetizione per 3 volte del circuito Vieste- Mandrione –S. Maria di Merino - Vieste , con l’arrivo al L.re Europa. Il primo giro di circa 30 km sarà non agonistico, il 2^ e 3^ riservato alla velocità. Garantita la partecipazione dei più quotati ciclisti del nostro territorio e province limitrofe, la gara sarà valevole anche per l’assegnazione dei titoli di Campioni del Gargano 2018, assoluti e di categoria. Il circuito, privo di salite impegnative, è abbastanza veloce, il controllo della regolarità della gara è affidato ai Giudici della sezione Csain di Foggia, coordinata dal presidente provinciale Paolo Scarpiello e del suo staff tecnico, Commissario di Gara Antonio Vitulano, Direttore Tecnico Michele Notarangelo , cronometraggio e classifiche affidate ai responsabili della Icron.   La partenza sarà data, dopo un breve saluto, dal Presidente del Gs Cicloamatori Vieste Antonio D’Aprile e dall’Assessore Allo Sport Prof. Dario Carlino. Saranno presenti anche i primi tre classificati della scorsa edizione, rispettivamente Valerio Garofalo di Foggia, , Caputi Luigi di Campobasso e il nostro Matteo Bodinizzo. Il sodalizio Viestano, giunto al suo 34^ anno di attività sarà presente con 12 Corridori più 4 Cicliste e spera di replicare il primo posto a squadre; due i giovani talenti Felice Modola e Carmine Pecorelli. Garantita l’assistenza e la collaborazione delle Forze dell’Ordine, Polizia Municipale, Corpo dei Carabinieri/Forestale e di tutti gli altri volontari Motoclub Gargano, Protezione Civile Pegaso, Vieste Runner, Polisportiva Vieste, Cooperativa S. Francesco, GarganoTV Vieste, e del Dott. Antonio Cellammare. Le premiazioni saranno effettuate per le ore 12.30 nei giardini pubblici di Via Vittorio Veneto (di fronte la Posta) , si ringraziano inoltre tutti i collaboratori e gli imprenditori di Vieste per la preziosa e fattiva compartecipazione.

Pubblicato in Sport

Non solo la verifica - chiesta dal ministero dei Trasporti dopo la tragedia di Genova - su ponti e strade. Ma un rapporto completo sullo stato delle infrastrutture pu­gliesi, rapporto che dovrebbe essere pronto entro febbraio per elaborare poi un piano di intervento. È questo l’obiettivo del tavolo tecnico istituito dall’assessore ai Lavori pubblici, Gianni Giannini, che ha coinvolto i Comuni dell’Anci, l’Anas, i Consorzi di bonifica, l’Aqp e i gestori ferroviari: strade, ponti, binari, ma anche opere che si trovano nel territorio comunale come scuole, ospedali ed edifici pubblici, gran­di linee di adduzione idrica e dighe. La mappa verrà definita attraverso una ricognizione effettuata dai singoli proprietari delle infrastrutture (parte­ciperanno anche le Province), che do­vranno compilare una scheda tecnica per la raccolta dei dati sotto la regia dell’Agenzia per lo sviluppo del terri­torio (Asset) che si occuperà dell’analisi e della redazione dell’accordo. «Abbia­mo concordato - spiega Giannini - una linea di condotta innovativa, utile alla conoscenza e alla definizione omogenea delle problematiche relative alle infrastrutture pugliesi. Ol­tre a conoscere lo stato di salute delle singole opere, vogliamo avere uno strumento fondamentale per le prossime pro­grammazioni dei fondi regionali, statali ed europei». Nelle scorse settimane, a valle della tragedia di Genova, c’era stata una polemica per le parole di Giannini, cui il ministero aveva chiesto di compilare entro 10 giorni (cioè entro il 30 agosto) un elenco delle infrastrutture a rischio sul territorio pugliese. La Regione alla fine ha in qualche modo ottemperato, chiedendo ai singoli proprietari di segnalare le eventuali criticità e trasmettendo al Provveditorato per le opere pubbliche un elenco di oltre 100 infrastrutture pub­bliche che presentano situazioni di rischio. Un monitoraggio necessariamente affrettato e poco dettagliato, mancando di verifiche tecniche approfondite: lo stesso compito è stato affidato ai Comuni e alle Province, che dovrebbero inca­ricare tecnici esterni per compiere le perizie necessarie sui manufatti, senza tener conto della mancanza di fondi per operazioni di questo genere. In Puglia non è mai stato effettuato un monitoraggio delle opere pubbliche a rischio crollo, né tantomeno una stima delle risorse necessarie alla messa in sicurezza. Tuttavia la gran parte delle infrastrutture di grande comunicazione ha più di 30-40 anni, e su moltissime strade di competenza provinciale ponti e cavalcavia non ricevono manutenzione straordinaria ormai da anni. Stesso discorso per il patri­monio edilizio nelle città che, secondo l’Anci, al Sud vedrebbe 250mila costruzioni a rischio crollo.

Pubblicato in Ambiente

Sabato scorso, in una bella giornata settembrina, a Manfredonia, Il Governatore del Distretto 108AB (Puglia) LIONS International, l’Ing. Pasquale Di Ciommo, accompagnato dal suo staff e dall’Ing. Salvatore Guglielmi, Presidente Circoscrizione A (FG-BAT), ha visitato ufficialmente i Clubs del Gargano.

In questa occasione, i direttivi dei Club hanno presentato il lavoro svolto e quello che intendono realizzare nell’anno sociale in corso.

Sono stati accolti nella splendida cornice del Regio Hotel Manfredi, i Presidenti con tutto il direttivo, dei Club di San Severo, Lucera, San Marco in Lamis, per la Zona 1, ed i Clubs: San Giovanni Rotondo Host, Gargano S. Giovanni R., Manfredonia Host, Manfredonia Sipontum, per la zona 2, con il Presidente, Ernesto Paternostro.

Il Governatore, nel corso della sua visita, ha evidenziato la necessità di continuare a impegnarsi per le problematiche civiche, sociali e territoriali. Più volte il  Governatore ha sostenuto che laddove c’è una bisogno lì devono esserci i Lions.

Rilevanti sono le sfide che i Lions hanno abbracciato attraverso la realizzazione di opere di servizio: quelle nella prevenzione del diabete, dell’udito, della vista, nella raccolta degli occhiali usati, servizio cani guida, per combattere la fame nel mondo, per l’ambiente, per i diversamente abili, nella prevenzione delle malattie oncologiche, in particolare nell’informazione dei giovani con il Progetto Martina, in tema di sicurezza stradale, e nei campi e scambi giovanili internazionali.

Questi sono solo alcuni dei campi dove dal 1917 intervengono i Lions, che nel mondo ammontano ad oltre 1.400.000 soci, distribuiti in oltre 46.000 club in 200 paesi.

Pubblicato in Società

Ondaradio consiglia...

Lilly Frutta

Reporter della tua città

11 Ottobre 2018 - 10:26:20

Reporter della Tua Città / La meraviglia del cerro ultra centenario… che più sà e più tace, più tace e più sa.

La sua romantica autorevolezza giganteggia lunga la strada dei tre confini o del “compromesso”, nei pressi di coppa Fusillo. Sulla via del pellegrinaggio a S. Michele. Ghiande…

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Piazza Kennedy (Presso Ufficio Informazioni Turistiche) - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 708806 (ufficio IAT) - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005