Articoli filtrati per data: Martedì, 16 Maggio 2017 - Ondaradio - Tra le vie della città Gargano

L'Adoc Foggia da una serie di istruzioni per evitare i tentativi di truffa. "I recenti casi di cronaca – fa sapere l'Associazione per la difesa e l'orientamento dei consumatori - dimostrano che bisogna tenere ben alta la soglia di guardia”. "Diffidare di qualsiasi persona si presenti senza preavviso affisso preventivamente presso la bacheca condominiale e mai aprire completamente la porta. In tutti i casi l'utente ha il diritto di pretendere l'esibizione del tesserino di riconoscimento". E' il primo degli avvisi dell'Adoc.
Altro fronte caldo quello delle truffe via telefono. “Il meccanismo della truffa è molto semplice – spiegano - basta che il consumatore fornisca gli estremi di una sola fattura e il gioco è fatto. Il consumatore deve, al fine di tutelarsi, chiedere alla società di identificarsi esplicitamente per avere la certezza di parlare con il proprio gestore e deve astenersi, sempre, dal fornire i codici Pod e Pdr”. E se telefonicamente viene proposto di attivare nuovi servizi? “Cercate di prendere tempo e di capire se comportano costi aggiuntivi”.
In sintesi, ecco la lista di consigli pratici messa a punto da Adoc Foggia:
- Non aprire la porta ad agenti che propongono contratti o si fingono addetti alla manutenzione, se non da voi contattati;
- Non firmare nessun modulo che vi viene proposto se non dopo averlo letto attentamente ed aver fatto attenzione all’intestazione;
- Non fornire i vostri dati, i dati del vostro contatore e non mostrate le vostre bollette;
- Segnalare alle forze dell’ordine comportamenti truffaldini da parte di incaricati commerciali.
In tutti i casi, per ulteriori informazioni, i consumatori posso rivolgersi al personale dello sportello dell'associazione per la difesa e l'orientamento dei consumatori, in Via Fiume, 38-40 a Foggia, ogni giorno dalle 10.30 alle 13 e dalle 16 alle 19. Per consulenze legali, reclami e azioni di rivalsa, è a disposizione l'avvocato Roberta Maria Pagliara, ogni martedì dalle 16 alle 18.30, sempre in via Fiume 38-40.

Pubblicato in Società

«Continua il radicamento territoriale dell’UdC. Dopo Monte sant’Angelo, la ricostituzione del gruppo dirigente a Torremaggiore, anche Ischitella ha una rappresentanza dell’UdC affidata al giovane Stefano Atzori, nuovo commissario cittadino, che avrà il compito di organizzare il partito anche in vista della consultazione elettorale per il rinnovo del consiglio comunale, dove l’UdC appoggia senza condizionamenti il candidato sindaco Carlo Guerra, persona seria e concreta. Devo ringraziare per il lavoro svolto l’avv. Luigi Palmieri che ha saputo coniugare, su alcuni centri garganici, l’esigenza di rilancio del partito con le necessità di un territorio spesso dimenticato da certa politica che viene sul Gargano solo a caccia di voti», afferma l’on. Angelo Cera, segretario provinciale dell’Udc. Stefano Atzori, 28 anni, ha una lunga esperienza nel mondo del volontariato e nella ideazione e organizzazione di eventi culturali, anche in collaborazione con la Proloco. Dirigente sportivo, rappresenta a livello nazionale un’associazione di promozione sportiva. «Ringrazio per la fiducia l’on. Cera e il presidente Napoleone Cera, che ho avuto modo d’incontrare e confrontarmi su vari temi. Spero di essere utile al progetto dell’UdC di rappresentare i piccoli comuni che non hanno voce e che vengono lasciati in secondo piano dalla politica. Sono convinto che faremo bene, abbiamo una squadra giovane e motivata a sostegno di Carlo Guerra e del candidato consigliere Paolo D’Andrea», sostiene Stefano Atzori.

Pubblicato in Politica

Le coste del Gargano stanno diventando luogo di sbarco per profughi provenienti dai paesi mediorientali. Dopo lo sbarco nella Settimana Santa, si è replicato con quello di qualche giorno fa. Stesso tratto di costa, tra Vieste e Mattinata, stessa tipologia di profughi, curdi e siriani.
«È un fenomeno che preoccupa non solo per la frequenza delle ultime settimane, ma anche per la facilità con cui i profughi risalgono l’Adriatico e trovano approdo sul Promontorio. Segno che c’è una organizzazione che ha molti mezzi e capacità organizzative che dovrebbero, a mio avviso, diventare oggetto d’interesse della commissione regionale sui fenomeni criminali», afferma Napoleone Cera, presidente del gruppo Popolari e membro della commissione criminalità della Regione Puglia, che aggiunge: «la riscoperta della rotta garganica, lancia un allarme che non può essere sottovalutato e che dovrebbe essere analizzato in tempi rapidi prima che sia troppo tardi. Curdi e siriani che sbarcano sul Gargano sono vittime della guerra, prima, e di un sistema, poi, che merita massima attenzione e che dovrebbe diventare oggetto di una prossima riunione della commissione criminalità, che ha il dovere di comprendere la natura delle nuove tipologie della criminalità organizzata e non solo fare letteratura mafiosa, utile per raccogliere qualche titolo sui giornali.»
«Chiederò alla presidente della commissione di convocare autorità giudiziarie e militari per approfondire il tema delle nuove rotte della criminalità organizzata nel trasporto di profughi provenienti da paesi in guerra, anche per evitare che si possano creare identiche condizioni ed emergenze che vivono altre zone del Paese», conclude Cera.

Pubblicato in Politica

Nessuna restrizione in vista, tanto per il potabile che per l'ir­rigazione dei campi. Le piogge invernali e le nevicate di gen­naio hanno garantito un in­gente apporto di acqua, anche quest'anno, nelle dighe della provincia di Foggia, gestite dal Consorzio per la Bonifica del­la Capitanata. L’invaso di Occhito è quasi al 90 per cento della capienza, con 205 milioni di me­tri cubi. Quasi piene anche le al­tre tre dighe destinate esclusivamente agli usi irrigui, ossia Capacciotti, Capaccio e Osento. Particolarmente rassicurante il livello di Occhito, sul fiume For­tore, al confine con il Molise. Re­sta l'amarezza per i grossi quan­titativi di acqua sprecati quando la diga di Occhito, in inverno, è piena. A gennaio, il Consorzio per la Bonifica della Capitanata, è stato costretto a buttare a mare 45milioni di metri cubi. Se a valle di Occhito fosse stata re­alizzata la diga di Piano dei Li­miti, tutta questa acqua sarebbe, stata accumulata.

Pubblicato in Ambiente

Un piano regionale per assumere 500 medici del 118. È la soluzione che l'as­sessorato regionale alla Sanità sta va­lutando per risolvere i problemi di organizza­zione dell'emergenza-urgenza. Sul tema si è tenuto un incontro in presidenza tra il gover­natore Michele Emiliano e il direttore del di­partimento Salute, Giancarlo Ruscitti. Nel 118 pugliese sono circa 500 i medici convenzionati e retribuiti come libero-profes­sionisti. Si ipotizza di aumentare il rapporto convenzionato. Ma si valuta anche la possibilità di un passaggio alla dipendenza, attraver­so un concorso pubblico. L'obiettivo è quello di migliorare il sistema realizzando una cen­trale unica sovraregionale del 118: «Siamo ancora alla fase embrionale - conferma il di­rettore Ruscitti - il presidente Emiliano ha chiesto di riprendere in mano una legge dell'ultima giunta Vendola che istituiva il di­partimento regionale emergenza-urgenza». Ma la Regione sta anche puntando a incrementare il soccorso aereo, prevedendo tre eli­cotteri distribuiti al nord, al centro e al sud della Puglia e attivi per 12 mesi, più un quar­to elicottero per le emergenze estive.

Pubblicato in Sanità

I trabucchi di Vieste sempre più icona del Gargano. Dopo i giapponesi, è stata la volta degli americani che in questi giorni hanno visitato i "giganti del mare" situati sul litorale viestano. Un gruppo di turisti provenienti dagli Stati Uniti sono stati sorpresi dalla bellezza e dall'autenticità dei nostri trabucchi. E sul trabucco di Molinella hanno assistito a dimostrazioni di pesca, assaporato alcune prelibatezze preparate dai pescatori del luogo e acquistato trabucchi in miniatura.

Pubblicato in Turismo

Al centro dell'incontro con l'europarlamentare pugliese le problematiche che interessano il territorio garganico. Si terrà sabato 20 maggio, alle ore 17.30, presso la Sala Consiliare del Comune di Vico del Gargano, un incontro con l’europarlamentare Elena Gentile. L’esponente pugliese del Partito Democratico, componente della Commissione Sanità, Occupazione e Affari Sociali della Comunità Europea, incontrerà i cittadini del Gargano per discutere delle problematiche che interessano il territorio. Ad organizzare l’evento, moderato da Michele Angelicchio, il Coordinatore del Circolo PD di Vico del Gargano, Nicolino Sciscio, che invita a partecipare le popolazioni del Gargano.Quello con l’eurodeputata Gentile è solo il primo di tanti incontri che si terranno nelle prossime settimane e che coinvolgeranno gli altri esponenti del Pd Provinciale.

Pubblicato in Politica

Un patrimonio di 632 specie autoctone vegetali della Puglia, tra le quali numerose, in particolare quelle più anti­che, rischiano di estinguersi. Ma l’agricol­tura, pugliese sta cambiando rotta, virando in maniera decisa verso la tutela della bio­diversità. Gli imprenditori del settore sono i primi a scommettere sulla molteplicità delle cultivar che recepiscono non più come un ritorno al passato, ma come una pro­posta di rilancio per il futuro. Non è un caso che sia stata istituita la giornata nazionale delle biodiversità in oc­casione della quale dal 18 al 26 maggio si terrà in Puglia la settimana dedicata «La tutela e la valorizzazione della biodiversità è asset strategico per lo sviluppo rurale della nostra Regione - ha sottolineato l'as­sessore delle Politiche agricole, Leonardo di Gioia –e le celebrazioni come questa sono pretesti importanti per raccontare quanto svolto fino ad oggi in termini di studio; ricerca e conservazione delle specie autoc­tone di tutto quanto è stato messo in campo dalla politica regionale a favore della tutela e valorizzazione della nostra eco­nomia agricola. Il nuovo programma di Sviluppo Rurale della Puglia – continua Di Gioia – per il periodo 2014/2020 riserva alla tutela della biodiversità importanti e nuove risorse finanziarie così da sostenere gli agricoltori che si impegnano a coltivare in modo sostenibile, tale da conservare le ri­sorse naturali e il patrimonio rurale, a van­taggio dell'immenso potenziale agricolo pu­gliese e della nostra qualità di vita. Tutelare e difendere la biodiversità vegetale - con­clude Di Gioia - significa preservare il paesaggio rurale, conservare tradizioni e tra­mandare storie millenarie, per consegnare questo patrimonio alle future generazio­ni». La sede dell' Assessorato all'Agricoltura della Regione Puglia (lungomare Nazario Sauro, 45/47, Bari) ospiterà per tutta la durata dell'evento la mostra fotografica «Bio­patriarchi: varietà locali di ortaggi, legumi, cereali, olivo, vite e frutti pugliesi dimen­ticati e ritrovati». La Settimana vedrà an­che il coinvolgimento degli studenti uni­versitari del progetto «agraria e forestale», che hanno lanciato un contest fotografico sulla biodiversità delle colture pugliesi. «Con la legge - ha specificato il dirigente della Sezione competitività delle Filiere Agroalimentari, Luigi Trotta - anche la Pu­glia potrà contribuire attivamente al pieno rispetta del Trattato Fao.

Pubblicato in Ambiente

Il Teatro Stalla Matteo Latino ha accolto la sua prima residenza artistica, premio di un contest internazionale dedicato alla memoria, ormai indelebile, del giovane drammaturgo a cui lo spazio è dedicato. I 4 vincitori della EU COLLECTIVE PLAYS PLAYWRITING COMPETITION IN MEMORY OF MATTEO LATINO hanno soggiornato nella residenza artistica del Teatro Stalla, presso l'Agriturismo Monte Sacro di Mattinata, dal 5 al 12 maggio. A coordinare i lavori è stato Gian Maria Cervo, direttore artistico del Festival Quartieri dell'Arte, assieme a Monica Nappo, illustre attrice che ha lavorato con Toni Servillo, Ozpetek, Garrone e Woody Allen. Nel corso di
questa residenza, i giovani scrittori hanno prodotto un testo che sarà pubblicato in inglese e sarà messo in scena nei più grandi teatri europei. Il concorso di drammaturgia è stato co-finanziato dal Programma Creative Europe dell'Unione Europea di cui è capofila il TSAM (Teatro Stabile delle
Arti Medievali), ente organizzatore del Festival Quartieri dell'Arte, eccellenza a livello mondiale per la produzione teatrale contemporanea (tanto che il quotidiano La Repubblica lo definì nel 2011 il "Silicon Valley della drammaturgia"). Attraverso il concorso, il Festival, con cui Matteo Latino aveva collaborato nel 2013, ha voluto rendere omaggio alla capacità del giovane uomo di teatro di Mattinata di rappresentare in maniera innovativa e irriverente i tratti della sua generazione. Alla
competizione drammaturgica hanno partecipato più di 100 scrittori under 30, provenienti dai 5 continenti. Si è svolto con grande successo anche l'incontro di networking sulle nuove forme della drammaturgia contemporanea e sulla creazione di una concreta rete attiva, proposto in tale occasione dalla Casa dei Te.So.Ri. Attiva è stata la partecipazione e vivo l'entusiasmo dei presenti, tutti rappresentanti di insigni realtà territoriali (dal Buck Festival all'Accademia delle Belle Arti di Foggia, dai drammaturghi del capoluogo alle associazioni e istituzioni locali). "Siamo orgogliose e soddisfatte - affermano Imma Latino, sorella del drammaturgo e Daniela Delzotti, direttrice artistica del Teatro Stalla – Il nome di Matteo continua a risuonare per l'intramontabile talento e per l'urgenza del suo messaggio. E assieme al suo nome riecheggia quello di una terra e di una generazione desiderose di riscatto e di rinascita. Lo sviluppo di questo progetto è un concreto invito a credere sempre e comunque, superando ogni tipo di ostinato recinto." Il sogno di Matteo è divenuto pienamente realtà: non solo nell'esistenza dello stesso Teatro Stalla ma nella concreta realizzazione di una prima residenza artistica, tra l'altro internazionale e alla sua poetica dedicata.
Ecco come l'urgenza di un necessario desiderio supera tutti i recinti...anche quelli della morte!

Pubblicato in Spettacolo

Contro quella che viene definita una «riduzione dell'offerta sanitaria sul terri­torio», il comitato a favore della permanenza e del potenzia­mento del punto di primo in­tervento di Vieste interviene con una lettera indirizzata all'amministrazione comuna­le. Al sindaco di Vieste il co­mitato, costituito il 18 marzo scorso e presieduto da Vincen­zo Disanti, chiede di presentare un ricorso amministrativo con­tro la delibera regionale dello scorso marzo, con cui fu stilato l'elenco dei comuni della Pu­glia, tra cui anche la cittadina garganica, che vedranno tra­sformati gli attuali «punti. di primo intervento» in «punti di primo intervento territoriale», cioè postazioni medicalizzate del 118 con personale a conven­zione. In sostanza, è la denuncia del comitato, «il punto di primo in­tervento verrebbe trasformato in un servizio di guardia me­dica con ambulanza al seguito con riduzione dell'offerta sani­taria sul territorio». Nella nota, inviata anche ai membri del consiglio comunale, il comitato sottolinea di aver promosso una raccolta firme tra i viestani per sollevare la questione ed impedire il ridimensionamen­to sanitario approvato dalla Giunta della Regione Puglia (é peraltro smentito nel corso di un incontro di qualche setti­mana fa tra un dirigente re­gionale e il sindaco). Le firme raccolte sono già 2500. Un mese fa il presidente del comitato incontrò l'attuale re­sponsabile alla sanità della Re­gione Puglia Giancarlo Ruscitti. «In quella occasione» dicono dal comitato «fu chiesto non solo il mantenimento ma anche il potenziamento di tutti i servizi sanitari. Ma nessun concreto riscontro è giunto sino ad og­gi». Con deliberazione del 30 novembre 2016 la giunta regionale approvò il piano di rior­dino ospedaliero e della rete di emergenza-urgenza. Il piano prevede la riconversione del punto di primo intervento di Vieste in postazione medicaliz­zata 118 entro un arco di tempo predefinito e comunque entro il 31 dicembre 2017. Il comitato sottolinea che «lo stesso decre­to ministeriale 70 del 2015 pre­vede in territori come quelli del Gargano, e quindi di Vieste, la possibilità di realizzare "ospe­dali di comunità" dotati per­sino di posti letto e dei servizi di diagnosi e cura, riesce incom­prensibile la penalizzazione per il territorio cittadino e la popolazione residente che ve­drebbe così riconvertito e declassato il proprio punto di pri­mo intervento in piena viola­zione dell'articolo 32 della Co­stituzione». Pertanto, «non avendo avuto reali rassicura­zioni in merito al futuro del punto di primo intervento di Vieste questo comitato forte della petizione popolare anzi detta, ritiene che la strada mi­gliore per rispondere ad un atto di giunta regionale debba es­sere la proposizione di un ri­corso», con un ricorso al presidente della Repubblica su autorizzazione del consiglio co­munale viestano. «che va riu­nito al più presto in seduta monotematica».

Il presidente del Co­mitato
Vincen­zo Disanti

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Info pubblicitaria/ LA GARGANICA rende i vostri eventi indimenticabili!

Fidati dello specialista delle decorazioni da festa per bambini ed adulti. Che si tratti di festeggiare un compleanno, una ricorrenza, un giorno speciale in famiglia o un'occasione tra amici, LA GARGANOPARTY ti propone tutto il necessario per una decorazione festiva eccezionale.

Organizzi una festa e hai voglia di creare un decoro originale? Creative sculture in palloncini? Lasciati sorprendere dalla Garganica Party. Se non sai da dove iniziare LA GARGANICAPARTY ha in serbo per te tante idee perfette per organizzare feste a tema di ogni sorta! Opta per una festa hawaiana, una festa di nascita, un compleanno sul tema dei pirati per i bambini, un matrimonio vintage, un compleanno a tema Disney... tutto ti è concesso!
Goditi l'organizzazione della festa perfetta!

Da LA GARGANICA trovi inoltre i fiori più belli e di ogni tipo, proposte uniche create per soddisfare tutte le esigenze...addobbi floreali , splendide composizioni e accurati per sale da ricevimento , camere d’albergo, matrimoni tutto con consegna a domicilio gratuita !
La Garganica un mondo di servizi in più...

La Garganica in via Verdi a Vieste, telefono: O884/701740 – 340/6232075

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Pubblicato in Sanità
Pagina 1 di 2

Ondaradio consiglia...

Lucatelli arredamento

Reporter della tua città

05 Novembre 2017 - 14:42:44

Reporter della Tua Città/ “La NOSTRA forza la VOSTRA generosità

Nella mia nuova funzione di presidente del Gruppo Fratres di Vico del Gargano, insieme a tutto l'efficiente Direttivo ed al Gruppo Fratres di Carpino, sulla spinta emozionale di…

Seguici su...

Emittente radiofonica OndaRadio - Editore: Associazione Amici della Radio - Lungomare Europa - Marina di Vieste - Lotto 24 - CF 93005440719 - Partita Iva 01689250718
Presidente: Mario Vieste - Direttore Responsabile: Ninì delli Santi - Telefono: 0884 705248 - Email: info@ondaradio.info
Registrazione al Tribunale di Lucera n. 64 del 24/02/1988 - Registro periodici del Tribunale di Foggia 02/09/2005